Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Luglio |
Santi Nazario e Celso
home iconSpiritualità
line break icon

Le misteriose origini della Corona Angelica: fu un “regalo” di San Michele?

CORAL ROSARY

Public Domain | The Metropolitan Museum of Art

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 22/07/21

A riceverla Antonia d’Astonaco, religiosa portoghese, grande serva di Dio, per molti anni appartenente all’ordine del Carmelo di Vetralla

Una origine misteriosa, che si perde nella notte dei tempi: è quella della Corona Angelica. Ne parlano Carmine Alvino e Don Marcello Stanzione nel libro “La vera storia della Corona Angelica” (edizioni Segno), in uscita ad agosto.

Il culto di san Michele arcangelo, infatti, conosce da diversi secoli uno strumento per lucrare indulgenze al Principe degli angeli, la cosiddetta “Corona angelica”. Si tratta di un piccolo Rosario formato da nove poste, ciascuna delle quali composta da tre grani per le Ave Maria, preceduti da un grano per il Padre Nostro. Quattro grani finali, che precedono la medaglia con l’effigie di san Michele arcangelo, richiedono la recita di quattro Padre Nostro in onore dei santi arcangeli Michele, Gabriele e Raffaele e del santo angelo custode. 

Donata ad Antonia d’Astonaco

Questa preghiera ha origini antichissime. Si narra che la Corona sia stato donato, in passato, ad Antonia d’Astonaco, religiosa portoghese, per molti anni appartenente all’ordine del Carmelo di Vetralla, da san Michele “in persona”, e poi che sia giunto fino a noi, attraverso vie non ben precisate.

Accompagnata in cielo da un angelo

Secondo le fonti più accreditate, san Michele apparendole le avrebbe rivelato che se avesse recitato la preghiera nell’ordine carmelitano l’avrebbe colmata di benefici celesti. E poi avrebbe liberato i suoi parenti stretti dalle pene del Purgatorio e dopo la morte,, l’avrebbe addirittura accompagnata in Cielo assieme ad un angelo di ciascuno dei 9 Cori succitati.

Nulla di certo

Tuttavia, queste informazioni sono parziali e nulla di certo esiste su di lei, al di là di queste ricostruzioni. Quindi risulta difatti impossibile risalire concretamente anche alla più piccola informazione che possa riguardare questa devota

È sempre opportuno, è la tesi nel libro di Stanzione e Alvino, «fare attento discernimento specie di quelle devozioni, oggi in netta preponderanza, che restano comunque ultronee rispetto alle preghiere rivelate da nostro Signore Gesù Cristo e da Sua Madre, nel Santo Evangelo». 

Pseudo Dionigi

La Corona angelica, non si sottrae a questa critica, insistono gli autori, «trattandosi di devozione emersa a seguito di rivelazione privata, e basando la sua intera struttura gerarchico-liturgica sul sistema dei 9 Cori di un autore, il cui nome dice già molto sulla derivazione esegetica prodromica di questo pio esercizio: tal pseudo-Dionigi».

PURGATORY
Una rappresentazione di angeli e anime del Purgatorio.

I 9 Cori angelici

Fu proprio lo pseudo Dionigi e non invece Antonia D’Astonaco, a cavallo tra IV-V secolo, a parlare di 9 Cori angelici a loro volta raggruppati in 3 Gerarchie:

Serafini, Cherubini e Troni (prima Gerarchia); Dominazioni, Virtù e Potestà (seconda Gerarchia); Principati, Arcangeli e Angeli (terza Gerarchia).

Un sistema “rigido”

Psuedo-Dionigi «pensò ad un sistema gerarchico rigido, in cui l’illuminazione divina scendeva, da Coro a Coro, filtrata mediante i vari ordini angelici, in modo sempre meno puro, nel mentre si approssimava alla sfera dell’uomo».

Così interpretati, gli ordini superiori possiedono la luce e la facoltà degli ordini inferiori senza che questi abbiano reciprocamente la loro perfezione.

Il dubbio sugli arcangeli

Secondo Alvino e Stanzione nel libro “La vera storia della Corona Angelica”, «tale interpretazione vera e propria base esegetica della Corona angelica, è stata da noi criticata perché in estrema sintesi vi è un forte dubbio sul posizionamento degli arcangeli, collocati null’ultima gerarchia, un po’ più sopra dei semplici custodi!».

Tags:
san michele arcangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni