Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

In che modo si possono aiutare le anime ad uscire dal Purgatorio?

© DR
Condividi

Messe e sopratutto indulgenze. Ecco come fare per ottenerle

In che modo si possono aiutare le anime del Purgatorio? Gianandrea de Antonellis e Marcello Stanzione in “100 domande sul Purgatorio” (Gribaudi edizioni) rispondono in modo molto chiaro: l’aiuto alle anime arriva con le preghiere, le messe e lucrando le indulgenze. Il Catechismo ricorda che la Chiesa raccomanda anche le elemosine, le indulgenze e le opere di penitenza a favore dei defunti (n. 1032).

Trent’anni prima, nel 1968, subito dopo il Concilio Vaticano II, la Penitenziera Apostolica aveva emanato l’Enchiridium Indulgentiarum (“Manuale delle indulgenze”), tuttora valido.

È il documento ufficiale per conoscere i casi in cui sono applicabili le indulgenze per i nostri defunti e che possono essere parziali o plenarie, giornaliere o annuali.

La disposizione d’animo

Quali che siano le caratteristiche delle singole indulgenze, un elemento deve essere necessariamente presente: la disposizione d’animo che escluda ogni affetto al peccato anche veniale.

Non si può, in altre parole, lucrare un’indulgenza pensando di cancellare il passato per mettersi a peccare in futuro, magari per qualche anno, fino alla prossima indulgenza plenaria: sarebbe come confessarsi senza pentimento! Bisogna invece impegnarsi a respingere ogni tentazione per avvicinarsi sempre più allo stato di vita evangelico.

Parziale e plenaria

L’indulgenza si dice parziale o plenaria secondo che liberi in parte o in tutto dalla pena temporale dovuta per i peccati. L’indulgenza plenaria può essere acquisita una sola volta al giorno. Le indulgenze “parziali”, invece, sono molte ed ordinariamente unite alla recita di una determinata preghiera o giaculatoria.

Tre condizioni

Ci sono indulgenze annuali o occasionali, legate a santuari, alla frequenza degli esercizi spirituali, all’ascolto – anche per radio o televisione – della Benedizione “Urbi et Orbi”, ai giubilei (particolarmente importanti, queste ultime).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni