Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconFor Her
line break icon

«Lei, signor Montanelli, violentò una bambina di 12 anni?» chiese Elvira Banotti

MONTANELLI,BANOTTI

[Montanelli] Public Domain | [Banotti] Fair Use

Annalisa Teggi - pubblicato il 16/08/18

Un confronto televisivo intenso in cui la femminista più tosta incastrò il giornalista più scaltro sulla sua condotta giovanile in Africa

Al candido entusiasmo maschile con cui Indro Montanelli raccontava in TV l’esperienza giovanile di soldato in Abissinia si contrappose, ad un certo punto, la chiara voce femminile di una bellissima ragazza che gli chiese: «Quindi lei ha violentato una bambina di 12 anni?».
Lei era una giovane Elvira Banotti, una vita di battaglie femministe ancora tutta davanti e da vivere, e il programma in cui accadde il confronto era L’ora della verità di Gianni Bisiach, siamo nel 1972. L’irruenza della Banotti di fronte al guru del giornalismo lasciò basiti gli altri ospiti nello studio e il conduttore stesso, poche battute ancora tra i due e la trasmissione s’interruppe.


NIGERIA, ESEOSA, ORFANOTROFIO

Leggi anche:
La vocazione di Eseosa: tornare in Nigeria per costruire una casa a Dio

Un’avventura da colonialista

Dieci anni più tardi, senza interlocutori a spiazzarlo con la disarmante verità, Indro Montanelli raccontò tutta la sua versione dell’avventura in Africa alla telecamera di Enzo Biagi. Ripercorriamo i fatti narrati.
Nel 1935 l’Italia invase l’Etiopia. Montanelli lavorava già come giornalista per l’americana United Press, si propose come inviato in zona di guerra, ma l’agenzia non acconsentì perché essendo italiano non avrebbe potuto essere obiettivo nelle sue corrispondenze, così lasciò il giornale e si arruolò volontario.
A soli 23 anni fu messo a capo di un esercito indigeno di 100 uomini, senza conoscere nulla dell’Africa e lui stesso riconosce l’errore delle forza armate in questo. Ma furono due anni bellissimi, dice.

Ebbi due anni di vita all’aria aperta, bella, di avventura e in cui credetti di essere un personaggio di Kipling. (da Cento anni)

Quando Enzo Biagi introduce l’argomento della giovane moglie che Montanelli ebbe in Africa, il fondatore de Il Giornale risponde con allegria leggera:

Regolarmente sposata, in quanto regolarmente comprata dal padre. Aveva 12 anni, ma non mi prendere per un bruto: a 12 anni quelle lì sono già donne. […] Avevo bisogno di una donna a quell’età. Me la comprò il mio sottufficiale insieme a un cavallo e un fucile, in tutto 500 lire. […]. Lei era un animalino docile; ogni 15 giorni mi raggiungeva ovunque fossi insieme alle mogli degli altri. (Ibid.)
BAMBINA, AFRICA, PIAZZA
Shutterstock

Quella lì, comprata, animalino docile. Sono parole effettivamente pesanti e che non credo andrebbero in onda in nessuna trasmissione di oggi. Non che sia cambiata del tutto la mentalità, ma senz’altro la forma di esprimere certi pensieri è percepita come intollerabile.




Leggi anche:
Viaggio in Africa: all’estremità del mondo per ammirare come si incarna lì l’Amore!

Nel giugno 2020 le proteste per la morte dell’afroamericano George Floyd di Minneapolis hanno oltrepassato i confini degli Stati Uniti e sono arrivate anche in Italia, in forme pacifiche ma non solo. A Milano la statua di Indro Montanelli nell’omonimo parco è stata imbrattata di vernice rossa e ne è stata chiesta la rimozione. Ai piedi del monumento è comparsa la scritta «razzista stupratore» con riferimento ai fatti noti sulla condotta coloniale di Montanelli, che «sposò» una bambina africana di 12 anni negli anni ’30. Portavoce di questa accusa nei confronti del celebre giornalista è stato il movimento dei Sentinelli che ora chiede, anziché rimuovere la statua, di aggiungere l’effigie della consorte bambina accanto a quella di Montanelli. L’episodio ha suscitato forti reazioni in tutta l’opinione pubblica, da chi ha colto la palla al balzo per rincarare le accuse di razzismo e fascismo contro Montanelli, a chi invece ha difeso a spada tratta l’ex-direttore del Giornale che già fu vittima di un attentato da vivo. Il 2 giugno 1977 Montanelli fu colpito dalla colonna milanese delle Brigate Rosse, i terroristi gli spararono otto colpi, secondo la pratica della gambizzazione, e lo lasciarono gravemente ferito.

A fronte di questo panorama che attraversa la storia a tinte rosse, è evidente che l’orizzonte cupo della violenza ottenebra la vista e il giudizio, corrode cuore e spirito, soffoca ogni speranza. Non si rende giustizia a un male subito o perpetrato ad altri uccidendo un uomo colpevole; buttando giù una statua non si cambia di una virgola la condizione di chi è tutt’ora abusato.

Raccontare con onestà il male commesso da altri è sempre fare i conti anche col proprio male, non esistono anime perfettamente candide. Siamo tutti segnati dalla tentazione di tradire, violare, ferire perché il male è dentro ogni uomo: ogni storia comincia da questo dato inalienabile. La sfida vera è stare dentro le contraddizioni umane senza la brama aggressiva di estirpare il male dal mondo. A noi spetta riconoscerlo senza pregiudizi e denunciarlo; poi ci spetta l’ardire di scommettere di più sui semi di bene da coltivare. L’unica vera forza in grado di contrastare il male è quella che gli oppone un impegno più tenace nell’esercizio delle virtù e che ci tiene lontani dalla tentazione di scendere nella voragine senza fine di vendette e contro vendette.

Elvira la tosta

E qui entra in campo il femminismo ed Elvira Banotti, detta “la tosta”. Prima ancora dei titoli che le spettano, basterebbe citare tre episodi che la riguardano per inquadrare il suo estremismo. Nel 1971 fondò il Tribunale dell’8 marzo per processare la Chiesa cattolica perché, a suo dire, “ha ideato la teologia dello stupro”: venne condannata per vilipendio, poi assolta.

https://www.youtube.com/watch?v=N_2xZWu_Ak8&feature=youtu.be

Sempre negli anni ’70 fu protagonista di un gesto clamoroso in un piccolo paese dell’entroterra siciliano, dove una ragazza era stata stuprata da un gruppo di compaesani: dopo aver fatto visita alla famiglia della ragazza attraversò all’ora di punta la via principale del paese ed entrò nel negozio del barbiere, dove si fece lavare e acconciare i capelli dall’uomo di servizio accanto ai clienti con la coppola. Nel 2013 fu largamente contestata per aver attaccato l’ideologia gay:

E’ il clima sbrindellato delle ideologie che consente a Gay e Lesbiche di investirci tutti con l’accusa di “omofobia” mentre sono attentissimi a oscurare le proprie pregiudizievoli cicatrici emotive con le quali aggiornano il sedimentato, morboso allontanamento tra uomini e donne: cioè l’erotismo e la preziosità dell’Accoppiamento. Sono depositaria di alcune loro narrazioni (autentiche). Raccontano sofferenze causate da un immaginario atrofizzato, evidenziano “scissioni” emotive derivate da rapporti alterati dalla misoginia, disastri che Gay e Lesbiche (più corretto definirli Ginofobi e Omofobe) riescono abilmente a oscurare. Traumi che per la loro intensità dovrebbero al contrario preoccuparci notevolmente! Più di quanto lo richiedano gli atteggiamenti deludenti di un uomo (forse) eccessivamente… espansivo. (da Il Foglio)

Pixabay.com/Public Domain

Siamo abituati a classificare le persone in base al nostro accordo o disaccordo con le posizioni che prendono, Elvira Banotti è stata una figura inafferrabile in questo senso. E forse c’insegna che il criterio giusto di ogni confronto dovrebbe essere quello di considerare il valore delle argomentazioni messe sul tavolo, e non la casella in cui abbiamo già ingabbiato chi la pronuncia.




Leggi anche:
Dorothy Day: dal dolore di un aborto fiorì un amore zelante per il Dio vivente

Una domanda giusta, una risposta fragile

Nel breve dibattito che ci fu tra lei e Montanelli nel 1972 ci si spalanca davanti agli occhi tutta la fragilità di chi usa la ragione a compartimenti stagni. Montanelli racconta con leggerezza e boria le sue “nozze” africane, la Banotti chiede: “In Europa si direbbe che lei ha violentato una bambina di 12 anni, quali differenze crede che esistano di tipo biologico o psicologico in una bambina africana?”. La risposta di Montanelli: “In Abissinia funziona così”.

  • 1
  • 2
Tags:
africafemminismoviolenza sessuale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni