Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

dialogo

3 parole sbagliate nella nostra vita che San Francesco d’Assisi ci insegna a sostituire

Il "poverello di Assisi" è stato il primo ad aver messo da parte azioni come denigrare, isolare e tollerare, sostituendole con dialogo, integrazione e accoglienza. E lo ha fatto con gesti concreti

Prima di discutere, dimmi come stai e cosa senti

Dialogo e discussione non sono in antitesi nella vita di coppia. Ma una vera discussione risulta infruttuosa e quasi impossibile se non è preceduta da un dialogo.

7 consigli per restare umani nei social network

Meglio dare una buona notizia che criticarne una cattiva. Fatela breve e, possibilmente, ironica.

Un matrimonio tra cattolici e atei può funzionare?

Il rispetto reciproco è la base non negoziabile di questo genere di matrimoni

7 semplici regole per una parrocchia al passo con i tempi

Un libro per laici e religiosi sulla responsabilità di ciascuno per rendere le nostre comunità più autentiche e fattive

Come criticare con gentilezza e intelligenza?

4 regole per evitare discussioni sterili sintetizzate dal filosofo Daniel Dennett

Zygmunt Bauman: “Il vero dialogo non è parlare con gente che la pensa come te”

Il sociologo e filosofo polacco denuncia che le reti sociali non sono una comunità, ma solo un sostituto

Le 3 domande che ogni donna vorrebbe sentirsi rivolgere

Se si vuole conoscere qualcuno a un livello più profondo bisogna sapere cosa chiedere

Realismo vs Utopia, due generazioni a confronto

Un video-fumetto fa riflettere sulla diversa concezione del futuro tra madre e figlio