Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Da Pippo Baudo a Lucio Dalla: i vip raccontano la loro devozione per Padre Pio

© DR
Condividi

Il miracolo di Silvana Pampanini, il matrimonio (con bilocazione) di Luciano Rispoli. E ancora Lino Banfi, Sergio Castellitto, Al Bano: così sono diventati devoti al frate delle stimmate

Una devozione speciale nei confronti di uno dei santi più amati: San Pio da Pietrelcina. A raccontarla sono personaggi noti, legati al frate delle stimmate da episodi, anche curiosi, accaduti nelle loro vite.

Quando cacciò Pippo Baudo

La devozione di Pippo Baudo nacque da un “maltrattamento” subito. «Ho avuto la fortuna di conoscerlo – dice a Credere (16 marzo 2018) – lo incontrai una volta, anche se devo ammettere che la cosa avvenne in circostanze abbastanza strane. Ero assieme a un gruppo di amici di  Foggia, tra loro c’era anche Renzo Arbore. Un giorno andammo tutti insieme a San Giovanni Rotondo, era il 1965. Li vedemmo Padre Pio comparire da una loggia circondata da gelsomino profumato. Era già costretto sulla sedia a rotelle, che veniva spinta da un suo confratello. Devo dire che rimasi assai colpito nel vederlo così sofferente. Aveva i mezzi guanti che gli proteggevano il palmo delle mani, coprendo le stimmate».

PIPPO BAUDO
By StockMySelf | Shutterstock

La domanda del frate

Al momento dell’incontro il frate fu diretto e aspro con Baudo. «Padre pio, di cui era noto il carattere alquanto forte – ricorda il conduttore televisivo – mi apostrofò subito, chiedendomi: “Tu sei venuto per fede o per curiosità?”. Preso così alla sprovvista, non trovai di meglio che rivolgermi a lui con totale sincerità. “Padre, sono venuto spinto dalla curiosità”, gli dissi. E lui di rimando: “Allora vattene”. Un incontro che non potrò mai dimenticare».

“Non me la sentii di digli una bugia”

Baudo ammette: «Non me la sentii in alcun modo di dirgli una bugia. La sua personalità e la sua sensibilità erano note. Se gli avessi mentito, ero certo che se ne sarebbe accorto. Per quanto potesse apparire il contrario, la mia risposta fu una forma di devoto rispetto».

Dopo la morte di Padre Pio, «sono tornato a San Giovanni Rotondo altre due volte. Anche se devo confessare la mia preferenze per la vecchia chiesa dove lui officiava nei primi anni: spoglia, povera, francescana».

L’ultimo sguardo a Lucio Dalla

Iniziato dalla madre, anche Lucio Dalla come tante personalità del mondo dello spettacolo, politici e sportivi, era un devoto di Padre Pio. Pochi giorni prima che il frate morisse, il cantautore l’aveva sognato a Parigi. Gli era comparso in atteggiamento di rimprovero per la lunga lontananza.

Pagine: 1 2 3 4 5

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni