Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 18 Gennaio |
Santa Margherita d'Ungheria
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Convento a rischio chiusura. I frati lo salvano con pizzeria e ristobar

PIZZA

La Fuente Reina

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 13/01/22

Accade a Lonigo, in provincia di Vicenza. Ecco cosa si sono inventati i francescani per scongiurare l’addio

A Lonigo in provincia di Vicenza, il convento dei frati minori non chiuderà più. Era stato inserito tra le strutture da “tagliare”, secondo le disposizione della Provincia francescana a cui fa riferimento, quella del Nord Italia. Ma i tre frati presenti sono riusciti in una “impresa epica”. Hanno rivoluzionato le attività e le funzioni del convento stesso

Il convento di San Daniele.

I tre frati “rivoluzionari”

Così il complesso religioso San Daniele dell’Ordine dei Frati Minori nel comune di Lonigo (Vicenza) è stato salvato da fra Alessio, 46 anni, napoletano; fra Sandro, di 42, torinese e fra Flavio, di 55, l’artista dei tre (suoi gli interventi degli affreschi). Sono loro, scrive il Corriere della Sera, che hanno portato nel convento (che accoglie undici frati) una ventata di novità. Che di fatto ha fermato la decisione di inserire il convento nel piano di chiusure voluto dalla riforma provinciale dell’ordine religioso.

La gestione di “Perfetta Letizia”

I frati hanno iniziato a comunicare via Facebook e Twitter, dirette liturgiche su YouTube. Hanno allargato la mensa per studenti facendola diventare una pizzeria, «La Porziuncola», un punto di confronto e dialogo in cui gustare persino la «pizza dei frati». Hanno trasformato l’ex refettorio in un RistoBar, dando vita alla cooperativa sociale «Perfetta Letizia», attenta ai più deboli e bisognosi del territorio. La coop dal 2017 gestisce gli annessi del convento dei frati francescani, un tempo sede del seminario.

La casa “Osmolwski”

Inoltre nel convento è stata creata la Casa di accoglienza «Osmolwski», un progetto che accompagna le famiglie e le donne in difficoltà offrendo accoglienza e sicurezza. È stata fatta rivivere la fattoria dei frati, «Laudato si», trasformandolo in un ambiente didattico. 

“Casa Tau” e “I Gigli”

E poi «Casa Tau», gestito da volontari: un punto di informazione e assistenza ai pellegrini. E la rivista «I Gigli di Sant’Antonio», l’Istituto professionale Dieffe e il Cfp Scuola di ristorazione. Ancora: la «Mensa Paupertatis», e gli incontri della Gi.Fra. (Gioventù Francescana), fraternità di giovani dai 18 ai 30 anni che vogliono prepararsi alla vita seguendo l’esempio di San Francesco e Santa Chiara. Infine, un campo sportivo per i ragazzi. La rivoluzione dei frati Lonigo è servita!

Tags:
frati francescani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni