Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 06 Luglio |
Santa Maria Goretti
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Giovannimaria morto a 7 anni di tumore: “mamma, devo andare da Gesù”

BAMBINO BIONDO

Cherepanova Anastasiia | Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 23/06/22

Giovannimaria Rainaldi si ammala di tumore quando ha soltanto 18 mesi e muore a sette anni dopo aver offerto le sue sofferenze in unione al Signore e alla Madonna: "Mamma, la tua immaginazione non può arrivare a vedere le cose belle che sta preparando Gesù per me e per te".

Sul penultimo numero del settimanale Maria con Te viene riportata l’intervista a Cinzia Fratucello, la mamma di Giovannimaria Rainaldi (31 marzo 2006 – 30 maggio 2013), “un bambino meraviglioso che ti entra nel cuore e ti lascia un profumo di Paradiso”, come scrive Francesca Giordano, autrice dell’articolo e di una sua prima breve biografia.Giovannimaria Raindaldi – Come un’Ostia viva” editrice Velar.

Il nome lo aveva scelto la mamma perché, sottolinea…

(…) mai Giovanni fosse separato da Maria. Ed è stato così. Lui era innamorato della Madre.

(Maria con te)

Giovannimaria Rainaldi muore a 7 anni a causa di un tumore raro

La parabola terrena di Giovannimaria si consuma in soli 7 anni e si conclude la mattina di giovedì del Corpus Domini.

Il piccolo si ammala all’età di 18 mesi di ganglio- neuroblastoma, un raro tumore che si manifesta quasi esclusivamente nei neonati e nei bambini piccoli prima dei 10 anni.  Malattia che lo costringerà a continui ricoveri tra Roma e New-York (dove nel 2012 riceve i Sacramenti della Prima Comunione e della Cresima), delicati interventi chirurgici e pesanti   cicli di chemioterapia.

Tutti quelli che lo hanno incontrato chiedono la sua intercessione per ricevere grazie

Tutto questo senza perdere il sorriso e la voglia di vivere:

(…) un portatore sano di gioia, di pace, di una saggezza che non è di questo mondo e alla quale tanti hanno attinto: familiari e compagni di scuola; medici e infermieri; sacerdoti, religiose, esponenti di altre religioni e non credenti; clochard e imprenditori; artisti e insegnanti; bambini malati e i loro genitori… Tutti quelli che lo hanno incontrato e si sono rivolti alla sua intercessione per ricevere grazie.

(Ibidem)

La devozione mariana di Giovannimaria Rainaldi

Giovannimaria, anche se in carrozzella, partecipa ai pellegrinaggi mariani al Divino Amore, a  Lourdes e a Medjugorje; sotto il suo costante impulso ogni giorno in casa viene recitato il Rosario. Come ancora racconta la mamma:

Offriva la sua sofferenza in unione a Gesù e a Maria

Gio era un bambino normale, simpatico e vivace. Amava il gioco, la musica, il disegno, i fiori e tutte le cose davvero belle. In questa ordinarietà sperimentava una vita pienamente eucaristica. Adorava il Santissimo Sacramento e desiderò nutrirsene ogni giorno. Sembrava consapevole di portare una sofferenza che serviva per la salvezza delle anime e la offriva con amore, in unione al Crocifisso e alla Vergine Madre.

(Maria con te)

“Mamma questa vita me l’ha donata Gesù”

Aveva una fede incrollabile e sosteneva anche i suoi familiari quando i dubbi si insinuavano in loro. Mamma Cinzia racconta che una mattina a New-York, uscendo dalla messa feriale in direzione del day-hospital, sentiva una grande tristezza pensando alle grandi sofferenze del suo bambino che, come intuendo questo stato d’animo, la scosse dicendole:

Mamma, la vita è bella. Questa vita me l’ha donata Gesù, ed è bella, capito? Never give up, mamma.

(Ibidem)

Giovannimaria Rainaldi alla mamma: “la tua immaginazione non può arrivare a vedere le cose belle che sta preparando”

Gio infatti la spronava continuamente a non mollare mai e in quell’occasione aggiunse:

Mamma, la tua immaginazione non può arrivare a vedere le cose belle che sta preparando Gesù per me e per te.

(Maria con te)

“Mamma, non ti preoccupare, sai che devo andare da Gesù”

Nutriva una certezza assoluta nella vita eterna a cui si predisponeva preparando contemporaneamente negli ultimi tempi la sua famiglia:

Mamma, non ti preoccupare del mio corpo più di tanto… Ti mancherò, vorrai baciarmi e curare il mio corpo come hai fatto sempre, ma sai che devo andare da Gesù.

(Ibidem)

“Mamma ora aiuto Gesù a portare la croce”

Quando era ormai alla fine della sua esistenza le disse:

Mamma Gesù era costretto sulla croce, e non poteva muoversi, come io sono su questo letto. Non c’è nessuna differenza. Mamma ora aiuto Gesù a portare la croce.

(Maria con te)

Giovannimaria Rainaldi e la preghiera per le persone cattive

Poi le raccomandò di pregare per le persone più cattive dicendole:

La tua preghiera può fare in modo che chiedano almeno una volta perdono a Gesù… Non un semplice scusa, ma perdono, come il buon ladrone sulla croce. 

(Ibidem)

ACQUISTA QUI IL VOLUME

COME UN'OSTIA VIVA
Tags:
bambinodevozione marianatestimonianze di vita e di fedetumorevita eterna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni