Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 01 Agosto |
Sant'Alfonso Maria de' Liguori
home iconFor Her
line break icon

Custodisci la speranza in mezzo alla pandemia: prega, perdona e sii grato

MISSIONARIE SAN CARLO

Missionarie San Carlo

Annalisa Teggi - pubblicato il 22/04/20


Il perdono si impara nel tempo. E si impara chiedendo perdono; si impara, cioè, accettando di essere perdonati. L’esperienza del perdono rigenera ogni volta e quindi, nel tempo, è più facile chiederlo di nuovo. Per me il perdono parte innanzitutto da uno sguardo diverso su me stessa che nasce da come sono amata da Cristo. Come scrive San Paolo, Cristo è morto per noi quando eravamo ancora peccatori; quindi più mi lascio abbracciare da questo sguardo di Dio, che mi chiama alla vita oggi e ogni giorno -nonostante i miei sbagli di ieri- e che mi ama così come sono, più cambia il mio sguardo. Perché Gesù non ha detto: «Darò la vita per te quando sarai perfetta», anzi ha dato la sua vita proprio perché sa che io sono così piena di limiti e peccato, per liberarmi. San Paolo scrive anche: «Sopportatevi a vicenda, perdonandovi scambievolmente se qualcuno abbia di che lamentarsi nei riguardi degli altri. Come il Signore vi ha perdonato, così fate anche voi» (Col
3,13). Sono abbracciata tutta, con le mie luci e le mie ombre, da Dio, che mi raggiunge nella confessione e nello sguardo delle sorelle. Per questo nel tempo comincio a guardare anch’io le sorelle con uno sguardo di perdono.
Non è mai automatico accogliere l’altro così com’è, non giudicandolo in base a quello che avrei voluto che fosse. È una posizione da riguadagnare continuamente, a cui noi qui in casa siamo educate da subito. Nessuna di noi ha scelto le altre come compagne, ma tra tutte le persone che ci sono nel mondo Dio ha scelto per ciascuna quei volti precisi. Vale anche in famiglia, perché potremmo chiederci: perché mi sono innamorata proprio di quell’uomo tra tutti? Oppure: perché mi sono arrivati certi figli con la loro unicità evidente che non ho deciso io? Forse in apparenza è un po’ meno oggettivo di quello che accade in un convento, ma l’origine è la stessa: Dio ha scelto per me certe persone. Partire da questa coscienza mi fa accorgere che quella diversità che vedo in chi mi sta accanto è un’occasione voluta da Dio. E se Lui ama quella diversità e la vuole come mia compagna di cammino, questo mi fa vivere con un’apertura di fondo e di curiosità. Io non voglio perdere l’occasione di scoprire quello che Lui vuole farmi scoprire, anche chiedendomi di cambiare.

Cos’è davvero la preghiera? In molti la stanno riscoprendo in questo periodo, come li aiutiamo?
Si potrebbero dire tante cose, e non sarebbe mai abbastanza per esprimere la ricchezza e la bellezza di ciò che è la preghiera. Provo a dire qualcosa. Da dove nasce la preghiera? La preghiera scaturisce dalla profondità di noi stessi, nasce dal silenzio di un cuore in ascolto. In questo tempo di coronavirus il silenzio, anche solo esteriore, si è guadagnato uno spazio in più. Ad esempio, un amico sacerdote ci diceva che si è accorto di sentire la fontana della piazza da casa sua, prima non gli era mai capitato di notarla. Tanti rumori esterni con cui riempivamo le nostre giornate
sono venuti meno.
Il silenzio permette di stare in ascolto e in attesa; se pensiamo alla Madonna, il suo silenzio era una posizione del cuore, uno stato d’animo: era tensione a una Presenza, a una Voce che parlava. Dio parla nel silenzio. C’è un episodio nella vita del Curato D’Ars che esprime bene cosa sia la preghiera: si racconta di un contadino che ogni giorno entrava alla stessa ora nella chiesa parrocchiale, per sedersi nell’ultimo banco e guardare il tabernacolo. Vedendo ripetersi più volte questa scena, un giorno san Giovanni Maria Vianney, incuriosito, chiese al suo parrocchiano perché si comportasse così. Ricevette dal contadino questa risposta: «Io guardo Lui e Lui guarda me». La preghiera è questo stare alla Sua Presenza.
Perché questo accada, ci sono delle strade che aiutano. In fondo l’incontro con qualsiasi persona richiede delle condizioni: dobbiamo decidere di vederci, ci deve essere un luogo in cui ci incontriamo, quando ci parliamo non devono esserci rumori o distrazioni per poterci veramente ascoltare. Lo stesso vale per incontrare Dio. Nella nostra vita c’è una continua educazione al silenzio e alla preghiera, e ci diamo delle indicazioni molto pratiche per poter vivere in preghiera, affinché questo ascolto e dialogo con Dio resti sempre aperto. Per arrivare a questa posizione stabile del cuore, si comincia donando alla preghiera una parte della giornata: a partire dal desiderio di dare a Dio tutte le ore della giornata, noi cominciamo offrendogli la prima ora di ogni mattina. Dopo le lodi, abbiamo due ore di silenzio che sono guidate da certe indicazioni: ad esempio, la prima è di passare il primo quarto d’ora in ginocchio, per ricordarci della nostra posizione di mendicanza davanti a Dio. Il resto del tempo può essere aiutato dalla meditazione di un testo della Sacra Scrittura, di un libro su Gesù, di un santo.

Se è vero che la preghiera è la semplicità di quel «io Lo guardo e Lui mi guarda», occorre però prendere delle piccole decisioni per favorire l’ascolto e il dialogo. Anche il luogo dove noi preghiamo deve aiutare il nostro raccoglimento. Le nostre stanze sono come quelle dei monaci: tutto ciò che può distrarre è tolto. E questo è vero per ogni tipo di dialogo: se voglio parlare con un amico, non vado a mettermi in un luogo pieno di rumori o dove ci sono altri che parlano attorno. Bisogna avere il coraggio di prendere queste piccole, o grandi, decisioni per mettersi in ascolto. Ai miei amici che non vivono in convento come noi, suggerisco ad esempio di non accendere il cellulare immediatamente la mattina: prenditi i primi venti minuti del giorno anche solo per un silenzio esteriore; non aggiungere tante voci esterne fin dal mattino, lascia spazio ai desideri e alle domane che hai, ripensa a cosa hai ricevuto il giorno prima e ringrazia. Un altro consiglio può essere: tu e tuo marito prendetevi dieci minuti al mattino in cui affidate a Dio tutta la vostra famiglia, le decisioni da prendere nella giornata, le cose da fare. E i figli imparano da questo gesto dei genitori. Io ho imparato a pregare guardando mio padre e mia madre; così come si insegna a parlare si può insegnare ai figli ad aprirsi a questo dialogo con Dio. La Chiesa poi è una madre che ci aiuta e ci dà degli strumenti molto concreti: il rosario ad esempio è una preghiera bellissima che può essere pregata insieme a tutta la famiglia. Non dobbiamo inventarci niente: le parole ci sono offerte, come Gesù stesso ha insegnato ai suoi discepoli a pregare il Padre Nostro. Dio ci è sempre accanto nella vita, ma è la nostra routine frenetica e piena di rumori che ci impedisce di sentirlo; viviamo in un tempo e in una società in cui ogni minuto è riempito di attività e suoni. La quarantena allora può essere un momento favorevole per ascoltare meglio Dio, perché molti rumori si sono spenti. «Ritornate a me con tutto il cuore» (Gl 2,12) ci dice Dio, esprimendo il suo desiderio di comunione con noi. Può accadere davvero questo: possiamo ri-accorgerci della Sua presenza e della Sua voce. Se ci accorgessimo che Lui mendica in ogni istante il nostro sguardo, che sta alla porta e bussa, queste giornate apparentemente vuote si riempirebbero.

Abbiamo sempre pensato che l’uomo davvero libero sia quello che cammina per conto suo, fa un progetto di meta e si costruisce il sentiero. Seguire è un verbo che istintivamente non ci piace. Possiamo invece auspicarci che questa “botta” chiamata Covid-19 ci aiuti a riscoprire tutta la libertà che c’è nel seguire?

L’uomo contemporaneo si ribella al seguire, ma seguire è un gesto quotidiano. Tutti i giorni, spesso inconsapevolmente, noi seguiamo qualcosa o qualcuno. E in tante esperienze quotidiane vediamo che è conveniente seguire, se scegliamo di seguire la persona o la proposta giusta: ad esempio, una mamma che cucina segue una ricetta, e così può offrire qualcosa di nuovo; oppure, per arrivare in cima a una montagna e godere del panorama occorre seguire qualcuno. Spesso senza accorgerci seguiamo l’opinione comune espressa nei mass media, mentre tanti ragazzi seguono la moda e i loro idoli su Instagram. Questo è il tempo degli influencer e dei loro followers. E poi, se non seguiamo qualcuno di esterno, seguiamo noi stessi fino a diventare schiavi dei nostri sentimenti o delle nostre paure. Quanta gente poi finisce purtroppo per diventare schiava dell’umore, dell’istintività o di modelli imposti dalla moda! Il punto quindi è saper scegliere a chi
obbedire, chi seguire. Se penso ai santi, penso a degli uomini liberi, compiuti, perché hanno seguito l’Unico che sapeva qual era il loro vero bene. Seguire Dio significa seguire chi sa qual è il tuo vero bene e ti ama in modo assolutamente disinteressato. Nel Vangelo si ripete tante volte il verbo «seguire»: quando Gesù chiama i suoi discepoli, per ciascuno si dice che “lo seguirono”. Cosa hanno fatto i discepoli? Hanno vissuto con Gesù, lo guardavano, lo ascoltavano, gli facevano domande, si lasciavano correggere: sono entrati in rapporto con Lui. Obbedire è vivere un rapporto di amicizia; e se seguo chi mi vuole bene, non la sento come una costrizione e anzi mi rendo conto che mi conviene. Questo coronavirus ci sta mostrando che non siamo onnipotenti, allora chiediamoci: da chi dipendo? Di solito noi seguiamo i nostri progetti, ma in queste settimane molti nostri progetti sono andati a monte. La scelta dunque è in mano nostra. Possiamo continuare a seguire idoli che non sono altro che padroni che non ci siamo neppure consapevolmente scelti. Oppure possiamo aprirci e consegnarci a un rapporto in cui seguiamo un maestro buono, come hanno fatto i discepoli, che ci aiuti ad arrivare dove da soli non possiamo. Possiamo seguire qualcuno che ci voglia bene e sia affidabile, che desidera farsi compagno e aiutarci a camminare. Dio vuole compierci e sa qual è il bene per ciascuno, per questo non ci fa mai mancare persone da seguire, attraverso cui è Lui stesso a guidarci.
Tante volte mi sono trovata a ripetere le parole che san Pietro rivolse a Gesù quando chiese ai suoi discepoli se volevano andarsene: “Signore da chi andremo? Tu solo hai parole di vita eterna” Quello che io ho scoperto nella vita è che veramente solo da Cristo, solo nella Chiesa, ricevo parole che spiegano la vita. Da Lui ricevo il senso della mia vita.
Io obbedisco tutti i giorni a una regola. Seguirla in questi anni ha educato e rafforzato la mia libertà. Infatti, il mio cuore che vive grandi desideri ha bisogno dell’aiuto delle sorelle per essere sostenuto nell’impegno per perseguirli. Scopro ogni giorno che seguire la regola della casa, obbedire alla mia superiora è la strada della mia libertà. È la strada per poter scegliere ciò che dà pienezza al mio cuore, per poter vivere seguendo i miei desideri più veri.

  • 1
  • 2
Tags:
coronavirusfamigliavocazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni