Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 02 Dicembre |
Blanca de Castilla
home iconSpiritualità
line break icon

Due episodi in cui san Michele arcangelo ha convertito dei moribondi

archangels

Public Domain

I tre arcangeli: San Michele a sinistra, San Gabriele al centro, san Raffaele a destra.

don Marcello Stanzione - pubblicato il 19/11/20

Le apparizioni dell'angelo con due gentiluomini testimoniano la protezione celeste nel momento della morte

Accade talvolta che gli angeli e San Michele arcangelo, in modo particolare, siano incaricati di una missione particolare. Cioè portare alla conversione colui che sta per morire e che, talvolta, non è per nulla preparato alla sua ultima ora.

Lo illustrano due aneddoti relativi a dei gentiluomini del XV secolo. Un giorno, un ponte crolla nel momento in cui Bertrand De Saluces lo attraversa, ed il cavaliere vede giunta la sua ultima ora. Ma una mano invisibile lo trattiene al di sopra dell’abisso, mentre una voce gli dice con forza: “Sono io, Michele, che vengo a strapparti alla morte! Pentiti e fai penitenza!”.

E’ una preparazione relativamente lontana. Essa determina una conversione salutare. Bertrand, che fin là menava un’esistenza abbastanza dissipata, metterà a profitto i pochi anni che gli restano da vivere – dopo l’indicazione di san Michele arcangelo, per cambiare il suo comportamento ed accostarsi a Dio nel Terz’ordine di San Francesco.


JOAN OF ARC

Leggi anche:
7 famose mistiche che hanno dialogato con San Michele e gli angeli custodi

L’ordine di san Michele

A Guglielmo Di Thou, l’arcangelo – egli è lo specialista di questi interventi in extremis – accorda un lasso di tempo nettamente minore. Come il cavaliere stava per soccombere nel combattimento sotto la spada del nemico, San Michele arcangelo appare. E trattenendo il braccio che stava per colpirlo, dice all’aggressore: “Ti ordino di risparmiarlo! Io gli lascio tre giorni di vita affinché si riconcili con Dio e che si prepari alla morte, poiché egli è uno dei miei più devoti servitori”.

Tre giorni più tardi, Guglielmo muore in combattimento, dopo essersi potuto confessare e comunicare un’ultima volta. La sua devozione verso l’arcangelo (forse un po’ superstiziosa) gli ha ottenuto questa grazia. Ed è con l’anima debordante d’una gioia agevole che cammina incontro alla morte.


SAINT MICHEAL

Leggi anche:
San Michele arcangelo salvò un santo dall’aggressione di bulli

Il concerto angelico

In effetti, per severi che possano essere, queste annunciazioni angeliche sono sempre per i loro beneficiari fonte di grandi consolazioni, come lo ammetteva l’alcantarino portoghese Martino De Nomblela, religioso a Belvis. Poco prima della sua morte, nel 1568, si sentì nella sua cella un concerto angelico. Ai frati che lo interrogavano, egli si accontentò di rispondere: “Vi basti sapere che Dio mi ha accordato grandi consolazioni”. Si conosce per contro il contenuto delle visioni da cui fu favorita la clarissa Elena Anselmini, che ricevette il velo dalle mani di San Francesco d’Assisi.


SAINT MICHAEL

Leggi anche:
Preghiera a San Michele per la protezione contro i nemici spirituali

La visione della Santissima Trinità

Il giorno di san Michele del 1242, il grande arcangelo le apparve per mostrarle un cammino di stelle percorso dagli angeli, annunciandole così la sua prossima entrata nella gloria. Poco dopo, gli angeli le fecero intravedere il mistero della Santissima Trinità. Infine, le accadde più d’una volta prima della sua morte, il 4 novembre, di rapire la sua anima con dei canti celesti.


BERNARDA BUTLER

Leggi anche:
Gli ultimi anni di Madre Butler trascorsi insieme a San Michele

Tags:
angeli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PIAZZA SPAGNA
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco sceglie la prudenza, niente pi...
MESSA NATALE
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale in sicurezza, i vescovi itali...
Silvia Lucchetti
Remo Girone e la fede ritrovata dopo la malat...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni