Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Demistificare il Vaticano II: quello che ha detto davvero il documento del Concilio

AIDAN NICHOLS, O.P.
Condividi

Un nuovo libro supera l’ideologia e rivela l’opera del Concilio Vaticano II come ortodossia cattolica

Conciliar Octet: A Concise Commentary on the Eight Key Texts of the Second Vatican Council, di Aidan Nichols, O.P., Ignatius Press, 2019.

Oh, no! Non un altro libro sul Concilio Vaticano II!

Se fossi stato il suo copy editor, “Oh, no!” sarebbe stato incluso nella prima frase di padre Nichols, giusto per aggiungere un elemento “horror”. Ma questo sono io. La prima frase di padre Nichols, sacerdote domenicano attualmente John Paul II Memorial Visiting Lecturer presso l’Università di Oxford, è altrettanto pregnante, e il suo commento successivo sui documenti del Vaticano II è contenuto e rappresenta “un commento conciso”, come promette il sottotitolo.

Ho detto contenuto, vero? Si discosta un po’ da altri approcci al Vaticano II in cui mi sono imbattuto, elaborati da altri.

Ci sono due strade principali, che leggono i documenti come progressisti o tradizionalisti. Padre Nichols sostanzialmente ignora entrambe, non allineandosi con nessuna. Il Vaticano II a suo avviso è ortodossia cattolica, un documento di insegnamento magisteriale, un insieme di testi prodotti all’interno della tradizione teologica stabilita della Chiesa cattolica.

L’approccio progressista, in base alla mia conclusione un po’ capricciosa, sostiene che il Concilio Vaticano II non sia andato abbastanza oltre, e i progressisti sono pronti ad aiutare a spingerlo verso il finale corretto. Il sentimento tradizionalista è considerevolmente più duro, e tende a sradicare gli elementi non tradizionali nei documenti. Entrambi leggono quello che vogliono, non quello che dicono i testi.

Ironicamente, sia i progressisti che i tradizionalisti concordano sul fatto che il Vaticano II ha sconvolto la Chiesa, cosa che per i primi è una buona notizia e per i secondi è un’eresia.

I progressisti, suggerisce padre Nichols, rivisitano “il Concilio per raccontare di nuovo la storia della loro liberazione dall’antico faraone del cattolicesimo delle origini”. Il Concilio è visto come una brusca rottura nella storia della Chiesa, il che lo rende la cosa migliore in assoluto che sia mai accaduta dalla discesa dello Spirito Santo.

I progressisti hanno riscoperto una continuità perduta con il Gesù reale, qualunque cosa i testi possano dire o non dire di fatto. La mia impressione è che se Gesù avesse avuto difensori migliori al Concilio i documenti direbbero esattamente quello che i progressisti dicono che dica. Il Concilio rappresenta un’era cattolica imminente libera da pignoli vincoli tradizionalisti, riassunta da quello che viene chiamato lo “spirito” del Vaticano II.

L’aspetto positivo del fatto di avere lo “spirito” del Concilio è che gli si può far dire qualsiasi cosa visto che in definitiva non dice nulla, cosa che – forse ho esagerato un po’ di più di quello che padre Nichols apprezzerebbe – rappresenta un’interpretazione progressista del Vaticano II.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.