Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconChiesa
line break icon

I vescovi in linea con il Papa: la Chiesa italiana deve “cambiare rotta”

Cristian Gennari

L'assemblea della Cei, in corso a Roma.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 25/05/21

Il presidente della Cei Bassetti apre i lavori dell’assemblea dei vescovi e torna sul richiamo al Concilio e al cammino sinodale, così come richiesto da Papa Francesco. E sul ddl Zan rilancia: dialogo ancora aperto

Dopo il messaggio di Papa Francesco ai vescovi, in apertura dei lavori dell’assemblea della Conferenza Episcopale Italiana («mi sembra di assistere al concorso del vescovo più bello»), il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, tende la mano. 

Il Papa e il “richiamo” ai vescovi

«A Papa Francesco – spiega il cardinale Bassetti – che abbiamo avuto la gioia d’incontrare e ascoltare ieri pomeriggio (24 maggio ndr) (…) gli siamo particolarmente grati per il sostegno alle nostre Chiese e per la guida sicura, per la sollecitazione a essere Chiesa sinodale nel solco tracciato dal Concilio Vaticano II». 

Il Papa aveva detto che «il Concilio è magistero della Chiesa. O tu stai con la Chiesa e pertanto segui il Concilio, e se tu non segui il Concilio o tu l’interpreti a modo tuo, come vuoi tu, tu non stai con la Chiesa». 

Roma 25–5-2021. Hotel Ergife. Assemblea generale della Cei, Relazione di S.E.Card. Gualtiero Bassetti.

Il Concilio

«A caratterizzare lo stile, i gesti e le parole del Papa – dice il cardinale Bassetti – è l’intero evento del Vaticano II. Francesco sta scrivendo pagine preziose di recezione del Concilio, secondo quell’ermeneutica della continuità e della riforma illustrata da Benedetto XVI (cf Discorso alla Curia romana, 22 dicembre 2005). Da qui l’invito ad avere a cuore il “santo popolo fedele di Dio, che – come dice il Concilio – è infallibile in credendo” (cf Discorso all’incontro promosso dall’Ufficio catechistico nazionale, 30 gennaio 2021). Nel riprendere il Concilio, è soprattutto la Chiesa come “popolo” a fare da perno al suo Magistero»

Il “cammino sinodale” italiano

In questo contesto, prosegue il presidente della Cei, i vescovi italiani si sentono «chiamati a vivere la sinodalità, a disegnare un “cammino sinodale”».

«Si tratta proprio di un “cammino” – evidenzia Bassetti – non semplicemente di un evento, perché in gioco è la forma di Chiesa a cui lo Spirito ci chiama in particolare per questo tempo. Il “cammino sinodale” rappresenta così quel processo necessario che permetterà alle nostre Chiese che sono in Italia di fare proprio, sempre meglio, uno stile di presenza nella storia che sia credibile e affidabile (…)». 

Massima responsabilità 

Il presidente della Cei chiede ai vescovi la massima responsabilità in vista del Sinodo della Chiesa italiana. «Poiché siamo tutti chiamati ad acquisire questo stile, occorre che assumiamo con responsabilità la decisione di coinvolgerci in questo “cammino” che, come comprendiamo bene, non può risolversi in adempimenti formali».

«La sfida che attende anzitutto noi Vescovi – spiega – è quella di mettere in campo percorsi sinodali capaci di dare voce ai vissuti e alle peculiarità delle nostre comunità ecclesiali, contribuendo a far maturare, pur nella multiformità degli scenari, volti di Chiesa nei quali sono rintracciabili i tratti di un Noi ricco di storia e di storie, di esperienze e di competenze, di vissuti plurali dei credenti, di carismi e ministeri, di ricchezze e di povertà». 

Roma 25–5-2021: Assemblea generale della Cei, Relazione di S.E.Card. Gualtiero Bassetti.

Un nuovo “stile”

Il presidente dei vescovi italiani evidenzia che «è uno stile che domanda una serie di scelte che possono concorrere a rappresentare la forma concreta in cui si realizza la conversione pastorale alla quale Papa Francesco insistentemente ci richiama. È uno stile che vuole riconoscere il primato della persona sulle strutture, come pure che intende mettere in dialogo le generazioni».

«È un cambio di rotta – afferma Bassetti – quello che ci viene chiesto». 

Il Noi ecclesiale

Il cardinale, poi, invita i vescovi italiani, in vista del Sinodo, a riconoscere «le ragioni che ci orientano nella direzione del “cammino sinodale”. Prima fra tutte è sicuramente la cura del Noi ecclesiale». 

«Nei mesi passati – osserva – dopo la stretta del primo lockdown, alla riapertura delle chiese, con la ripresa delle attività pastorali consentite dalle norme per la limitazione dei contagi, si è fatto inequivocabilmente chiaro un volto delle nostre comunità fatto di forme molteplici di appartenenza all’unico Noi ecclesiale. Non è stato evidentemente un fenomeno generato dalla pandemia. Quest’ultima lo ha solo scoperto, gli ha tolto ogni velo. E ci siamo resi conto, ancora meglio, di come le nostre comunità cristiane siano popolate da donne e uomini che interpretano figure plurali di esperienza credente In una dinamica di Chiesa missionaria lo stile sinodale». 

La Chiesa ha bisogno di “riconciliazione” 

«Di cosa la nostra Chiesa e anche la nostra società hanno urgente bisogno?», si domanda Bassetti. «Risponderei, senza esitazione – prosegue – di riconciliazione, aggiungendo subito due sottolineature».

La prima: «la riconciliazione evoca in noi direttamente la persona di Gesù, che ha fatto incontrare Dio e l’umanità in un abbraccio d’amore ormai indissolubile (cf Rm 5,10; Ef 2,16; Col 1,12): la potremmo definire una riconciliazione ecclesiale. Nella scena della Pentecoste, le donne e gli uomini riconciliati sono il riflesso migliore della grazia del Risorto che si espande: le inimicizie e i sospetti non sono dimenticati, ma sono vinti dall’esperienza di un amore più grande». 

La seconda sottolineatura «riguarda la riconciliazione con il mondo. Lo Spirito consente ai discepoli “di parlare in altre lingue” e agli ascoltatori d’intenderli (cf At 2,4.8): qui la riconciliazione è sinonimo di empatia. Già il Concilio aveva definitivamente mutato l’atteggiamento della Chiesa verso la modernità: non più il sospetto o il rifiuto, ma il dialogo e la profezia. È tempo di dare seguito a quel processo di confronto fiducioso e intelligente con la società. Mentre emergono qua e là estremismi, che usano la violenza per affermare le proprie idee, la comunità ecclesiale, tutta intera, porta il contributo costruttivo della mediazione e della pace, della razionalità e della carità». 

Archivio.

“Dialogo aperto sul ddl Zan”

Il cardinale Bassetti, nel suo intervento dell’assemblea della Cei ha rilanciato anche l’impegno sul ddl Zan:

«La nostra Presidenza è intervenuta con un comunicato a proposito del dibattito in corso sul disegno di legge recante “Misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità”. Ribadiamo come ci sia ancora tempo per un “dialogo aperto” per arrivare a una soluzione priva di ambiguità e di forzature legislative».

I vescovi contano sulla buona riuscita del PNRR

E sul rilancio dell’economia, il presidente dei vescovi italiani, ha concluso così: 

«Quanto a un nuovo sviluppo, che abbia chiari non solo i traguardi, ma anche i valori, grande importanza riveste il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Può essere una occasione importante di crescita collettiva: vi sia la saggezza di coinvolgere tutte le energie positive del Paese, che sono tante e, nello stesso tempo, disperse». 

Tags:
vescovi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni