Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Dorothy Day: dal dolore di un aborto fiorì un amore zelante per il Dio vivente

Courtesy of Marquette University Archives
La serva di Dio Dorothy Day mentre legge ai bambini.

Condividi

Santa Teresa di Calcutta la considerò membro ad honorem del suo ordine, per l'FBI era una radicale pericolosa. Lei, abitando coi poveri, sperava di essere ricordata per il minestrone e non come santa

Cos’è l’uomo, dove sta andando, qual è il suo destino? È un mistero. Siamo figli di Dio ed è una cosa terribile cadere nelle mani del Dio vivente. (da Una lunga solitudine)

Per raccontare qualcosa di Dorothy Day bisogna partire nel modo meno comodo possibile, magari stando seduti su una sedia a cui manca una gamba. Non sentirsi a posto, ecco.

I giorni di ogni vita sono fatti di passi per nulla accompagnati da un ritmo costante, se c’è un’armonia la si deve far cantare a Chi ci guarda da lassù, il solo in grado di vedere un senso buono in tutte le nostre storture.

Dorothy Day è una «cantante stonata» di sé, ferita dalle grandi stonature del mondo: portò addosso il proprio male come una macchia su un abito bianco e lo incontrò a ogni angolo di strada in uno sbandato che bestemmiava o in una madre che elemosinava qualche dollaro.

Perciò, dovendo cominciare a raccontare la propria storia nel libro Una lunga solitudine, la Day parte dalla confessione:

«Ho peccato, questi sono i miei peccati». Questo è quanto si deve dire; non i peccati altrui, o le proprie virtù, ma solo i propri brutti, scialbi, monotoni peccati.

DOROTHY DAY AT MASS
Bob Fitch Photography archive | © Stanford University Libraries

 

Le grandi bandiere del pensiero dominante giudicherebbero virtù molti di quelli che lei col tempo chiamò peccati. Facilmente le etichette la infilerebbero nella casella delle femministe, liquidando con uno stereotipo una vita nient’affatto adatta a essere chiusa in una categoria sociale, psicologica, religiosa. Sì, lei fu tra le pioniere che si batterono per il diritto al voto delle donne.

Ma poi il cerchio si allargò in maniera radicale, la battaglia riguardò tutti gli esclusi, emarginati, inutili: dal grembo materno ai marciapiedi di strada.

Allora ripercorriamo gli eventi più significativi che hanno portato questa donna americana a un confronto serrato col mistero terribile del Dio vivente.

Teniamo innanzitutto a mente la meta, l’ultimo tassello della sua vita terrena: sulla tomba di Dorothy Day a Staten Island è raffigurato un cesto di pane con dei pesci, il tutto è accompagnato dalla scritta «Deo gratias».

Di cosa deve ringraziare Dorothy? Di un cammino inesausto, tumultuoso, proteso a dare un nome buono a tutto ciò che è Altro, anche il proprio io.

Così lei stessa inquadrò la propria giovinezza:

Non sapevo in cosa credevo, benché volessi servire una causa. (da Una lunga solitudine)

DOROTHY DAY
Domaine Public
Dorothy Day

Nasce nel 1897 a New York e conosce ben presto il volto meno presentabile dell’America, le grandi sacche di povertà come quella del quartiere di Chicago dove si trasferisce con la famiglia. Nell’infanzia porta in dote un afflato religioso sincero, «il cuore mi batteva forte quando sentivo nominare Dio. Credo che ogni anima tenda verso Dio» – scrive.

Eppure una forte passione sociale la porta ad allontanarsi dalla fede per abbracciare le idee comuniste; il lavoro di giornalista la catapulta nei i bassifondi di New York e vede con i suoi occhi la miseria e il degrado in cui vivono immigrati provenienti da ogni parte di Europa.

Ma scrivere non basta, a lei non basta:

Sono una giornalista, non una biografa, non una scrittrice di libri. Il continuo sforzo di scrivere, mettere nero su bianco per tante ore al giorno, è terribilmente penoso, quando creature umane hanno bisogno di me, quando c’è malattia, fame, dolore. Sento che non ho fatto niente di buono. Ma ho fatto quel che ho potuto. (da Una lunga solitudine)

Por Sehii Zavalnyi

Diventò perciò infermiera, spendendosi con generosità vicino ai letti dei malati più poveri. Sono anche anni di intensa militanza politica, conobbe il carcere e dentro questo tumulto di vita entrarono prorompenti gli amori e una gravidanza inattesa. È questo un momento cruciale, perché la Day scelse di abortire e soffrirà per tutta la vita la pena di questa decisione:

I miei passi erano malfermi. Il mio braccio sinistro si aggrappava forte alla ringhiera. Il mio braccio destro stringeva l’addome. Era un dolore lancinante. Camminai da sola per strada al buio. Era il settembre del 1919. Avevo 21 anni e avevo appena abortito il mio bambino.

Lionel, il mio ragazzo, mi aveva promesso di riportarmi a casa appena avessi fatto. Aspettai dolorante dalle 9 alle 10 di sera, invano. Quando arrivai a casa trovai solo un biglietto; mi diceva che era partito per un nuovo lavoro e che, riguardo al mio aborto, ero solo una di non so quanti milioni di donne che l’avevano fatto. Diceva anche «non nutrire false speranze, è meglio anzi se mi dimentichi». (da Catholic Education)

All’abbandono si aggiunge un altro abbandono: la scelta di non tenere il figlio si accompagnò alla fuga del fidanzato. Il buio chiama altro buio, eppure in questo spazio di dolore qualcuno è in cerca di lei. Quel Dio così tanto amato da piccola non molla la presa sulla signora Day, nonostante le sue cadute.

Una nuova maternità diviene occasione per ricapitolare tutti i fili sparsi di un’anima che brucia di ardore per le ingiustizie e brama di aiutare gli ultimi.

L’impegno politico e sociale proseguì, finché Dorothy trovò un nuovo compagno; aveva vissuto con sofferenza il terrore di essere diventata sterile dopo l’aborto e perciò considerò un miracolo la notizia di una nuova gravidanza. Ma il suo fidanzato era Forster Batterham, un biologo anarchico che si opponeva al matrimonio e riteneva troppo crudele il periodo in cui vive per mettere al mondo dei figli.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.