Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 05 Dicembre |
Beato Filippo Rinaldi
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il miracolo che rende santo Giustino Russolillo: guarito un prete dal coma

DON GIUSTINO RUSSOLILLO

Unknown | Fair Use

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 29/10/20

Papa Francesco, dopo aver approvato il miracolo per intercessione di Russolillo, sacerdote napoletano fondatore dei vocazionisti, ne ha annunciato la canonizzazione il prossimo 15 maggio 2022

Don Giustino Russolillo, il “Padre Pio di Napoli”, sarà santo il prossimo 15 maggio 2022. Papa Francesco ha dato il via libera alla guarigione miracolosa avvenuta nel 2016, per intercessione del sacerdote napoletano e ha decretato la data della canonizzazione.

Una vita trascorsa a Napoli

Fondatore della Società delle Divine Vocazioni e della Congregazione delle Suore delle Divine Vocazioni, don Giustino Russolillo è nato il 18 gennaio 1891 a Pianura di Napoli (Italia) e morto sempre a Napoli il 2 agosto 1955. Fu parroco di “San Giorgio Martire” nel rione Pianura, dal 20 Settembre 1920 fino alla sua morte il 2 Agosto 1955.

GIUSTINO MARIA RUSSOLILLO

Direttore spirituale e predicatore di ritiri

Spese la sua vita per i giovani chiamati da Dio ad essere sacerdoti o religiosi. Fondò il Vocazionario, un’opera dove si accolgono nella pietà e nello studio quanti mostrano segni di vocazione e non son ancora orientati verso una congregazione o una diocesi. Oltre ad essere stato fondatore e parroco, don Giustino Russolillo era molto apprezzato come direttore spirituale e predicatore di ritiri, per molti un santo già quando era in vita (Aci Stampa, 28 ottobre).

La guarigione del vocazionista

All’intercessione del beato Russolillo è stato attribuito un miracolo che lo ha portato alla canonizzazione. Sarà santo per la guarigione di un giovane vocazionista avvenuta il 21 aprile 2016 a Pozzuoli. Il religioso di origine malgascia era stato rinvenuto a terra nella sua camera in mezzo a chiazze di sangue. Subito era stato ricoverato il 16 aprile in condizioni molto gravi per danni all’apparato respiratorio.

L’uscita dal coma scientificamente non spiegabile

Lo stesso giorno del ricovero il superiore provinciale della Congregazione aveva invitato tutti i confratelli a pregare “don Giustino” per la guarigione. Uno di loro il 18 aprile portò un’immagine del beato con una reliquia e la depose sul corpo del religioso malato.

Quel giorno la situazione clinica era ancora molto grave. Il 21 le condizioni migliorano in modo repentino e il giovane vocazionista esce dal coma fino a essere dimesso il 3 maggio, con i medici che non riuscivano a spiegarsi la guarigione improvvisa (Vatican News, 28 ottobre).

Con questo miracolo si è compiuto l’ultimo passaggio, affinchè Giustino Russolillo, già beato, diventasse santo.

Tags:
causa di canonizzazionemiracoli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni