Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
San Charbel
home iconSpiritualità
line break icon

La collocazione in cielo di San Michele Arcangelo: ecco dove si trova

SAINT MICHEAL

Domaine Public

San Michele, l'angelo guerriero: è lo spirito celeste che ha combattuto contro il diavolo, in una battaglia durissima raccontata nell'Apocalisse.

don Marcello Stanzione - pubblicato il 21/07/21

Noi possiamo dunque dire con il santo diacono di Costantinopoli, Pantaleone, che san Michele è il primo ed il più bello di quegli angeli le cui miriadi popolano il Paradiso

In cielo vi è  una gerarchia e all’interno di essa figura un angelo splendente: San Michele. Nel firmamento le stelle differiscono per chiarezza. In cielo anche gli angeli devono brillare d’uno splendore più o meno vivo, a seconda di come si accostano più o meno vicini alla Santa Trinità.

Lo Pseudo-Dionigi e san Tommaso dicono che vi sono tre gerarchie in mezzo agli angeli, e che ognuna di esse è divisa in tre cori od ordini distinti. 

Le tre gerarchie

Nella prima figurano i Serafini, che possiedono ad un grado sovreminente il privilegio dell’amore, i Cherubini ai quali si attribuisce la scienza, i Troni che giudicano nella pace  e la stabilità. 

La seconda gerarchia comprende le Dominazioni che rappresentano il sovrano dominio del Creatore, le Virtù che hanno la forza come appannaggio, le Potenze che hanno per attributo la giustizia. 

Infine nella  terza gerarchia vi sono i Principati che vigilano sulle nazioni, gli Arcangeli che sono i messaggeri straordinari dell’Altissimo e gli Angeli che sono  i suoi normali messaggeri.

archangels
San Michele, al centro, tra San Gabriele e San Raffaele, ha questa “funzione”: protettore di un trapasso sereno nell’aldilà.

Il segretario di Lutero

Ecco l’ammirabile esercito di Dio in cielo: al vertice c’è San Michele. Anche il segretario e uomo di fiducia del riformatore protestante Lutero ebbe a scrivere: “Michele guida le schiere degli angeli, egli è  davvero un principe di alto rango, sotto la sua bandiera volano tutti gli angeli, combattendo giorno  e notte contro l’astuzia e la potenza del diavolo” (Filippo MELANTONE, 1539, Innario evangelico, Bayern 1958, n. 116).

Qual’è  in mezzo a queste migliaia di spiriti beati il posto di San Michele? E’ al vertice delle sacre gerarchie che occorre contemplarlo. Egli porta, è  vero, il nome di arcangelo e lo porta perché è stato nel mondo l’inviato straordinario di Dio. Tuttavia la Scrittura, i Padri, i teologi ci autorizzano a porlo più su che nella  terza gerarchia.

“Il grande principe”

Il profeta Daniele definisce l’angelo Michele uno dei primi principi, il grande principe. E’ come dire che occorre piazzarlo nell’ordine supremo che è quello dei Serafini? Questa locuzione d’altronde, nel vocabolario della lingua ebraica, significa: il primo tra i principi.

San Giovanni, parlando del grande combattimento del cielo, dice che Michele ed i suoi angeli lottavano contro il Dragone. Prova evidente, scrive San Roberto Bellarmino, che Michele è il principe degli angeli. Michele ed i suoi angeli! Ossia Michele e il santo esercito del cielo che lo riconosce come suo generale. 

Il significato di “Arcangelo” 

Un autore protestante contemporaneo ha scritto: “Gli Angeli sono ben organizzati. Si differenziano per dimensioni, forza e rango, hanno una gerarchia e un capo. Probabilmente gli Angeli meno importanti stanno ancora imparando il mestiere, proprio come noi! Originariamente esistevano due Arcangeli, ma poi, con la caduta di Lucifero, è rimasto solo Michele. Il termine “Arcangelo” significa semplicemente capo, l’angelo più importante o il principale. Michele é incaricato di amministrare la creazione di Dio, e la sua preoccupazione primaria è rappresentata da Israele e dal popolo di Dio” (David LAMB, Angeli e demoni. La battaglia invisibile, Edizione Il Dono, Mantova 2001, p. 27).

La corte celeste

Un notissimo biblista cattolico ha affermato: “(Michele) è definito come “il gran Principe”, ma questo suo titolo è da connettere alla sua collocazione nell’Assemblea della Corte celeste. Ove gli Angeli sono raffigurati – secondo un’antica concezione giudaica, passata anche nel cristianesimo – in varie gerarchie. Nel Libro di Daniele, al capitolo 10, si presenta Michele come “uno dei primi Principi”: il suo compito è quello, infatti, di essere a capo spirituale di Israele, suo Protettore dall’Alto. 

Tutte le nazioni, infatti, hanno un loro “Principe” angelico: nella stessa pagina si parla del Principe del Regno di Persia, l’Angelo che sovrintendeva dal cielo alle azioni di quel re e alle vicende del suo impero. Con queste presenze soprannaturali si vuole ricordare che la storia non è solo in mano ai principi terreni e alle loro manovre politiche. C’è un progetto più alto che Dio conduce attraverso i suoi messaggeri, gli Angeli” (Gianfranco RAVASI, Michele difende le anime da Satana, Famiglia Cristiana n. 46/2003, p. 165). 

Il cappuccino tedesco

Uno scrittore cappuccino tedesco, prima del Concilio Vaticano II aveva notato:  “La Chiesa ha la profonda convinzione che Michele abbia un immenso significato anche nella nostra vita, soprattutto verso la fine. Nel Breviario per la festa dell’apparizione dell’8 maggio, lo definisce: “Reggitore del paradiso, che i sudditi angelici ossequiano” e gli fa parlare da Dio stesso: “Arcangelo Michele io ti ho posto come principe, al di sopra di tutte le anime che qui verranno accolte”. 

Forse in queste preghiere risuonano antiche concezioni sulla guida delle anime da parte degli angeli verso l’eternità. Sono errate: in ogni caso per San Michele sono basate sulla Bibbia e sul senso cristiano” (Otto HOPHAN, Gli Angeli, Pia Società San Paolo, Roma 1959, p. 355).

Il primo dei Serafini 

Sull’autorità della Scrittura noi possiamo aggiungere il parere dei Padri e dei  Dottori della Chiesa:  “O san Michele, grida san Basilio Magno, io ti rivolgo le mie umili suppliche, a te che sei il capo degli spiriti beati, a te che per la dignità e gli onori sei innalzato al di sopra di tutti gli altri”.

Cornelio A Lapide chiama san Michele il primo dei Serafini, il primo degli angeli assistenti al trono di Dio.

Il Preposito del Paradiso

Infine la Chiesa nel suo ufficio per molti secoli ha chiamato san Michele il Preposito del Paradiso, Colui che onorano i concittadini degli angeli, il Principe della milizia degli angeli. Essa indica così la sua superiorità sugli altri angeli.

Noi possiamo dunque dire con il santo diacono di Costantinopoli, Pantaleone, che in cielo, san Michele è il primo ed il più bello di quegli angeli le cui miriadi popolano il Paradiso: la più grande e radiosa stella dell’ordine angelico:

“Rimane vinta e offuscata  ogni grande eloquenza e fecondia, nel rimirare l’altezza, la moltitudine, e l’eccellenza degli infiniti e vari miracoli d’ogni sorte operati da San Michele, e perciò ricuso di scriverli, perché  volendo  raccontarli ci mancherà prima il tempo: mentre è più facile cosa il misurare l’oceano e contare le stelle, che i miracoli di questo  santissimo  Arcangelo. Lodiamo pertanto il Signore, ed esaltiamo il nome di Lui che, per mezzo di questo  Principe della sua corte celeste, opera portenti grandi, gloriosi e stupendi ogni giorno, sia nei tempi scorsi, sia al presente ed in ogni luogo, a favore di molti e di ciascuno dei suoi devoti”. (San Pantaleone Diacono, Encomio su San Michele, citato in G. MARANGONI, Grandezze dell’Arcangelo San Michele, Roma 1739, p. 202).

Tags:
san michele arcangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
3
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
4
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
7
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni