Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Maggio |
Sant'Agostino di Canterbury
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Sant’Ireneo sarà il 37esimo dottore della Chiesa. Perchè è stato scelto lui?

SAINT-IRENEE-LYON-JUNE-28-054_cor19577.jpg

Leemage via AFP

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 20/01/22 - aggiornato il 21/01/22

Il Papa aveva già annunciato la sua intenzione di proclamare Sant’Ireneo dottore della Chiesa dandogli il titolo di "Doctor Unitatis" lo scorso 7 ottobre

Sant’Ireneo di Lione, teologo del II secolo che fu campione della lotta alle eresie gnostiche, è ufficialmente proclamato da Papa Francescodottore della Chiesa. La decisione è stata presa nell’udienza concessa dal Papa al Cardinale Marcello Semeraro, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi.

Il decreto del Papa

“Sant’Ireneo di Lione, venuto dall’Oriente, ha esercitato il suo ministero episcopale in Occidente: egli è stato un ponte spirituale e teologico tra cristiani orientali e occidentali. Il suo nome, Ireneo, esprime quella pace che viene dal Signore e che riconcilia, reintegrando nell’unità. Per questi motivi, dopo aver avuto il parere della Congregazione delle Cause dei Santi, con la mia Autorità Apostolica lo DICHIARO Dottore della Chiesa con il titolo di Doctor unitatis. La dottrina di così grande Maestro possa incoraggiare sempre più il cammino di tutti i discepoli del Signore verso la piena comunione”.

L’annuncio del 7 ottobre

Il Papa aveva già annunciato la sua intenzione di proclamare Sant’Ireneo dottore della Chiesa dandogli il titolo di “Doctor Unitatis” lo scorso 7 ottobre, incontrando il gruppo misto di lavoro cattolico ortodosso che prende proprio il nome del Santo.  (Aci Stampa, 20 gennaio).

saint Irénée
Sant’Iréneo.

Filosofo dell’Asia Minore

Nato in Asia Minore intorno al 130 e morto a Lione verso il 202. Teologo, scrittore cristiano di lingua greca. I dati biografici di Ireneo provengono, per la maggior parte, dalle sue stesse opere. Originario dell’Asia Minore, ricevette in Oriente un’ottima formazione religiosa, filosofica e teologica alla scuola di Policarpo, di Papia e di Melitone.

Vescovo a Lione

Sembra che sia stato per un certo periodo anche a Roma. Lo troviamo comunque verso il 177 a Lione, in Gallia, la cui comunità lo invia a Roma presso il vescovo Eleuterio per portargli la Lettera dei martiri di Lione. Non si sa precisamente quando divenne vescovo di Lione; in ogni caso al suo ritorno da Roma è il successore di Potino. Sembra che sia morto martire durante la cosiddetta persecuzione di Settimo Severo; però la notizia del suo martirio e tardiva.

Le due opere di Sant’Ireneo

Le opere di Ireneo a noi giunte sono due: la prima intitolata Adversus haereses (Contro le eresie), conservataci intera solo in una traduzione latina di carattere letterale e, per quando riguarda alcuni libri, in traduzione armena e siriaca. Vi sono anche numerosi frammenti greci. Essa ha come scopo “lo smascheramento e la confutazione della falsa gnosi” (come indica il titolo greco). 

La seconda invece, cioè la Esposizione della predicazione apostolica, di cui solo nel 1904 è stata ritrovata una traduzione armena, è un breve compendio della fede cristiana con carattere catechetico. E’ considerato anche il più antico catechismo della dottrina cristiana (Aleteia, 19 luglio 2019).

37esimo dottore della Chiesa

Sant’Ireneo, scrive ancora Aci Stampa, sarà il 37esimo Santo ad essere riconosciuto dottore della Chiesa, un titolo emerso per la prima volta nel corso dell’Alto Medioevo, che viene conferito per aver mostrato tre qualità: essere una persona di eminente cultura (eminens doctrina). Cioè mostrare un marcato grado di santità nella vita (insignis vitae sanctitas); essere riconosciuta per tali qualità da una dichiarazione della Chiesa (ecclesiae declaratio).

🔵 (FOTOGALLERY) Alcuni pensieri di Sant’Ireneo di Lione per il cristiano odierno 🔵

Sant’Ireneo e i Vangeli

Uno dei motivi che hanno inciso sulla decisione del Papa di proclamare Sant’Ireneo dottore della Chiesa, è che il vescovo di Lione è considerato una sorta di “inventore” dei Vangeli. Nella sua grande opera Contro le eresie, Sant’Ireneo è effettivamente il primo autore cristiano a parlare dei “Vangeli” – intesi come libri e al plurale –, nonché a interrogarsi sul loro numero. Prima di lui san Paolo, e poi sant’Ignazio di Antiochia, avrebbero parlato di “Vangelo” intendendo la proclamazione della salvezza in Gesù Cristo (Aleteia, 23 giugno 2021).

Sant’Ireneo e l’unità dei cristiani

Ma perché decise di scrivere Contro le Eresie? Nella risposta a questa domanda sta un ulteriore motivo che ha determinato la scelta di Papa Francesco. Sant’Ireneo, infatti, è stato anche un profeta dell’unità dei cristiani.

Quando fu stato eletto vescovo di Lione, constatò le inquietanti divisioni fra i cristiani della città, seguite alle violente persecuzioni dell’imperatore Marco Aurelio. Queste lacerazioni interne erano dovute al proliferare di sette gnostiche, che provavano ad attirarli nella loro rete. Queste sette avevano tutte un punto in comune: negavano la Risurrezione. Questi uomini pretendevano di detenere il segreto delle tradizioni degli apostoli. Per porvi rimedio, Sant’Ireneo si fece “catechista” e consacrò i suoi scritti alla propagazione della vera fede trasmessa dagli apostoli. Da qui l’idea di scrivere Contro le Eresie, un’opera che fu fondamentale per abbassare le tensioni tra i cristiani di Lione, e riportarli nella direzione del Vangelo (Aleteia, 28 giugno 2021).

Tags:
Ireneo di Lione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni