Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“L’amore si paga solo con l’amore”: copiamo S.Teresa di Lisieux? Anche lei lo ha fatto…

WOMAN'S EYES
Condividi

Dai Santi del Carmelo a Fiorella Mannoia, risalendo fino a Pitagora, passando per Marco Aurelio e poi via via attraverso il Cantico dei Cantici, San Bernardo, Fernando de Rojas e Petrarca, ecco come si scambia la moneta nel "mercato" dell'amore

di P. Ermanno Barucco ocd

Sotto i blasoni disegnati da santa Teresa di Gesù Bambino (di Lisieux) per rappresentare la sua unione sponsale con Gesù si trova il motto: «L’amore si paga solo con l’amore» (traduzione Vaticana-OCD). Così è stato tradotto il francese: «L’amour ne se paie que par l’amour». Il testo risale, come lo conosce Teresa, a san Giovanni della Croce, uno dei suoi maestri prediletti, e la Carmelitana francese concluderà che la sua missione è di rendere «Amore per Amore». Nella Basilica di Santa Teresa del Bambino Gesù a Verona-Tombetta, sopra l’urna della piccola Santa che spira d’amore, il motto è stato però tradotto, o meglio semplificato, con «l’amore domanda l’amore». Questa frase ci rinvia invece a santa Teresa di Gesù (d’Avila), la madre del Carmelo riformato. Vorremmo descrivere come queste tre espressioni di un “detto d’amore” siano profondamente legate tra loro nei tre Dottori del Carmelo.

“Amore per Amore” (Teresa di Lisieux)

Alla fine nel Manoscritto A (85v°-86r°) Teresina riporta i blasoni e la loro spiegazione concludendo con la citazione del Santo mistico spagnolo «L’amore si paga solo con l’amore». Ma è interessante notare che nel piccolo Manoscritto B Teresa riprende la frase così:

O Gesù, lo so, l’amore si paga soltanto con l’amore: perciò ho cercato e ho trovato il modo per calmare il mio cuore rendendoti Amore per Amore» (Ms B, 4r°). Teresa ha appena scoperto, grazie all’Inno della carità di san Paolo in 1 Cor 13, che Gesù le ha dato la vocazione di essere l’Amore nel cuore della Chiesa. Qualche pagina prima aveva ricondotto la frase di san Giovanni della Croce ad un versetto del Cantico dei Cantici, perché desiderando solo la “scienza dell’Amore” e «pur avendo dato tutte le mie ricchezze per essa – scrive Teresa – mi sembra, come la sposa dei sacri cantici, di non aver dato nulla (Ms B, 1r°).

Anche se in questo caso la traduzione di Ct 8,7 usata da Teresa deve essere stata un po’ diversa da quella che noi usiamo oggi, la sua affermazione indica che ella ha dato a Dio le proprie ricchezze d’amore, che le paiono quasi come nulla, “in cambio dell’amore” ricevuto da Dio. Pochi anni prima, la piccola Santa aveva già scritto in una breve opera teatrale, “La Missione di Giovanna d’Arco”, di essere «la sua piccola sposa» di voler «provare a rendergli amore per amore» (PR 1, 10v°), come pure aveva chiesto a Celina, scrivendole una lettera, di rispondere alla follia d’amore di Gesù con un amore altrettanto folle, poiché «l’amore si paga solo con l’amore e le piaghe d’amore si guariscono solo con l’amore» (LT 85).

“Perché l’amore non si paga che con se stesso” (san Giovanni della Croce)

Ma cosa intendeva dire san Giovanni della Croce con quella frase che usa Teresa? Siamo nel commento alla strofa 9 del Cantico spirituale e scopriamo che la prospettiva è l’inverso di quello che intende Teresina. Non è infatti l’anima che deve rispondere con l’amore all’amore di Dio, ma nel testo del Santo è l’anima che brama la “ricompensa” per il fatto che ama e serve l’Amato, ricompensa che non è che ancor altro amore per amare di più fino alla perfezione dell’amore: «perché l’amore non si paga che con se stesso» (CB 9,7). Ma se è l’Amato a “pagare” l’amore dell’amata per lui con altro amore perché essa ami ancor più, la logica è quasi la stessa di Teresa di Lisieux, anche se la sfumatura è un po’ diversa: non quella di “rispondere” con amore ad un amore donato, ma di “far crescere” l’amore con l’amore donato, fino a farlo diventare un amore smisurato. Proprio alla fine del Manoscritto C, Teresa raggiungerà la stessa dinamica del suo maestro carmelitano grazie al suo Maestro Gesù: «Sì, Signore, tu mi hai detto:

Tutto ciò che è mio è tuo” (Lc 15,31; cf. Gv 17,10). […] Il tuo amore mi ha prevenuta fin dall’infanzia, è cresciuto con me e ora è un abisso del quale non riesco a sondare le profondità… L’amore attira l’amore, perciò, mio Gesù, il mio si slancia verso di te… Per amarti come mi ami tu, devo fare mio il tuo amore, solo allora trovo riposo (Ms C, 34v°-35r°).

I due Santi carmelitani si rivelano così entrambi figli della stessa madre, Teresa d’Avila

TERESA
Public Domain

“Amore trova amore” (Teresa d’Avila)

Teresa d’Avila utilizzò infatti un’espressione simile a volte tradotta con «amore domanda amore» (toh! proprio il testo usato a Tombetta per tradurre il motto di Teresina!), anche se sarebbe meglio rendere lo spagnolo «amor saca amor» con «amore trova amore», in una pluralità di altre possibili traduzioni: «amore esige, suscita, produce, provoca, attira amore» (toh! “attira”, ripreso da Teresina come abbiamo visto nel testo appena sopra citato). Ma è dal testo intero che apprezziamo l’intenzione profonda della Santa spagnola nel descrivere la sua relazione con Gesù e con Dio:

quando pensiamo a Cristo, ricordiamoci sempre dell’amore con cui ci ha fatto tante grazie e quanto è grande l’amore che Dio ci ha mostrato nel darci un segno di quanto ci ama; amore trova amore. E anche se ciò è solo all’inizio e noi molto mal messi, procuriamo di ricordarlo sempre e così di svegliarci ad amare; perché se una volta il Signore ci dona la grazia di imprimerci nel cuore questo amore, tutto ci diverrà facile e ci metteremo all’opera in brevissimo tempo e senza sforzo. Sua maestà, che sa cosa ci conviene, ce lo conceda per l’amore che ha per noi e per il suo glorioso Figlio che a sue spese ce lo ha mostrato. Amen (Vita 22,14).

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.