Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

C’è un Santo patrono delle anime del Purgatorio?

SOULS IN PURGATORY
Condividi

La Madonna del Carmine avrebbe questo "ruolo". Ma accanto a lei ci sono almeno altre quattro figure celesti

Esiste un santo protettore e patrono delle anime del Purgatorio? A questa domanda rispondono Gianandrea de Antonellis e Marcello Stanzione in “100 domande sul Purgatorio” (Gribaudi).

1) La Madonna del Carmine

CC
Inghilterra: Nostra Signora del Carmelo. San Simone Stock viveva in un monastero a Cambridge. Un giorno, mentre pregava la Madonna perché gli inviasse un segno della sua protezione, Maria gli apparve e gli consegnò uno scapolare. Da allora l'uso dello scapolare si è diffuso in tutto il mondo, insieme alla devozione a Nostra Signora del Carmelo.

Innanzi tutto il Purgatorio è il luogo e lo stato in cui si “purgano” le colpe della vita passata, dove l’anima si purifica per poter accedere degnamente alla gloria del Cielo, in Paradiso.

Ora la patrona di queste anime si può considerare la beata Vergine Maria del Monte Carmelo, detta Madonna del Carmine, venerata come “plenipotenziaria del Purgatorio”, che si festeggia, come è noto il 16 luglio.

2) L’Arcangelo Michele

SAINT MICHEAL
Dervish Candela

Subito dopo viene l’arcangelo Michele, che viene spesso rappresentato in figura di “psico-pompo”, cioè di “trasportatore delle anime”: in queste vesti non brandisce la spada, ma regge una bilancia, con la quale pesa i peccati e i meriti di ogni singola anima.

3) Sant’Odilo

Mattana CC
Sainte Odile : comme c'était encore l'usage en ces temps mérovingiens, on voulut la tuer à sa naissance parce qu'elle était née aveugle. Mais sa mère la sauva, et Odile fut accueillie par l'abbaye bourguignonne de Baume-les-Dames. On la prie pour les problèmes de vue.

Con San Michele, possiamo annoverare come  anche il francese sant’Odilo (962-1048) che, nella sua gioventù, rinunciò ad una grande fortuna per diventare monaco.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni