Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Addio suor Marguerite, Aleppo piange l'”angelo degli ammalati”

Condividi

Ha voluto fermamente che l'ospedale di Saint Louis (da lei diretto) restasse sempre aperto durante la guerra civile

Mentre lei volava in cielo a quasi 90 anni, nella sua Aleppo almeno sei esplosioni infiammavano una giornata che pareva tranquilla.

Non è riuscita a vedere quella pace in cui tanto aveva sperato, Suor Marguerite Slim, direttrice dell’Ospedale Saint Louis di Aleppo. Ha trascorso una vita donata a Dio e al servizio del popolo siriano. E negli ultimi tempi confidava che la parola fine al conflitto siriana prevalesse sugli odi e i rancori.

La gran folla presente ai suoi funerali, celebrati nella chiesa francescana di Aleppo, testimonia il bene che la città voleva a questa coraggiosa donna di Dio.

Suor Marguerite, come riporta il blog Ora Pro Siria (22 maggio) era di origini libanesi. A soli 8 anni, perde la madre e viene inviata all’orfanotrofio delle Suore della Congregazione di ‘San Giuseppe dell’Apparizione‘ a Khan in Saida (Libano) per continuare la sua educazione.

La chiamata del Signore

Nel 1949, a causa di un problema alla schiena, va ad Aleppo per un intervento chirurgico di ernia del disco. Dopo 3 mesi di convalescenza molto dolorosa, resta lì e vi lavora per circa un anno. Durante questa esperienza, il Signore la chiama a donare la vita al servizio degli altri.

Nel 1950, entra nel Postulato delle religiose di San Giuseppe dell’Apparizione e fa il suo Noviziato a Marsiglia, dove emette i suoi primi voti nel 1952 e riceve il mandato per andare in missione all’ospedale di Aleppo. Data la giovane età, le sue qualità professionali ed umane, diventa assistente in sala operatoria.

Sei anni più tardi pronuncia i voti perpetui. Come religiosa infermiera viene inviata in Mauritania, dove lavora presso il dipartimento di chirurgia dell’Ospedale Nazionale, poi un anno in Francia e infine torna nella “sua” Aleppo.

Una missione complicata

Facebook

Siamo negli anni settanta e suor Marguerite (nella foto qui sopra insieme ad altri operatori umanitari ad Aleppo) insieme ha una missione ben precisa: risollevare l’ospedale che era in grande difficoltà. Nel 1983, diventa Direttore di una struttura ospedaliera che vuol trasformare in eccellenza.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.