Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sono in riserva, tesoro. Mi faresti il pieno?

CUORE, SERBATOIO, AMORE
Shutterstock
Condividi

Anche nelle relazioni affettive esiste un serbatoio ... emozionale. Nessuno lo riempie da sé, ogni persona può riempire solo il serbatoio dell’altro: è un dono e un impegno quotidiano.

Abbiamo celebrato l’amore in occasione della festa di San Valentino e tante coppie avranno avuto modo di scambiarsi regali, dedicarsi momenti speciali, concedersi qualche effusione in più… Ma da oggi cosa succede nella vita di quelle coppie?

Amarsi quotidianamente

Alzi la mano chi non ha mai detto che l’amore va dimostrato 365 giorni all’anno e non solo in occasione di San Valentino. Ma concretamente chi riesce a farlo?

Eppure amare concretamente, con azioni o parole che fanno sentire il partner speciale, considerato importante e rivestito di attenzioni, è fondamentale per riempire il suo “serbatoio emozionale”. Di cosa parlo?

Secondo Gary Chapman (autore del famoso libro “I 5 linguaggi dell’amore”) gli adulti, proprio come i bambini, portano con sé un serbatoio emozionale, identificabile con il bisogno di amore di cui ciascuno fa esperienza: quando il serbatoio è pieno la persona è felice e agisce di conseguenza, quando invece si sta svuotando o è completamente vuoto la persona vive una mancanza che può avere molteplici conseguenze.

Sophia Louise CC

Come si riempiono questi serbatoi? Per i bambini sono le azioni dei genitori (o comunque di adulti significativi) a dare la sensazione di essere amati e a riempire il serbatoio emozionale. Nelle coppie, invece, sarà il partner a riempire questo serbatoio. Inizialmente ciò avviene molto facilmente: quando ci si innamora si mettono in atto spontaneamente gesti e comportamenti che fanno sentire l’altro amato. E ciò rende per l’altro più facile amare, riempiendo a sua volta il serbatoio del partner.

Questo meccanismo permette ad entrambi i partner di avere il serbatoio emozionale pieno, perché ogni persona può riempire solo il serbatoio dell’altro e non il proprio (motivo per cui la reciprocità è fondamentale). E gli effetti del “pieno emozionale” si vedono molto bene nelle coppie appena nate! Ma le cose spesso cambiano quando le coppie sono più navigate e i partner iniziano a credere che per nutrire l’amore bastino parole o intenzioni, per cui vengono a mancare le azioni concrete.

Oppure viene a mancare la quotidianità.

Amare in modo personale

Dunque riempire il serbatoio emozionale del partner è un lavoro costante, quotidiano, a cui va dedicata cura ed attenzione. E per farlo bene bisogna individuare in quale modo specifico il partner desidera essere amato.

Esistono, infatti, diversi modi in cui l’amore può essere dimostrato (lo vedremo meglio a breve) ma ciascuno ha una sua modalità preferita. Per dirla in altri termini, esistono diversi linguaggi con cui si può dire il proprio amore al partner, ma non è detto che il partner li comprenda tutti e probabilmente uno solo sarà quello maggiormente riconosciuto, che quindi andrà a riempire maggiormente il suo serbatoio emozionale.

Per questo emotivo è importante comprendere quale è il linguaggio dell’amore “parlato” dal proprio partner e sintonizzarsi sulla sua lunghezza d’onda, affinché i propri gesti di amore vengano riconosciuti come significativi e nutrienti.

Altrimenti si rischia di fare anche molto (magari usando il proprio linguaggio preferito), ma senza che il partner si senta realmente amato (perché parla un’altra lingua!).

BEDTIME
By Motortion Films | Shutterstock

I linguaggi dell’amore

Secondo Gary Chapman esistono 5 linguaggi dell’amore (ma in realtà ce ne sono anche molti altri). Vediamoli insieme:

  1. parole di affermazione: sono complimenti e apprezzamenti verbali per ciò che l’altro è e fa;
  2. regali: sono segni di amore visibili. Spesso non conta il valore economico, ma che il dono abbia valore tanto per chi lo fa quanto per chi lo riceve;
  3. gesti di servizio: mostrano attenzione alle necessità del partner. Sono atti che esprimono chiaramente: “ti vedo e ti conosco, per questo mi rendo conto dei tuoi bisogni ed abbandonerò per un momento la mia via per far fronte a queste tue necessità”. Gli atti di servizio richiedono attenzione e iniziativa da parte di chi li compie, il quale vede un bisogno e si dà da fare per far fronte a tale bisogno (preferibilmente prima che venga chiesto di farlo);
  4. tempo di qualità: è dedicare del tempo per stare con il partner e prestare a lui/lei tutta la propria attenzione, senza distrazioni;
  5. contatto fisico: l’amore fisico non passa solo attraverso i rapporti sessuali, ma anche con carezze, abbracci, baci, tenersi per mano… Il contatto fisico è un modo per far ricordare al partner che si è qui per lui/lei e che non è solo.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.