Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 06 Dicembre |
Beato Filippo Rinaldi
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Leone, il Papa che fermò Attila alle porte di Roma

Aliénor Goudet - pubblicato il 10/11/21

Nell’estate del 452 l’armata degli Unni, che semina il terrore in Asia e in Europa da diversi decenni, è giunta alle porte di Roma. Per convincerli a risparmiare la città, papa Leone I (390-461) va incontro al loro capo, Attila (395-453) per negoziare.

Siamo nell’estate del 452. È circa mezzogiorno quando papa Leone I arriva al campo Ambuleo, nei pressi di Mantova, accompagnato da personaggi illustri di Roma: notabili prefetti, segretari… c’è anche qualche diacono. Dieci legionari li scortano, ma non portano armi: tutti sono vestiti degnamente, ma Leone ha chiesto che nessuno sia armato. È lui a camminare in testa, portando lo stendardo pontificio e un crocifisso: non sarà qualche spada a fare la differenza, se Attila decide di non lasciarli rientrare a Roma. 

Signore – mormora il papa –, ispira il mio cuore e il mio spirito. E sia fatta la Tua volontà. 

Gli Unni non poterono che trasecolare, davanti a questi messi vestiti di bianco e disarmati. La loro dignità non manca di colpire Attila stesso. Furono condotti sotto una tenda dove fu offerto loro un pasto sontuoso. A quel punto furono i romani a stupirsi di quest’accoglienza degna di un re – soprattutto provenendo essa da quanti essi considerano barbari senza fede né legge. Il re degli Unni, vestito alla romana, parlamenta con gli emissari accompagnato dai suoi generali. Sotto la tenda serpeggia una tensione silenziosa. Passa un angelo. 

– Siamo fortunati – dice finalmente Leone –: Dio ci concede un tempo favorevole. 

– Certo – risponde Attila –, ma con questo caldo il temporale non tarderà. 

Lo scambio rompe il ghiaccio a partire dalle banalità. Attorno al tavolo della pace, il colloquio prende risvolti più sereni: Leone parla della bellezza delle regioni italiane e delle contrade dell’Asia Minore, che ben conosce. Attila ascolta attentamente il Papa, soggiogato dalla sua eloquenza. Dopo un lungo pomeriggio di conversazione sulle bellezze dell’Asia, i due partiti si separano. 

Una discussione misteriosa 

Come convenuto, Leone torna due giorni dopo. Stavolta, Attila vorrebbe restare da solo con lui. I due uomini discutono lungamente, e i compagni del Papa pregano, temendo per l’avvenire della città eterna. Che cosa si dicono? Nessuno lo sa, ma Attila lascia Roma l’8 luglio. 

Forse il re degli Unni si è reso conto della propria età avanzata e teme di non poter morire nelle sue terre natali? Forse lo spaventa l’epidemia che si diffonde tra i suoi ranghi? Gli Unni sono superstiziosi, e Attila si sarà ricordato di Alarico, morto poco tempo dopo il sacco di Roma nel 410? Leone è un uomo saggio e accorto, non è impossibile che abbia accompagnato il re degli Unni in questa riflessione. Sia come sia, Attila preferisce ripartire vittorioso con un bottino adeguato: Roma è risparmiata. Di ritorno nella città eterna, il Papa si affretta a celebrare una messa di ringraziamento. 

San Leone Magno rende l’anima nel 461. Benedetto XIV lo proclama dottore della Chiesa nel 1754. Oltre alla sua grande influenza politica, Leone ha passato la vita a difendere le due nature di Cristo. La Chiesa cattolica lo festeggia il 10 novembre. 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
san leone magnostoria della chiesa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni