Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Santi Crispino e Crispiniano
Chiesa

3 cose che hanno in comune San Francesco d'Assisi e Carlo Acutis

CARLO ACUTIS SAN FRANCESCO ASSISI

Carloacutis.com/Wikipedia

CARLO ACUTIS; SAINT FRANCIS;

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 06/10/20

Il carisma francescano aveva affascinato Carlo sin da bambino. Leggeva volentieri gli scritti di Francesco e i biografi che ne hanno raccontato vita e gesti

Non è un caso che sia Assisi il luogo della beatificazione di Carlo Acutis, in programma il 10 ottobre 2020, alla basilica di San Francesco.

Carlo e Francesco sono legati da molte cose in comune. Il carisma francescano aveva affascinato Carlo sin da bambino. Leggeva volentieri gli scritti di Francesco e i biografi che ne hanno raccontato vita e gesti. Ci sono brani di Tommaso da Celano, ad esempio, che commuovono anche gli adolescenti distratti e non molto religiosi. Uno dei più cari a Carlo è quello scelto per la “Liturgia delle ore” del 2 agosto (Festa della Porziuncola), che un francescano di Santa Maria degli Angeli gli aveva fotocopiato.

Nel libro di Luigi Francesco RuffatoCarlo Acutis – Adolescente innamorato di Dio” (edizioni Messaggero Padova) si mettono evidenza almeno tre cose che accomunano Carlo e Francesco.

ST FRANCIS OF ASSISI
Public Domain
Un dipinto di San Francesco d'Assisi.

1) L’amore per gli animali

Nelle Fonti Francescane (n. 458) si legge che san Francesco perfino per i vermi sentiva grandissimo affetto. Un giorno, camminando, si accorse di un verme che strisciava sulla strada e rischiava di essere calpestato. Si fermò, attese che terminasse il tragitto e poi lo nascose in luogo sicuro.

Qualcosa di non-simile accadde anche a Carlo. «Un suo amico, racconta il biografo Nicola Gori (cf. Un genio, p. 75), vide una lucertola sopra uno scoglio e la uccise con un sasso, senza motivo. Carlo si dispiacque talmente per la morte dell’animaletto indifeso che la mamma, per consolarlo, gli rassicurò una vita felice della lucertola con Gesù». Era convinto che gli animali avessero un’anima vivente, alla quale Dio aveva riservato un posto in paradiso. Non sarebbero finiti nel nulla. Il cast di un suo cortometraggio era formato da due gatti, quattro cani e alcuni pesci rossi.




Leggi anche:
5 lezioni di fede che ci lasciano le immagini del corpo di Carlo Acutis

2) Gesù e l’Eucaristia

C’è un particolare che contraddistingue Carlo di spirito francescano: l’amore, il culto di san Francesco per l’eucaristia. Si era trascritto queste parole di Francesco:

«Ecco, ogni giorno Egli si umilia, come quando dalla sede regale discese nel grembo della Vergine; ogni giorno Egli stesso viene a noi in apparenza umile; ogni giorno discende dal seno del Padre sull’altare nelle mani del sacerdote. E come ai santi apostoli si mostrò nella vera carne, così anche ora si mostra a noi nel pane consacrato. E come essi con gli occhi del loro corpo vedevano soltanto la carne di Lui, ma, contemplandolo con gli occhi dello spirito, credevano che Egli era lo stesso Dio, così anche noi, vedendo pane e vino con gli occhi del corpo, dobbiamo vedere e credere fermamente che questo è il suo santissimo corpo e sangue vivo e vero (…)».

“L’eucaristia è la mia autostrada per il cielo”

Nel capitolo XX della Regola non bollata, Francesco raccomanda ai suoi frati che «contriti e confessati ricevano il corpo e il sangue del Signore nostro Gesù Cristo, con grande umiltà e venerazione, ricordando che lo stesso Signore dice: “Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna”, e ancora: “Fate questo in memo- ria di me”». Carlo credeva fermamente che l’eucaristia è il cuore di Gesù, realmente presente nel mondo, come quando al tempo degli apostoli i discepoli potevano vederlo in carne e ossa camminare per le strade di Gerusalemme. Soleva dire: «L’eucaristia è la mia autostrada per il cielo».

Carlo ritorna spesso, come Francesco, sul valore della adorazione eucaristica: «Con i frutti dell’eucaristia quotidiana le anime si santificano in modo eccelso e sono fortificate specialmente nelle situazioni pericolose, che potrebbero pregiudicare la loro salvezza eterna» (Gori, Un genio, p. 85; FF, nn. 789-790, 1658, 1756).




Leggi anche:
Carlo Acutis, esposizione del corpo intatto ad Assisi (FOTOGALLERY)

3) Maria, modello di virtù cristiana

Francesco nutriva un indicibile amore alla Madre di Gesù, le cantava lodi particolari, perché ha reso Dio nostro fratello, ritta ai piedi della croce, sulla quale però non poté salire, a differenza della povertà; tipo e modello di ogni virtù cristiana (cf. FF, alla voce Maria).

I biografi di Carlo ci parlano della sua devozione intensa a Maria Immacolata, come si era rivelata a Lourdes, specchiata nella riflessione sui misteri della vita terrena di Gesù, che accompagnano il santo rosario. Ci dicono gli esperti della sua vita che accolse con gioia i «misteri della luce» proposti da papa Giovanni Paolo II come premessa alle decine di Ave Maria. Gori, il postulatore della causa di beatificazione di Carlo, scrive: «La Vergine Maria è l’altra grande colonna della spiritualità di Carlo. La pregava ogni giorno».

UN ROSARIO POR LA VIDA
Marko Vombergar-ALETEIA

Il rosario

Carlo amava Maria come la sua mamma più cara. Recitare il rosario era come sentirsi baciare dai misteri vissuti dalla mamma di Gesù. Si faceva fotografare a ogni santuario che visitava e invitava anche i parenti a consacrarsi per sempre al servizio di Maria. Portava al collo la medaglia miracolosa e lo scapolare carmelitano come garanzia di salvezza eterna, a cui era molto interessato, obbedendo alla parola di Dio, luce sul suo cammino spirituale. Gli strumenti fondamentali erano la preghiera e i sacramenti.


CARLO ACUTIS, CIAŁO

Leggi anche:
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una grazia particolare

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
carlo acutissan francesco d'assisi
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni