Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 16 Agosto |
Santo Stefano di Ungheria
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

6 storie di nascite “miracolose” che raccontano la speranza

shutterstock_210120679-1.jpg

EpicStockMedia|Shutterstock

Paola Belletti - pubblicato il 23/12/21

Illuminati dalla Nascita per eccellenza che stiamo per celebrare, raccogliamo un piccolo esercito di nascite miracolose per accorgerci che in fondo ognuno di noi è veramente e definitivamente un miracolo: chiamato all'esistenza da un Amore che si spiega solo con sé stesso.

Nascere è di per sé la notizia più clamorosa che possiamo dire riguardo alla vita di ciascuno di noi. Potevo non esserci e invece ci sono e ora so, per assurdo, che senza di me il mondo sarebbe in qualche maniera vuoto.

Allora questo titolo che promette di mettere insieme alcune storie di nascite miracolose è pleonastico, poiché fa un inutile spreco di aggettivi (e quindi di caratteri: si sa che sul web ogni carattere battuto è prezioso). Sei storie di nascite, punto.

Sappiamo però che spesso la meraviglia delle cose si nasconde proprio nell’immensità, nella continuità e nella prossimità delle cose stesse. Circondati e immersi in un continuo, imperterrito miracolo, affaticati dal gran baccano che il male si premura di fare dentro e fuori di noi, fatichiamo ad aguzzare udito e vista; l’eco del Big Bang che ci ha portati all’essere, e con noi tutta la bellezza squadernataci attorno, è rimasto come rumore di sottofondo al quale ci siamo abituati. I più attenti sembrano semplicemente soffrire di acufeni.

Ecco allora a cosa servono storie come queste, di figli nati da donne sterili, di donne a cui è chiesto di prepararsi a morire che invece partoriscono una figlia, di gemelli che arrivano a consolare due poveri genitori dopo una sequenza che pareva inarrestabile di aborti spontanei, di figlie partorite durante un intervento al cervello.

A dire a me e a te questo: sei nato perché Dio ha deciso che aveva bisogno della tua insostituibile compagnia. Ora e per sempre.

1Chiara: in menopausa dopo cure oncologiche diventa mamma

Chiara Apollonio scopre giovanissima, all’età di 24 anni, di essere malata di tumore al seno. Insieme alle paura per la sua salute la triste consapevolezza che molto probabilmente non potrà avere altri figli.

Nel momento più complicato e probabilmente tragico della sua vita, Chiara scopre attraverso un esame di routine – con infinita sorpresa e gioia – di essere incinta. Il suo corpo che sembrava o doveva essere deserto, era incredibilmente una sorgente (ancora) viva. Un momento di buio e dolore trasformato in un inno di amore e speranza

2Joanna: un tumore al quarto stadio e una gravidanza impossibile

No, cara Joanna, non prepararti a festeggiare il Natale ma a separarti dalla tua famiglia.

Ecco cosa si è sentita dire più o meno dai medici la neomamma quando finalmente ha avuto spiegazione di alcuni sintomi che aveva iniziato ad accusare proprio quando era incinta della prima figlia.

3Marine e Thomas e i loro due gemelli, regalo del Cielo

Eravamo a Cotignac il 28 ottobre – si ricorda la trentenne –: ho preso l’acqua dalla fonte di san Giuseppe, abbiamo pregato e acceso un cero. Siamo andati anche a Notre-Dame de Grâces per pregare. Il 17 dicembre, poi, ho appreso di essere incinta! 

La coppia è stata poi sorpresa di non attendere un bambino, come si pensava, bensì due gemelli! Si sa che la Provvidenza non si fa battere tanto volentieri in generosità.

4 Incinta di una terza bimba quando ne aspetta già due

Come spesso accade in gravidanze difficili una delle proposte che le mamme si sentono fare è stata anche per questa giovane: abortisci chi è di troppo. No è stata la risposta di questa mamma americana per il suo grande, coraggioso, tremante sì alla vita di tutte e tre le sue figlie: Vivienne, Georgina e Ivy.

5Parto cesareo e operazione al cervello, in piena pandemia

Giovedì scorso, 4 febbraio, all’ospedale Molinette di Torino è stato effettuato un doppio intervento su una donna incinta alla trentacinquesima settimana. Le è stato asportato un tumore benigno dal cervello e con un parto cesareo è stata fatta nascere sua figlia. Entrambe stanno bene. Ma oltre questo dato già clamoroso, un’altra considerazione è degna di nota. In un tempo di emergenza per gli ospedali, cinque diversi reparti si sono coordinati alla perfezione per portare a termine questa doppia operazione a difesa della vita.

6Courtney scopre la gravidanza e un tumore alle ovaie

C’era una palla da baseball e c’era una creatura infinitamente più piccola dentro la stessa pancia: sulla palla da baseball pesava il dubbio di capire quale gravità avesse, riguardo alla piccola creatura non c’era dubbio alcuno sul bene che la sua presenza fosse in se stessa e per la sua famiglia. Come affrontare i mesi a venire?

Decidono per l’intervento, imparano, lei e il marito, un vero, coraggioso e pacificante abbandono in Dio.

Courtney non è fuori pericolo. Ha scelto di portare a termine la gravidanza senza fare la chemioterapia; probabilmente non ce ne sarà bisogno neppure dopo il parto, ma si valuterà al momento opportuno. Intanto si vive tutto ciò che c’è. La fede non ci mette al sicuro in un recinto privo di incognite anche mortali; ci offre la via per ritornare a essere veramente noi stessi e a stare in pienezza dentro la vita che ci è data

Tags:
gravidanzanascita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni