Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sposarsi nel medioevo era triste? Ecco cinque curiosità che ti faranno cambiare idea

tomertu | Shutterstock
Condividi

Non c'era un solo banchetto di nozze, ma molti; lo sposo era tenuto a rifare l'intero guardaroba alla sposa ... e altre sorprendenti tradizioni per nulla tetre e arretrate.

E dire che di romanzi e di film storici ne ho letti e visti tanti.
Non uno – non uno – tra tutti quelli che ho all’attivo, che sia mai riuscito a rappresentare il matrimonio medievale così come realmente era. Nei telefilm ad ambientazione storica, a me piange il cuore tutte le volte che vedo entrare in chiesa l’emozionata sposa, raggiante nel suo vestito bianco, con lo sposo che l’aspetta all’altare al suono delle campane.
Sigh.

Il fatto gli è, signori e signori, che il matrimonio medievale era quanto di più lontano dalla nostra idea di “matrimonio moderno”. (Ammesso e non concesso che di “matrimonio moderno” si possa parlare: sarebbe forse più corretto dire “contemporaneo”. Come spiegavo qui, il nostro concetto di “matrimonio tradizionale” esiste solo nelle nostre teste).

Certo è che, se ci spostiamo un po’ più in là nei secoli, il senso di disorientamento cresce. Se, disponendo di una macchina del tempo, venissimo invitati a un matrimonio medievale, ci troveremmo di fronte a un qualcosa di così bizzarro che probabilmente non capiremmo nemmeno a cosa stiamo assistendo.
E dunque, per la serie “demoliamo un po’ dei preconcetti che abbiamo sulla Storia”, ecco a voi cinque convinzioni (errate) sul matrimonio medievale che sicuramente avete (o avete avuto) anche voi… con relativa spiegazione sul perché sono sbagliate.

Il giorno del matrimonio è uno. Ti sposi un momento ben preciso.

Se le coppie medievali avessero avuto la consuetudine moderna di festeggiare gli anniversari di matrimonio, le sposine medievali sarebbero state le donne più fortunate della terra: sì, perché per loro “l’anniversario di matrimonio” non era uno solo. Ce ne potevano essere tre o quattro, se non anche di più.

Noi, oggigiorno, abbiamo la non irragionevole tendenza a presumere che il matrimonio sia una cosa che si formalizza in un momento solo. Nel Medioevo la gente era strana forte, e dunque aveva un matrimonio a tappe. Tappe tra le quali potevano trascorrere, se necessario, anche parecchi anni.

Nel matrimonio-tipo, cioè quello tra famiglie ricche, le prime fasi erano affidate alle sapienti cure di un sensale, un professionista del mestiere che fungeva da “agenzia matrimoniale” mettendo in contatto le famiglie che avevano figli da maritare. Se le due famiglie riuscivano a trovare un compromesso soddisfacente, aveva luogo un incontro ufficiale tra i genitori dei futuri sposi, durante il quale l’accordo matrimoniale era suggellato da una stretta di mano. La si chiamava “impalmamento”, dai due palmi che si toccavano.
Ancor oggi nel linguaggio colloquiale si dice scherzosamente che “eh! T’hanno impalmato!”: il termine deriva proprio da questa antica cerimonia, che costituiva già di per sé un impegno formale ufficialmente assunto. Annullare un matrimonio dopo la cerimonia d’implamamento sarebbe stata un’onta grave, che avrebbe generato pesantissima inimicizia.

Public Domain

La cerimonia di impalmamento faceva sì che si parlasse già di “matrimonio”, anche se, da sola, non bastava a rendere legalmente valido il contratto. Per arrivare a una piena validità legale era necessario il secondo step del matrimonio: le “giure”, che potevano tenersi il giorno stesso dell’impalmamento, oppure – a discrezione delle famiglie – a qualche tempo di distanza.
In occasione delle giure, le due famiglie al gran completo (per intenderci: la reunion dei parenti che non vedevi da vent’anni ma che ti tocca invitare al pranzo sennò la zia si offende) si davano appuntamento al cospetto di un notaio, ove lo sposo e il padre della sposa davano pubblicamente il loro assenso alle nozze. Il notaio era testimone di questo assenso, che aveva dunque da quel momento piena ufficialità.

La sposa non era presente.
Sola come una derelitta mentre tutta la famiglia era fuori a – ehm – festeggiare il suo proprio matrimonio, la sposa se ne stava in casa con qualche serva, ad aspettare che lo sposo venisse a visitarla. Quando finalmente gli invitati arrivavano – ehm – a casa della sposa, la sposa si univa al neo-marito (?) e partecipava con lui a un sontuoso banchetto (quello che noi definiremmo “il pranzo di nozze”).
Dopodiché, i novelli sposi si salutavano con cari saluti e tornavano a farsi i fatti loro per gli anni a venire.

Tecnicamente, i due erano già marito e moglie, anzi no: tecnicamente, erano sposo e sposa. E se guardiamo all’etimologia del termine (dal latino spondeo, “prometto”) ci rendiamo conto che il termine “sposi” ha una sfumatura di significato che vira di più sul versante di “promessi sposi”. Gli sposi medievali, insomma, sono coniugi a metà: sono già sposati, ma non sono ancora marito e moglie; hanno diritti e doveri coniugali, ma, ad esempio, non vivono ancora assieme.

Potevano passare mesi, talvolta anni, talvolta anche parecchi anni, prima che il matrimonio giungesse a completezza. Le ragioni per cui si aspettava tanto erano le più svariate, e solo raramente l’età troppo giovane era una motivazione. Nella maggior parte dei casi, lo sposo doveva allontanarsi dalla città per cercare lavoro, per prender parte a una guerra, perché costretto all’esilio dalla fazione politica avversa… e così via dicendo. Erano eventi frequenti e normali, così come era assolutamente normale che due sposi vivessero vite separate per un bel po’, dopo il loro matrimonio.

Quando finalmente i due sposini erano pronti “per fare sul serio”, si passava al matrimonio 2.0, che prendeva il via con il rito dell’anellamento: lui piglia la fede nuziale e la mette al dito della  sposa.

MARRIAGE
Jean-Baptiste Wicar | Public Domain

Ai nostri giorni, è il momento clou di ogni matrimonio; nel Medioevo, era un momento dalla valenza simbolica, sì… ma niente di che. Il dì dell’inanellamento era una cerimonia privata, celebrata in casa e alla presenza di pochi cari. L’atto che rendeva ufficiale il fatto che “Tizio e Caia si sono sposati un po’ più di prima” era il sontuoso corteo nuziale che, qualche giorno dopo l’inanellamento, avrebbe condotto la moglie nella casa del marito. La donna, a cavallo, attraversava le vie della città con un corposo seguito di servitori; la sera, nelle vie antistanti la casa del marito, si sarebbe tenuto un rinfresco – all’aperto, dunque visibile a tutti, creato con il preciso scopo di rendere la notizia del matrimonio il più pubblica possibile.

Grossomodo, era quello il D-Day che – diremmo noi, con mentalità moderna – sanciva l’inizio della vita coniugale vera e propria.
Anche se in realtà alla coppietta restava da fare un ultimo passo, prima di avviare una vera routine coniugale. Un passo che serve a smentire un altro grande preconcetto che molti di noi hanno riguardo al matrimonio tradizionale, e cioè:

Il matrimonio sanciva una alleanza tra famiglie, perché “quando ti sposi, sposi anche la famiglia del partner”

Non so chi sia il primo che s’è inventato questa vaccata, ma, no: nei ceti più alti, il matrimonio serviva senz’altro a sancire momentanee alleanze tra famiglie… ma queste alleanze non erano niente di definitivo e di intoccabile (come tristemente potrebbero confermare molte nobildonne andate in spose a re stranieri, i cui mariti, a distanza di pochi mesi, hanno dichiarato guerra a suoceri e cognati ammazzandoli malissimo sui campi di battaglia).

Nel complesso e instabile clima politico di un Medioevo europeo in cui tra i clan rivali esistevano voltafaccia tra i più impensabili, nessuno ha mai sognato di dire che, in un buon matrimonio, le due famiglie d’origine devono andare d’accordo per sempre e giocare a tombola al pranzo di Natale. Anzi: proprio per sottolineare il carattere effimero dell’alleanza tra famiglie venutasi a creare per via matrimoniale, esisteva nel Medioevo una ulteriore, immancabile, cerimonia cui gli sposi dovevano necessariamente sottoporsi. Questa cerimonia prendeva il nome di “ritornata”.
ritornare era la moglie, che, entro una settimana dal matrimonio (cioè: dal corteo nuziale con trasloco nella casa del marito) faceva fisicamente ritorno presso la casa paterna.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.