Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconFor Her
line break icon

Carlotta Nobile la notte prima di morire: “Signore, Ti ringrazio”

CARLOTTA NOBILE,

Photo courtesy of Manuela Morgia

Silvia Lucchetti - pubblicato il 03/06/21

Carlotta Nobile muore a 24 anni a causa di un melanoma con il cuore colmo di gratitudine: "Che miracolo ho avuto a trovare finalmente tutto questo! L’ho cercata tanto questa serenità. E a un certo punto Dio ha voluto darmela! E come faccio a non dire grazie dalla mattina alla sera?!"

È in uscita entro la fine del mese di giugno per Tau editrice il bel testo di Andrea Maniglia intitolato “Lo spartito di Dio”, biografia autorizzata dalla famiglia dedicata a Carlotta Nobile, giovane violinista, scrittrice e storica dell’arte morta prematuramente all’età di 24 anni. 

L’animo di Carlotta Nobile

Mentre lo leggevo tutto d’un fiato, l’ammirazione per questa straordinaria ragazza e la commozione per il coraggio e la profondità delle sue riflessioni durante il sofferto viaggio nella malattia, sono andate di pari passo, diventando sempre più intense man mano che il racconto della sua vicenda terrena si avvicinava all’epilogo. 

Mi sono chiesta come potevo presentare questa biografia così densa di testimonianze e suggestioni, senza svilirla cercando di farne una sintesi: così ho optato per far “parlare” prevalentemente Carlotta e i suoi cari con lo scopo di illuminare passaggi cruciali della sua esistenza, restringendo al massimo preamboli e commenti. 

“Ossimoro, Passione, Bellezza” 

Alla fine dell’introduzione l’autore riporta queste parole del professor Marco Grosso che di lei fu per un certo periodo il fidanzato, che ci aiutano ad entrare in contatto con la sua figura poliedrica:

Quello che mi permetto di consigliare, nel mio piccolo, a chiunque provi a ricostruire la biografia e la figura di Carlotta, è possibile riassumerlo in tre parole che sono per me tre chiavi d’oro per accedere alla sua singolarissima straordinarietà, tre “segreti” (…): Ossimoro, Passione, Bellezza. 

Le colonne della vita di Carlotta Nobile

A queste tre stelle polari necessarie per comprendere più intimamente la personalità di questa giovane dotatissima, aggiungerei le principali chiavi umane che hanno detenuto i segreti del suo cuore: il padre Vittorio, magistrato, che durante un pellegrinaggio a Medjugorje aveva chiesto alla Madonna il dono di una figlia femmina, la madre Adelina, valente violinista, il fratello Matteo, la nonna materna Mina, a cui Carlotta dedica il suo ultimo libro inedito “Il Cancro e poi…”, unitamente alla mamma e a Vittoria, la figlia da lei intensamente desiderata e mai potuta venire alla luce. 

La profezia di suor Raffaellina

Carlotta Nobile nasce a Roma il 20 dicembre del 1988 e viene battezzata il 4 febbraio 1989 nella chiesa parrocchiale di Santa Sofia a Benevento: madrina è nonna Mina che durante la gravidanza della figlia aveva incontrato insieme a lei, nel locale Santuario dedicato a Gesù Bambino, la mistica suor Raffaelina che, guardando il pancione di Adelina, aveva profeticamente esclamato:

Sarà una donna eccezionale. 

CARLOTTA NOBILE,
Carlotta appena nata insieme ai genitori

L’infanzia e l’adolescenza di Carlotta la vedono intensamente coinvolta negli studi, circondata dalla bellezza di tanti luoghi della sua città e da quella di una famiglia innamorata di lei. 

L’amore per l’arte, per la lettura…

A tre anni riceve il regalo più importante della sua vita: una tavolozza con dei pennelli, con cui inizia a mescolare i colori prediligendo il rosso e il blu.

Comincia poi ad amare anche la lettura, preferendo le biografie femminili di donne dalle vite diverse dal solito, apprezzando la sensibilità che le accomunava al di là delle apparenze: santa Giovanna d’Arco, Maria Antonietta, Anna Bolena, Santa Maria Maddalena, Lady Diana, Sylvia Plath e tante altre. 

… e per la scrittura

L’amore per la carta stampata accende la passione per la scrittura che la vede a 16 anni far nascere il suo primo libro, che intitola Il silenzio delle parole nascoste, mentre a 20 anni scriverà il secondo: Oxymoron, pubblicato due anni dopo. 

Il violino, amico prezioso nella vita di Carlotta

Fin dalle scuole elementari la mamma cerca di indirizzarla verso lo studio del violino, che inizialmente viene rifiutato per poi innamorarsene perdutamente. Così la madre racconta quel momento magico:

Carlotta si presentò con uno scritto: “Uno strumento, un amico, una passione. Il violino, con un arco strofino le corde e le mie dita si muovono sulla tastiera. Il suo fascino musicale colpisce il mio cuore. Il violino: strumento melodioso che entra nel profondo di ognuno di noi con il suo suono. Nei primi tempi non mi piaceva: mi sembrava noioso, difficile ed impegnativo, ma ora so che è parte di me”.

A 10 anni Carlotta viene ammessa al conservatorio “Nicola Sala” di Benevento, brucia le  tappe della sua formazione musicale, e ne esce sette anni dopo con una laurea in violino presa con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore. 

CARLOTTA NOBILE,

La Prima Comunione

Il 24 giugno del 1995 aveva fatto la Prima Comunione in quel Santuario del Bambino Gesù così caro alla sua famiglia; durante quel momento meraviglioso Adelina ha una dolorosa percezione:

Ebbi una premonizione che neanche io ero in grado di comprendere. Cominciai a piangere a dirotto nel vederla lì sola, di spalle davanti all’altare (…) quasi fosse una vittima abbandonata, da me e da Vittorio, al sacrificio. 

La nascita tanto attesa del fratello Matteo

Il 14 dicembre del 1996, dopo avere per questo intensamente pregato Gesù, Carlotta ha la gioia della nascita di un fratellino: Matteo, nome di derivazione ebraica che significa “dono di Dio”, il quale diventerà una figura centrale nella sua vita restandole costantemente accanto. 

FAMIGLIA NOBILE,

A 14 anni avviene il primo incontro con la morte attraverso la fine della nonna Mina, il cui esempio e ricordo rimarranno indelebili. 

“Il suo talento era un valore”

Dopo le scuole medie frequenta il liceo classico, durante il quale inizia la sua prima storia d’amore con Alessandro, di alcuni anni più grande di lei, giovane studente di violino alunno di Adelina, che durerà sei anni. Così egli la ricorda:

Carlotta era una ragazza speciale ma nello stesso tempo normalissima. Aveva la singolare caratteristica di fungere da magnete. Il suo talento era un valore! Un valore messo disposizione.  

A 21 anni: direttore artistico dell’Orchestra da Camera dell’Accademia di Santa Sofia di Benevento

A giugno del 2006, il giorno dopo il diploma al Conservatorio, affronta la maturità classica che supera con 100/100. Gli anni successivi sono un vortice di impegni in corsi di perfezionamento musicale e partecipazioni a concerti nazionali ed internazionali, spesso come violino solista, vincendo svariati e prestigiosi premi.

Nel 2010, a soli 21 anni, viene nominata direttore artistico dell’Orchestra da Camera dell’Accademia di Santa Sofia di Benevento, impegnandosi con passione a farla crescere musicalmente fino ai suoi ultimi giorni.

CARLOTTA NOBILE,

“L’immensa solitudine” e inquietudine di Carlotta

Nonostante i numerosi impegni e soddisfazioni artistiche Carlotta vive una profonda inquietudine, uno degli aspetti costitutivi del suo carattere insieme alla grande voglia di vivere e fare esperienze, alla spiccata sensibilità artistica, alla costante ricerca della bellezza, al piacere di comunicare, che esprime così:

Il tempo è come un vortice che ti travolge. Non riesci più ad uscirne. E l’unica cosa che puoi fare è aspettare il momento in cui imparerai a dominarlo. A dominarti. Crescendo. (…) Ti senti navigare in un mare di ombre ed anche quando ridi a squarciagola, quando gli altri ti vedono felice e sicura (…) tu soffri. A volte è facile parlare a voce alta, dire sempre ciò che pensi, impadronirti di conversazioni che non ti  appartengono. Ma in realtà tutto è solo per sconfiggere l’immensa solitudine che ti cresce dentro. 

Nel settembre del 2007 si era iscritta al Corso di Laurea Triennale in Studi Storico-Artistici presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza, laureandosi l’11 gennaio 2011.

Carlotta Nobile: “Voglio che ci sia Arte nella mia vita”

Il suo smisurato amore per la bellezza le fa scrivere:

Voglio che ci sia Arte nella mia vita, in qualsiasi modo, in qualsiasi forma e misura. Voglio che questa mia musica continui a crescere ed a svilupparsi, ma che sia nel contempo letteratura, pittura, natura, poesia.

Dopo la fine dell’amore per Marco, Carlotta incontra un secondo Alessandro, l’uomo con cui sognerà di costruirsi una famiglia e dare alla luce Vittoria – la figlia che non vedrà mai nascere – che con i suoi genitori e il fratello le rimarrà accanto fino alla fine. 

La scoperta del melanoma

Nel settembre 2011 ha inizio la svolta nella vita di Carlotta che si accorge che qualcosa è cambiato in un neo del suo polpaccio destro. Dopo averlo rimosso attende trepidante con i suoi il referto dell’esame istologico che conferma trattarsi di un melanoma, per cui viene quasi subito dopo rioperata in modo più radicale. 

Carlotta Nobile: “Perché a me?”

Una volta dimessa, anche se sofferente, riprende con coraggio una vita apparentemente normale. Matteo che la chiamava da sempre “Totta” ricorda quei momenti difficili:

Eravamo, una sera, sul divano nella casa a Roma. Così, dal nulla, come se stesse proseguendo con lo sguardo nel vuoto un discorso tra sé e sé, Carlotta disse: “Perché a me?”. I miei raggelarono, senza giustamente sapere cosa dire. L’imbarazzo del silenzio fu rotto da me, all’epoca incosciente quattordicenne: “Ma perché Totta, tu credi che questa sia una punizione? Non è  così. È una prova che Dio ti ha dato, per migliorare te stessa, una prova dalla quale ti rialzerai più forte di prima”. 

Subito dopo gli occhi di Carlotta tornarono come al solito ad illuminarsi. Dopo un primo riscontro incoraggiante in cui tutto sembrava superato, il 21 marzo 2012 nel corso di una ecografia viene scoperta la diffusione del male ai linfonodi inguinali.

CARLOTTA NOBILE E IL FRATELLO MATTEO,

“La verità è che non mi ero fermata mai”

Reagisce con questo pensiero:

La verità è che non mi ero fermata mai, che non avevo mai neanche contemplato la possibilità che fosse il mio corpo a tradirmi. (…) Ero così impegnata nelle mie corse, nelle mie sfide, nell’insano tentativo di superare i limiti esterni, che non mi ero mai ritrovata a pensare che il vero limite potesse essere dentro di me. (…) Avevo studiato tanto, viaggiato in lungo e in largo, conosciuto diverse culture, imparato nuove lingue, sperimentato la felicità e il dolore, la fiducia nell’amore e il trauma del tradimento, e avevo accolto ogni cosa, bella o brutta, nella mia vita tuffandomi di testa e di pancia, a costo di farmi male, a costo di farmi distruggere.

Carlotta Nobile: la normalità è il più grande miracolo

È costretta a recarsi presso l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano per affrontare il delicato intervento di rimozione di tutti i linfonodicolpiti dalla malattia. La ripresa dall’intervento è lunga e sofferta, ma con fatica riesce a riprendere quell’ “impagabile normalità che troppo spesso denigriamo e invece sempre dovremmo considerare come il più grande miracolo”

Quando sembra che il tumore sia stato arrestato, una PET effettuata nel giugno del 2012 riaccende l’incubo: le metastasi hanno intaccato i polmoni. Inizia l’immunoterapia e, sentendo il bisogno di comunicare il suo cambiamento interno, apre in forma anonima un blog: ilcancroepoi.com, con cui entra in contatto con moltissimi malati e familiari. 

L’illuminazione dopo una crisi epilettica: è stato il cancro a portarmi la LUCE

La spola fra Roma e Milano per curarsi diventa sempre più frequente. Dopo aver tenuto un importante concerto a Roma, la mattina del 3 marzo 2013, Carlotta il giorno dopo è in ospedale a Milano dove viene colpita da una crisi epilettica. Quando si riprende tutto è cambiato dentro di lei:

(…) Succede così, in un solo istante, in un giorno qualunque. Tac. Solo un piccolo istante. E tutta la tua vita cambia. (…) E sai che dopo 24 anni di interiorità contorta, di ricerca continua del tuo massimo, qualunque esso fosse, ovunque fosse, qualunque sacrificio comportasse per te stessa, dopo grovigli emozionali, un impegno e una disciplina indicibili e una continua perenne sensazione che tutto quello che hai fatto nella tua vita non fosse mai abbastanza… In un attimo capisci tutto. Tutti i nodi si sciolgono, tutte le strade si chiariscono, tutte le domande a cui per un’intera via non eri riuscita a dare una risposta, ti rispondono esse stesse.

(…) E capisci che la vita non ti è mai sembrata così straordinariamente meravigliosa, unica, imprevedibile, brillante, preziosa, piena, ricca, che il tuo respiro non era mai stato così consapevole, che ogni più piccola emozione non aveva mai avuto in te una tale grandissima risonanza. (…) E capisci che se davvero serviva tutto questo per guarire nell’anima, allora le tribolazioni del corpo saresti disposta a viverle altre mille volte! (…)

(…) Capisci che è stato il cancro a permetterti finalmente di amare te stessa in un modo incondizionato, con tutti i tuoi pregi e i tuoi limiti, a godere di ogni più piccolo istante, ad assaporare ogni attimo, ogni odore, ogni gusto, ogni sensibilità, ogni parola, ogni condivisione, ogni più piccolo frammento di infinito condensato in un banalissimo e preziosissimo istante. Capisci che è stato il cancro con il suo tormento, con le sue aggressività, con le sue asprezze a portarti infine la LUCE. Tac. E poi la tua vita cambia (…). 

Il desiderio di confessarsi

Carlotta inizia a pregare con la coroncina della Divina Misericordia, grazie alla fede ritrovata inizia ad emergere il suo lato più autentico. Il 24 marzo 2013, domenica delle Palme, ascolta l’omelia di Papa Francesco rivolta in particolare ai giovani, rimanendone affascinata. Il successivo 29 marzo, Venerdì Santo, sente il bisogno di riaccostarsi al sacramento della confessione: con difficoltà alle ore 14 trova aperta in Via del Corso a Roma la chiesa di San Giacomo in Augusta dove il parroco, saltato il pranzo, si era reso disponibile, sollecitato dall’invito del giorno prima del Papa, per chi volesse confessarsi. 

L’amicizia tra Carlotta Nobile e don Giuseppe

Dopo aver amministrato il sacramento, don Giuseppe rivela a Carlotta la incredibile coincidenza, e il fatto che il giorno prima aveva consegnato una lettera al Santo Padre in cui gli chiedeva di pregare per le persone malate di tumore. Tra i due nasce una profonda amicizia che li farà rimanere in contatto fino alla fine.

“L’ho cercata tanto questa serenità. E a un certo punto Dio ha voluto darmela!”

Il 4 aprile 2013 parlando con la madre esclama:

Che miracolo ho avuto a trovare finalmente tutto questo! L’ho cercata tanto questa serenità, tanto tanto. E a un certo punto Dio ha voluto darmela! E come faccio a non dire grazie dalla mattina alla sera?! È troppo grande e prezioso tutto questo! Ma me lo merito? Spero di essere all’altezza di sentirlo e comunicarlo in qualche modo perché davvero questa gioia io la voglio condividere, è troppo bella! Voglio che l’abbiate anche voi! (…). 

  • 1
  • 2
Tags:
carlotta nobilemalattiatestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni