Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Oroscopo? No grazie, preferisco le sorprese della Provvidenza

RAGAZZA, SURF, ONDE
Shutterstock
Condividi

Che ne sarà di me? Non è una domanda che dobbiamo farci con terrore, ma con entusiasmo. Che l'ignoto ci sia ignoto non è un male; è la garanzia del fatto che il nostro destino non dipende da ciò che sarà, ma da Chi ha iniziato tutto.

Giusto un paio di giorni prima del 31 Dicembre sfogliavo la mia nuova agenda, notando che gennaio era già pieno zeppo di cose da fare. Allora sono andata a lamentarmi da mio marito, in cerca di conforto: ce la farò? Oddio come riuscirò a prepare tutto? Mi sa che ho sbagliato a pianificare le cose … e poi se … vedrai che …. 

Insomma, una litania di ansie e uno sproloquio di paure. L’anno nuovo rende più accesa la voglia di fare progetti e più vivida la percezione dell’ignoto. Anno nuovo è sinonimo di futuro e quindi desideri, attese, speranza. Ma siamo sicuri che la speranza abbia a che fare con il futuro?

È quello che vogliono farci credere in molti, ma io ho cambiato prospettiva. Però, per farmi qualche sommessa risatina sono andata a leggere gli oroscopi più gettonati per il 2019, con l’animo leggero di chi sa smascherare il trucchetto dei maghi di turno. Cosa ho trovato?

Per l’Ariete sarà un anno all’insegna dell’energia, dell’autostima e della sicurezza in se stessi.

MANO, PALLA DI VETRO
Shutterstock

Parole meno entusiaste nell’ambito lavorativo, un giusto mix per darmi grinta ma tenermi anche all’erta. Le parole sono confezionate ad arte per veicolare un messaggio abbastanza preciso, ma adattabile ad ogni persona. Ad esempio, sulla salute:

Un po’ di instabilità potrà ripresentarsi all’inizio dell’estate e in ottobre.

Se in autunno mi verrà un raffreddore, potrò applaudire al beneamato astrologo che ci ha proprio beccato!

Ma il punto non è tanto screditare l’astrologia, bensì qualcosa che viene ancora prima ed è connaturato in noi. L’ignoto ci spaventa, ci pare di ricevere conforto da una previsione. Andando ancora più a fondo: vorremmo sapere come vanno a finire le cose e vorremmo che andassero a finire bene.

È proprio su questo aspetto che il cristiano ha una marcia in più e può gridare ai quattro venti che non abbiamo bisogno di previsioni ma di speranza e che la speranza la si trova guardando …. indietro. Non c’è niente di più sensato di questo paradosso. Solo il passato può darci testimonianza che il Bene tiene saldo il timone degli eventi e li guida a un fine a noi ancora sconosciuto, ma non disastroso e disperato.

Ritornando alla mia ansia di fronte all’agenda nuova, ho reagito prendendo in mano l’agenda vecchia: ho ripercorso tutto il mio 2018. A inizio anno ogni diario è bellissimo e ordinato, a fine anno è un putiferio di pagine scarbocchiate, foglietti volanti, macchie, scontrini lasciati lì per qualche motivo, appuntamenti presi e mancati, numeri di telefono segnati al volo, eccetera. È l’arazzo perfetto e bellissimo della Provvidenza.

Sfogliando quelle pagine vissute, ho pensato fra me e me al bilancio dell’anno trascorso ricevendone, non la previsione, ma la certezza più positiva possibile: all’inizio dello scorso anno avevo le mie attese e i miei desideri, molto di quello che è accaduto non l’avrei neanche lontanamente immaginato. Nel bene e nel male. Qualcuno ha guidato la barca su cui io remo; il timone è in mano di Dio, a me toccano i remi.

Il passato mi conferma che non sono io la sola persona all’opera nel mio destino. Il disegno di Dio mi sta portando altrove rispetto ai miei piani, ma di sicuro non fuori strada. Forse il porto che devo raggiungere non è quello che avevo in mente, ma c’è. Il futuro non può mostrarsi a noi se non come un puzzle scombinato; ma il passato invece ci testimonia che i tasselli stanno andando a posto, sebbene la visione complessiva del quadro ce l’abbia Dio. Io credo di sapere come sia fatto il mio volto, e invece Lui lo sta ancora scolpendo. Guardandomi alle spalle vedo come le Sue mani siano all’opera nella vita che io vivo; non è un caos anche se i giorni raccontano una storia diversa da quella che avevo in mente. 

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni