Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconFor Her
line break icon

Cambogia, rilasciate 32 donne in arresto perché madri surrogate. Ma occorre colpire i trafficanti

ASIAN PREGNANT WOMAN

Shutterstock

Paola Belletti - pubblicato il 12/12/18

Secondo un sacerdote del Pime, nel Paese dal 2001, esiste un nesso strettissimo tra bassa scolarizzazione femminile e sfruttamento delle giovani nell'industria dell'utero in affitto. Necessario colpire i punti nevralgici di questa estesa rete.

Rilasciate su cauzione le madri “surrogate” a condizione che crescano i figli in gestazione per i clienti

Erano in arresto per avere accettato di portare a termine gravidanze per altri a scopo di guadagno.

Avevano portato in grembo bambini per conto di clienti cinesi, ora dovranno crescerli con le proprie forze: è la condizione imposta dalle autorità cambogiane per il rilascio su cauzione di 32 donne, arrestate nel giugno sorso durante un’operazione della polizia contro la maternità surrogata

.

Se non rispetteranno gli accordi, andranno incontro ad almeno 15 anni di carcere. È quanto ha annunciato Pon Samkhan, segretario generale per la Commissione nazionale anti-tratta, aggiungendo che l’ultimo gruppo di 17 giovani è libero dallo scorso 5 dicembre. (

Asia News)

Sono  32 le donne fino ad ora rilasciate nei giorni scorsi su cauzione dalle autorità cambogiane; siamo nella capitale, l’esotica e fragile Phnom Penh, dove, si legge sul sito Asia News, agenzia stampa del PIME, i miraggi della modernità aumentano di continuo la sete di denaro contante. Un modo tragico per fare cassa è di entrare o far entrare nel mercato della surrogata.




Leggi anche:
La Corte Costituzionale dice che la GPA è contro la dignità delle donne

Pratica illegale ma diffusa: la Cambogia un paese fragile

La pratica è illegale a fini commerciali dal 2016 ma diffusamente e fino ad ora anche troppo impunemente praticata da ricche coppie cinesi e non solo che trovano in questa pratica la strategia migliore per by passare il problema della sterilità.
Fa specie pensare alla Cina e alla sua ferrea politica del figlio unico e vederla ora tra i clienti gold di questo inumano mercato di esseri umani. O ad altri paesi del Far East che sradicano sistematicamente da se stessi le figlie femmine. Un’assurda follia che sta chiedendo il conto.


GIRL

Leggi anche:
E’ femmina? Fiocco rosso sangue: la strage di bambine in India, prima e dopo la nascita

Il sacerdote che ha commentato la notizia è Padre Caccaro, già in missione nel paese dal 2001 al 2011 e rientrato nel 2016.

È giusto che queste donne siano state rilasciate, perché ritengo che questo fenomeno non vada colpito a livello di madri surrogate. I trafficanti – mediatori, agenzie, funzionari corrotti e internet – dovrebbero invece essere gli obiettivi dell’intervento. (Ibidem)

Le madri che affittano il proprio utero sono l’anello debole (insieme a quello debolissimo del povero bambino che portano in grembo) non solo per la pratica in sè stessa ma anche per le cause alla radice di questo reticolo di crimini.

Bisogna colpire i tessitori della rete, e quelli che progettano promuovono e lucrano su questo orribile traffico.

Anche questa è violenza di genere: sono usate in quanto donne

Ma le ragazze come arrivano a tanto? (quando non finiscono in questo traffico, è altamente probabile che si instradino in quello di altri abusi, di altro sfruttamento. Vedi prostituzione)


INDIAN BABY-MOM WITH SON

Leggi anche:
India: bambine rapite o vendute riempite di ormoni. Il fiorente orrore della prostituzione

Ci finiscono perché abbandonano molto presto la scuola. Così dichiara Padre Caccaro

Sarebbe interessante – afferma il sacerdote – capire che tipo di scolarizzazione hanno ricevuto queste donne. Spesso, gli studi delle ragazze si interrompono troppo presto, soprattutto nelle regioni rurali. Quando le giovani più fragili smettono di andare a scuola, attendono di esser date in sposa o finiscono per essere sfruttate da reti di trafficanti. Il rapporto tra scolarizzazione femminile e abuso da surrogazione è molto stretto. Per questo, noi missionari dedichiamo un’attenzione particolare all’educazione delle donne, affinché queste abbiano qualche anticorpo in più contro i fenomeni di sfruttamento. (Ibidem)

Se fino al 2011 era normale vedere cedere per poche decide di dollari un figlio da famiglie povere e numerose ad altre sterili e la cosa era vissuta come costume culturale accettabile (mentre non lo è nemmeno questo), in questi anni si assiste ad un salto di qualità del fenomeno. (E per fortuna anche delle forme di contrasto, sembra.)


ZARISH NENO

Leggi anche:
Una giovane cristiana al servizio dei bambini in Pakistan: educare per salvare

Ora il fenomeno è sfruttato sistematicamente, progettato fin dal sorgere del bisogno, malato, di avere un figlio quando la natura non lo consente; promosso, nobilitato addirittura dai media di tutto il mondo e poi ottenuto con lo sfruttamento dei più poveri e deboli del mondo.

Si fa anche con le scarpe o i capispalla delle griffes più  blasonate o con la moda low cost ma qui parliamo di esseri umani.

Come ci siamo arrivati? In realtà è la lineare tragica conseguenza della perdita del senso di sacralità della vita umana. Se non è intoccabile allora si può non solo toccare ma usare, buttare, ordinare, scartare, far fruttare.

Tags:
difesa della vitautero in affittoviolenza sulle donne
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni