Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Marciano di Siracusa
home iconNews
line break icon

Suora argentina in Siria dopo l'appello del papa ad andare nelle periferie

Aid to the Church in Need

Catholic News Agency - pubblicato il 06/05/14

Suor Maria Nazareth si prepara per il suo servizio ad Aleppo

Una suora originaria dell’Argentina che ha servito per quattro anni nella Striscia di Gaza si sta preparando ad andare nella città siriana di Aleppo in risposta all’appello di papa Francesco ad aiutare quanti sono dimenticati da tutti.

Nella sua prima udienza generale dopo l’elezione, il 27 marzo 2013, papa Francesco ha esortato i cattolici a “uscire da noi stessi… per andare incontro agli altri, per andare verso le periferie dell’esistenza, muoverci noi per primi verso i nostri fratelli e le nostre sorelle, soprattutto quelli più lontani, quelli che sono dimenticati, quelli che hanno più bisogno di comprensione, di consolazione, di aiuto”.

Suor Maria Nazareth ha preso a cuore questo appello. “Andrò ad Aleppo, nel nord della Siria”, ha detto all’associazione caritativa cattolica internazionale Aiuto alla Chiesa che Soffre il 28 aprile.

La Siria lacerata dalla guerra, che secondo i bilanci ha provocato negli ultimi tre anni 150.000 morti e ha costretto oltre 9 milioni di persone ad abbandonare le proprie case, è sicuramente un Paese di persone dimenticate e bisognose di comprensione, consolazione e aiuto.

Ian Pannell, della BBC, il primo giornalista occidentale ad Aleppo quest’anno, ha scritto il 28 aprile che i siriani “si sentono evitati da quella che ritengono l’indifferenza del mondo esterno. Sono indifesi di fronte agli attacchi incessanti, intrappolati tra due fazioni determinate a combattere fino allo stremo e con poche speranze di trovare sollievo”.

Suor Maria Nazareth ha scelto di recarsi ad Aleppo per aiutare le sue consorelle dell’Istituto del Verbo Incarnato, che assistono il vescovo George Abou Khazen, vicario apostolico della città. Lavorerà anche in un pensionato studentesco per ragazze cristiane.

“Ho chiesto ai miei superiori se potevo andare in Siria, non l’hanno chiesto loro a me. Questo è il nostro modo abituale, non siamo mandati dai nostri superiori, ma noi stessi dobbiamo chiedere il permesso di intraprendere una missione difficile”.

Negli ultimi mesi, Aleppo è stata soggetta a “barrel bombs” da parte del regime siriano. Le bombe vengono sganciate dal fianco degli elicotteri e cadono indiscriminatamente su civili e ribelli.

In base al Centro per la Documentazione delle Violazioni, un gruppo di monitoraggio dell’opposizione, dal 22 febbraio nella provincia di Aleppo quasi 700 civili sono stati uccisi da “barrel bombs” e aerei da guerra.

La città è attualmente divisa tra distretti controllati dal regime siriano, dall’Esercito Siriano Libero e da curdi, e i combattimenti hanno subito un’escalation nelle ultime settimane.

“Confido in Dio e nella Vergine Maria”, ha affermato suor Maria Nazareth. “Come membri di un’ordine religioso godiamo della sua protezione speciale. Oltre a questo, sono accompagnata dalle preghiere di tante persone del mio ordine. I nostri sacerdoti e le nostre sorelle pregano in particolare per il Medio Oriente”.

Nel 2013, molti cooperatori e cristiani sono stati rapiti nei pressi di Aleppo. A ottobre, 17 volontari della Croce Rossa e della Mezza Luna Rossa sono stati sequestrati, ad aprile è stata la volta di due vescovi ortodossi, il cui autista è stato ucciso.

Un sacerdote di Aleppo ha detto alla CNA nel giugno 2013 che stava tornando in città perché era suo “dovere”, e avrebbe preso un elicottero perché viaggiare in automobile era troppo pericoloso per i cristiani.

“So che ci sono dei pericoli”, ha detto suor Maria Nazareth. “Anche il viaggio verso Aleppo non è privo di difficoltà. Servono 12 ore per percorrere il tragitto da Damasco, che non è poi così lungo, a causa del gran numero di checkpoints”. Tra Damasco e Aleppo ci sono appena 370 chilometri.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
mondo missionariosiria
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni