Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 23 Maggio |
San Desiderio da Genova
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Doveva solo consegnare una pizza, ma ha salvato la vita a una donna

DONNA, PIZZA, CAMPANELLO

adriaticfoto | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 09/05/22

Un gesto di soccorso imprevisto, suonando il campanello per lasciare una pizza. Una giovane madre, che faceva la fattorina per mantenere la famiglia, ora potrà concludere gli studi infermieristici proprio grazie al premio che ha meritato per la prontezza del suo soccorso.

Ordinare una pizza il venerdì sera, un classico. Eppure è proprio nel bel mezzo delle cose normali che s’infila la Provvidenza, come sguardo alternativo alla tentazione di sentirci alla mercé di un caso beffardo.

Due donne sono state protagoniste di un fatto di cronaca che si è meritato l’eco su due grandi testate come il New York Times e la CNN. Piccoli fatti di quartiere in cui traluce qualcosa di epico, o meglio di corrispondente al nostro bisogno di un bene che ci venga incontro e non sia solo un discorso astratto.

Sophia, da fattorina a soccorritrice

Siamo in Massachusetts. Sophia Furtado, fattorina del servizio di consegne a domicilio DoorDash, si è trovata a soccorrere una donna in fin di vita, a cui doveva solo lasciare la pizza che aveva ordinato.

Erano le 10 di sera, e l’ha trovata riversa a terra davanti al cancello di casa con una forte fuoriuscita di sangue dalla testa. Cos’era successo?

Caryn Hebert Sullivan aveva avuto necessità di cenare tardi, aveva ordinato una pizza e per non svegliare la famiglia che già dormiva si era messa ad aspettare il fattorino fuori dalla porta di casa. Per colpa di un ginocchio dolonte è inciampata e caduta. Nello sbattere sul selciato si è procurata una grossa ferita in testa e ha perso i sensi. Quando Sophia è arrivata per consegnare la pizza, la donna era a terra grondante di sangue.

Sophia Furtado aveva delle competenze mediche grazie al suo apprendistato come operatore di primo soccorso, pur non essendo riuscita a fare l’esame finale. Ha notato che il sangue della signora stava rapprendendo e ha calcolato che dovvesse essere caduta 15 – 20 minuti prima. “Caryn non era cosciente, i suoi occhi erano rovesciati indietro – racconta Sophia Furtado – ho intuito che potessi perderla”. Il marito della donna, Robert, era in casa e dormiva già. Si è svegliato quando Sophia ha cominciato a chiedere aiuto. La fattorina si è fatta portare delle coperte, mentre chiamava i soccorsi.

Da CNN

La prontezza di esserci

Sono proprio gl’incidenti domestici che svelano la nostra impotenza. Proprio nel nostro recinto non siamo padroni di nulla. Quante volte ci rendiamo conto che qualcosa di grave accade o non accade per un soffio? E cos’è poi questo soffio? Lo spiraglio di qualcosa che s’intromette nel flusso di vita che noi vorremmo gestito dalle sole nostre forze e pianificazioni.

Caryn era a casa sua, la comfort zone. Eppure. Poteva finire male, che lei rimanesse inerte a terra senza che i suoi cari si accorgessero di nulla. Quando il marito è stato svegliato e allertato, non è stato pronto a reagire attivamente. Comprensibilmente è stato assalito dal panico. La fattorina della pizza, guidata dagli operatori sanitari del Pronto Soccorso, ha compiuto le giuste manovre per salvare la donna. Le ha bloccato il collo per scongiurare lesioni spinali e le è stata accanto fino all’intervento dei soccorritori.

Il caso era grave, Caryn Hebert Sullivan è rimasta in ospedale per tre settimane. Una volta dimessa, ha ancora difficoltà all’udito pari al 60% e può guidare solo per brevi tratti.

I dottori hanno detto in un secondo momento che la signora Sullivan aveva subìto due grosse emorragie cerebrali e se non ci fosse stato quel soccorso sarebbe morta.

Da New York Times
ambulance-970037_960_720

Per un soffio non è morta nel giardino di casa, all’insaputa dei suoi familiari. Comprensibile che la donna oggi ringrazi Sophia chiamandola ‘angelo custode’.

“Le sono così grata, lei è il mio angelo custode – ha affermato Caryn Sullivan – Grazie a Dio lei era lì, o sarei morta”.

Da CNN

A volte lo diciamo soprappensiero, grazie a Dio. Ma lo diciamo. E poi ci sono momenti in cui lucidamente ci si rende conto che c’è il soffio di Lui dentro le nostre vicende, anche nei banalissimi venerdì sera a casa.

Chi bussa alla porta?

La notizia di questo fatto di cronaca a lieto fine è stata diffusa in questi giorni perché Sophia Furtado è stata premiata per il suo atto di soccorso, tanto spontaneo quanto decisivo. La DoorDash, ditta di consegne a domicilio, ha premiato la sua dipendente-angelo custode con un premio in denaro.

E questo dettaglio non è solo una ciliegina sulla torta. Ci permette di leggere la stessa storia raccontata finora a rovescio. Perché il soffio della Provvidenza è davvero multitasking, ma è riduttivo definirlo così. Si potrebbe notare che Dio conta davvero i capelli di tutti, contemporaneamente. O si potrebbe più semplicemente dire che il nostro destino è un percorso plurale, legato agli incontri e incidenti che ci capitano.

Sophia bussa alla porta per lasciare le pizze. Di solito è già molto se questi incontri fugaci coi fattorini lasciano il tempo a un saluto di sfuggita. Lei si è fermata per tutto il tempo necessario, anche se era a fine turno. E proprio dentro questo caso imprevisto qualcosa bussando anche alla sua porta. Il mestiere di soccorritrice avrebbe voluto davvero farlo, ma Sophia aveva lasciato gli studi nel momento in cui era diventata madre.

“Volevo davvero essere un operatore di primo soccorso, ma coi figli le priorità sono diventate altre e ho dovuto sacrificare quell’ipotesi”

Da New York Times

Grazie al premio ricevuto, Sophia concluderà gli studi infermieristici.

E ritrovo in questa storia l’alternativa reale alle tante discussioni su madri e lavoro, alle tante ansie che io stessa ho avuto. Ci sono stati curve brusche che mi hanno indotto a pensare che le maternità mi hanno tolto delle occasioni. L’errore è trattare tutto come una corsa di velocità, mentre Dio ci vuole compagni di maratona. Quello che noi vediamo come ostacolo presente, più avanti si svela come trampolino per saltare più in alto. Alla lunga il piano che Lui ha si svela opportuno a noi.

Sophia ha fatto la fattorina per mantenere la sua famiglia. La sua vocazione-mestiere al soccorso non è andata perduta. Al momento giusto è davvero spiccata. E adesso, attraverso la strada imprevedibile dei casi della realtà, potrà completare la sua formazione. Essere stata fattorina non è stata una perdita di tempo, nulla è inutile. La nostra presenza fa la differenza e Dio innesta la nostra vera vocazione dentro ogni briciolo di vissuto.

Concediamogli la pazienza di mostrarsi in tempi e modi che a noi non verrebbero mai in mente.

Tags:
aiutocronacadonnemadri
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni