Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

causa di canonizzazione

“Sono convintissimo che è stato tutto dono del Signore”. Anche il cancro

Le bellissime parole del testamento del prete di Ponticelli, Don Agostino Cozzolino, già Servo di Dio, che si avvia verso la beatificazione

Ora è ufficiale: Paolo VI sarà santo!

La Congregazione per le Cause dei Santi ha approvato il miracolo di Amanda. Ultimo atto: il via libera (formale) di Papa Francesco. La canonizzazione ad ottobre 2018

Morti sull’esempio di Gesù. Ecco la “quarta via” per diventare santi

Finora c'erano tre possibilità per avviare una canonizzazione. Ora c'è anche "l'offerta della vita"

Che differenza c’è tra santi e beati?

Non sono Sante, anche se non riconosciute, tutte le persone accolte in Cielo?

Io, Bergoglio testimone della santità di Giovanni Paolo II

Le profonde parole dell'allora cardinale di Buenos Aires per la causa di Beatificazione e Canonizzazione di Giovanni Paolo II

Accanto a Giovanni Paolo II: gli amici e i collaboratori raccontano

Un libro del vaticanista Wlodzimierz Redzioch «per ricordare, conoscere, amare e pregare Karol Wojtyla, l'Uomo, il Papa, il Santo»

G.K. Chesterton sarebbe un santo “rivoluzionario”

Per il curatore dell'indagine preliminare, don John Udris, sarebbe un esempio per tutti i laici contemporanei

Padre Gumpel: “La mia famiglia, perseguitata dai nazisti”

Il relatore della causa di beatificazione di Pio XII racconta alcune storie inedite della sua famiglia negli anni della guerra.

Un santo per la causa della vita: Jerôme Lejeune

Negli anni Sessanta e Settanta, osservava con orrore che la maggior parte dei suoi colleghi accettava l'aborto