Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Una donna assistette a distanza alla morte di Padre Pio

PADRE PIO
ROLF HAID / picture alliance / DPA
Condividi

La marchesa Giovanna Rizzani Boschi aveva conosciuto il frate tramite due episodi di bilocazione. La notte del 22 settembre vide il transito pur essendo lontana dalla cella

Quando Padre Pio morì non c’era nessuna donna nella sua cella.  Eppure, dopo le solenni e imponenti esequie, la marchesa Giovanna Rizzani Boschi, telefonò al convento dei cappuccini, chiese di parlare con frate Alberto D’Apolito e lo pregò di raggiungerla alla pensione dove alloggiava, a pochi metri di distanza.

Quando si trovò dinanzi al frate, gli raccontò di aver assistito «minuto per minuto alle ultime ore del Padre. – Lo vide soffrire; lo vide pregare… confessarsi con padre Pellegrino… rinnovare i voti religiosi… lo vide alzarsi dal letto e portarsi da solo sulla veranda… vide poi i tre medici in camice bianco che lo assistevano. Vide padre Paolo che gli somministrava l’Olio Santo».

Dinanzi alla comprensibile perplessità di frate Alberto, la donna gli disse: «Padre Alberto, io vi descriverò la cella di Padre Pio nei minimi particolari: voi mi dovete rispondere semplicemente: “sì” o “no”».

Solo quando gli «descrisse la cella del Padre e tutto ciò vi era dentro, nei minimi particolari», sapendo che, «prima del dicembre 1969, non era mai stata fotografata e che nessuna donna vi era entrata», il frate esclamò: «Basta signora! Sì, io credo che Lei è stata nella cella di Padre Pio ed ha assistito alla sua morte».

Ma chi è questa donna che ha avuto tale straordinario privilegio? Stefano Campanella ne racconta la storia in I tre misteri di Padre Pio (edizioni San Paolo).  La donna in questione è la marchesa Giovanna Rizzani Boschi, originaria di Udine, affidata alla nascita da «Maria Santissima» a San Pio.

Friuli e Molise

Era il 18 febbraio 1905. Quando la piccola nacque, contemporaneamente morì il padre. Il frate si ritrovò – mentre stava pregando nel coro del noviziato a Morcone (Campobasso) – nei pressi del palazzo dove avvennero la morte e la nascita. La Madonna disse a San Pio.

La prima bilocazione

Questo fu il primo episodio di bilocazione di Padre Pio: cioè il frate si trovava in luoghi diversi nel medesimo istante, parlava, sentiva e viveva contemporaneamente due esperienze.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.