Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 07 Ottobre |
BVM “Regina delle vittorie”
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Che lingua parlano gli angeli? Com’è la loro voce?

THREE ARCHANGELS

Domaine Public

L'Arcangelo Raffaele e Tobia

don Marcello Stanzione - pubblicato il 03/02/22

Esisterebbe un linguaggio proprio degli Angeli che non può, di conseguenza, che essere superiore al nostro. Gli Angeli dialogano con Dio, con l’umanità, e tra di loro

L’uomo, per comunicare, utilizza la parola, la scrittura, il gesto ed i segni: l’Angelo, non avendo corpo, non ha voce, ed anche quella che egli assume nelle apparizioni non è la sua. 

Egli non può in più né scrivere né comunicare con una qualsiasi gestualità, almeno secondo la sua natura angelica. E, nonostante ciò, San Paolo dichiara: “Quando anche io parlerei le lingue degli Angeli e degli uomini, se io non ho la carità, io non sarei che un timpano sonoro, un cembalo risuonante” (1^ Lettera ai Corinzi 13,1).

Il linguaggio degli angeli 

Esisterebbe, dunque, un linguaggio proprio degli Angeli che non può, di conseguenza, che essere superiore al nostro. Gli Angeli dialogano con Dio, con l’umanità, e tra di loro. Di ordine spirituale, la loro conversazione con Dio non smette mai, benché Dio non abbia bisogno di questo dialogo per conoscere tutto delle Sue creature. 

Canti di azioni di grazie

San Gregorio Magno pensa che la voce degli Angeli si esprima con i loro canti di azioni di grazia, la loro tenera e ardente aspirazione nel conoscere ancora di più la Sua Luce ed il Suo splendore. E che essi trovano un motivo supplementare nell’intrattenersi con Lui quando rendono conto delle loro missioni presso gli uomini e Gli trasmettono le loro preghiere.

web-09-03-Gregorio Magno-public domain
San Gregorio Magno è stato uno studioso di angeli.

Conversazioni tra angeli

Le conversazioni che gli Angeli tengono tra di loro sono similmente di ordine puramente intellettuale. “Perché parlare consiste unicamente nelmanifestargli (all’interlocutore) l’idea che si ha”.

Trasmissione del pensiero

Per San Tommaso si tratta di un procedimento paragonabile alla trasmissione del pensiero. Basta un atto di volontà, indipendentemente dalla distanza tra di loro, affinché due Angeli dialoghino. Il pensiero dell’uno diventa leggibile e limpido per l’altro e permane nascosto a tutti quelli a cui il messaggio non è destinato. 

Come avviene la comunicazione

Questo dialogo avviene dall’alto in basso e dal basso in alto della Gerarchia angelica, gli Angeli dei Cori superiori che istruiscono quelli dei Cori inferiori dei misteri divini che non sono loro direttamente intelligibili, ed incaricandoli di eseguire le volontà di Dio, e gli Angeli dell’ultimo Ordine che vengono a rendere conto.

Nel suo linguaggio filosofico medievale, San Tommaso d’Aquino scrive: “Gli Angeli agiscono in noi con scosse impresse agli spiriti vitali”. 

Invocare il proprio angelo: una pratica che ci fa sentire protetti.
Questo santo ebbe un rapporto “dialogico” con i messaggeri celesti.

La voce dell’uomo e quella dell’angelo

Per la sua doppia e straziante natura, spirituale e carnale, l’uomo possiede abbastanza spirito per non essere totalmente sordo e cieco alle realtà del mondo invisibile, e troppo materiale per muoversi a suo agio in una dimensione che non è ancora fatta per lui. Così la voce degli Angeli, che è quella di Dio, gli perviene senza che egli sappia sempre identificarla.

All’orecchio

Un commentatore, il cardinale Journet, scriveva: “Più spesso che non lo pensiamo, questa subitanea ispirazione ci è soffiata all’orecchio dal nostro Angelo custode”. Questo primo modo di comunicazione è qualificato come ordinario. Esso opera con una suggestione così discreta a livello della nostra coscienza che noi non lo differenziamo dalle nostre riflessioni e l’adottiamo come proveniente da noi stessi. 

Illuminativo

L’altro è qualificato come illuminativo. L’ispirazione e l’illuminazione si fanno con grande forza. Esse sono inconfondibili con il processo di pensiero naturale, come se esse portassero nettamente la firma dello Spirito beato che le ha suscitate. Questa nota inconfondibile è il sigillo dell’autenticità del dialogo, più probante ancora quando appare come la risposta netta ad una richiesta espressa nella preghiera e quando si unisce ad una lunga esperienza dell’orazione e della contemplazione.

Una credenza ereditata dall’ebraismo dice che gli Angeli custodi dei popoli sono i creatori delle lingue nazionali.

Tags:
angeli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni