Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 02 Dicembre |
Santa Blanca de Castilla
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Quali sono le condizioni per essere dichiarati dottori della Chiesa? 

Hildegard of Bingen

Nieznany autor, Public domain, Wikimedia Commons

Anna Ashkova - pubblicato il 21/10/22

25 anni fa, il 19 ottobre 1997, santa Teresa di Lisieux veniva proclamata dottore della Chiesa da Giovanni Paolo II. Oggi sono 37 i santi a sedere sugli scranni di questa “Accademia celeste”. Ma come ottengono tale titolo?

La Chiesa ha creato ufficialmente il titolo di “dottore della Chiesa” nel 1295. I primi a riceverlo furono i santi Ambrogio, Agostino, Girolamo e Gregorio Magno. Tre secoli più tardi, nel 1567, san Pio V completò questa lista con san Tommaso d’Aquino. L’anno successivo i “quattro Padri della Chiesa greca” (i santi Atanasio, Basilio Magno, Gregorio di Nazianzo e Giovanni Crisostomo) si aggiunsero alla lista. A loro si unì Bonaventura nel 1586. A partire dal XVIII secolo il titolo, dato con maggiore frequenza, fu accordato ai santi Anselmo di Canterbury, Isidoro di Siviglia, Pietro Crisologo e Leone Magno

Nel XIX secolo, nove altri santi vennero proclamati dottori della Chiesa: Pier Damiani, Bernardo di Chiaravalle, Ilario di Poitiers, Alfonso Maria de’ Liguori, Francesco di Sales, Cirillo di Alessandria, Cirillo di Gerusalemme, Giovanni Damasceno e Beda il Venerabile. Il XX e il XXI secolo, da soli, fanno fare bella figura ai medievali e ai moderni, con l’eccezione di due orientali antichi – Efrem il Siro e Gregorio di Narek. I santi Pietro Canisio, Giovanni della Croce, Roberto Bellarmino, Alberto Magno, Antonio di Padova, Lorenzo da Brindisi, Giovanni d’Avila… La lista si allunga e comprende anche quattro donne: le sante Teresa d’Avila, Caterina da Siena, Teresa di Lisieux e Ildegarda di Bingen. Dopo la proclamazione, nel gennaio 2022, di Ireneo di Lione, la Chiesa cattolica conta 37 dottori. Per ottenere questo titolo, tuttavia, i laureati celesti hanno dovuto rispondere a diversi criterî. 

Dottrina eminente, santità di vita ed elezione pontificia 

Anzitutto non bisogna confondere i Dottori della Chiesa con i suoi Padri, anche se alcuni di questi (come Ambrogio oppure Agostino) portano entrambe le denominazioni. I Padri della Chiesa sono i pensatori i cui scritti costituiscono le basi della dottrina della Chiesa stessa. Mentre il termine di dottore della Chiesa” si applica ai teologi, ai filosofi o agli scrittori antichi che hanno significativamente arricchito la dottrina della Chiesa, sia a livello filosofico-teologico sia sul piano ascetico-spirituale. 

La Chiesa – indica la Conferenza dei Vescovi di Francia – attribuisce ufficialmente questo titolo a dei dottori ai quali riconosce una attrita particolare di testimoni della dottrina, in ragione della sicurezza del loro pensiero, della santità della loro vita, dell’importanza della loro opera. 

Benedetto XIV, che fu papa tra il 1740 e il 1758, esplicitò le condizioni richieste per divenire dottori, sempre a titolo postumo. I criterî sono tre: 

  1. dottrina eminente; 
  2. santità di vita; 
  3. elezione da parte del Romano Pontefice o di un Concilio Generale. 

«Un dottore della Chiesa è un santo la cui eminenza, nel pensiero teologico e spirituale, è riconosciuta come contributo significativo per la dottrina della fede cristiana», precisa ad Aleteia fr. Élie Ayroulet, vice-postulatole della causa del dottorato di Ireneo di Lione, professore di patristica e vice-decano della facoltà di teologia dell’Università Cattolica di Lione: 

Oltre alla santità di vita, è il grado di eccellenza e di pertinenza della dottrina che merita attenzione. La dottrina dev’essere sicura, originale, e deve avere un’incidenza e un’influenza nella Chiesa verificata nel corso delle epoche. In un dato momento, la Chiesa può ritenere opportuno mettere in evidenza la dottrina spirituale e teologica di un santo perché la considera pertinente e di attualità per la fede dei battezzati. 

In pratica, il Dicastero delle cause dei santi riceve lettere di postulatori per quanti chiedono questo titolo per un santo. Viene consultato anche il Dicastero per la Dottrina della Fede. Dopo che questi due organi di Curia Romana si siano espressi, la proposizione del titolo viene sottoposta al Papa o al Concilio Generale, ossia alle uniche autorità abili a proclamare un dottore della Chiesa. Se queste convalidano la proclamazione, spesso mediante lettera apostolica, essa viene fatta oggetto di una celebrazione solenne. Il calendario liturgico riserva quindi delle menzioni speciali per celebrare i dottori della Chiesa. 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
dottori della Chiesadottrinadottrina cattolicafede e scienzasantità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni