Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 17 Settembre |
Santi Cornelio e Cipriano
home iconSpiritualità
line break icon

Margherita di Castello: un rarissimo caso di “canonizzazione equipollente”

AK / Collection particulière

Aleteia - i.Media per Aleteia - pubblicato il 27/04/21

Papa Francesco ha deciso di estendere alla Chiesa universale il culto della beata Margherita di Città di Castello: la religiosa italiana nata nel 1287 diventa santa per una procedura detta “equipollente”.

Margherita di Città di Castello – nota anche come Margherita di Metola – è ormai annoverata fra i santi della Chiesa cattolica. Nata verso il 1287 in una famiglia della piccola nobiltà: sarebbe stata cieca e handicappata fin dalla nascita. Sperando in un miracolo, i genitori la condussero a Città di Castello, in Umbria, sulla tomba di un frate francescano morto in odore di santità. Il miracolo non ebbe luogo e i suoi genitori la abbandonarono lì sul posto. 

La bimba crebbe e visse in un monastero mendicando il proprio cibo: la sua levatura spirituale provocava però delle gelosie, tanto che venne scacciata anche da lì. Alla fine fu accolta in una famiglia dove si dedicò all’educazione dei bambini e a una vita di carità verso i più miseri. Assai pia, frequentava una chiesa gestita dai Domenicani – e poi sarebbe anche entrata a far parte del Terz’Ordine domenicano

Facendo di Margherita una santa mediante canonizzazione “equipollente”, papa Francesco ha scorciato alcune procedure (facoltà a cui erano ricorsi anche alcuni dei suoi predecessori): con essa la Chiesa assicura che la santa può essere presa a modello e può intercedere, ma non garantisce l’esattezza dei fatti riportati su di lei per riguardo alle norme della critica storica. 

La canonizzazione equipollente è utilizzata soprattutto quando i fatti si riferiscono a un lontano passato, e può essere praticata senza il riconoscimento di alcun miracolo. Essa si giustifica quando i canonizzati beneficiano di un culto locale molto antico, e difatti viene utilizzata assai di rado. Papa Francesco vi ha fatto ricorso cinque volte: nel 2013 per Angela da Foligno, nel 2014 per José de Anchieta, François de Laval e Maria dell’Incarnazione. Il caso più recente è stato invece quello del polacco Michel Giedroyc, monaco del XV secolo, nel 2019. 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Tags:
canonizzazionecausa di canonizzazione

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
7
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni