Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 27 Novembre |
Beato Giacomo Alberione
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Santi che hanno visto e parlato con le anime dei morti (FOTO)

Montage by Aleteia | Barbara Divry | Godong | Public Domain via Wikipedia | padrepiodapietrelcina.com

Da sinistra. Santa Margherita Alacoque, San Giovanni Maria Vianney (il Curato dArs), Santa Francesca Cabrini, San Pio da Pietrelcina.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 12/02/21

Da Santa Faustina a San Tommaso, Santa Brigida fino al Curato d'Ars: molte anime entrate in contatto con questi santi mistici erano sofferenti in Purgatorio

Molti santi sostengono di avere avuto un dialogo con le anime dei morti. Queste visioni sono avvenute in diversi momenti delle loro vite.

Questi santi sono accomunati da un aspetto: le anime con cui sono entrate in contatto erano spesso turbate, sofferenti, inquiete. E si trovavano nel Purgatorio, nell’attesa di espiare i loro peccati.

Da Padre Pio a Santa Brigida

La ricostruzione delle loro testimonianze è affidata ai loro stessi scritti e a quelli dei loro biografi. Gli atti, molto dettagliati sono stati oggetti di studio nei processi di canonizzazione. Da San Pio da Pietrelcina a Santa Brigida di Svezia: in ogni epoca ci sono stati santi in grado di vedere e parlare con i defunti nell’aldilà.

I santi che hanno parlato con i defunti



Leggi anche:
Ma in Paradiso ci riconosceremo?

Il primo contatto con le anime dei morti

La prima testimonianza di un contatto con i defunti è quella di Santa Perpetua, nel terzo secolo dopo Cristo.

Perpetua prima di subire il martirio (203 d.C), dice di aver incontrato Dinocrate, il fratello morto di cancro. «Pochi giorni dopo la sentenza della nostra condanna a morte, mentre tutti stavano pregando, improvvisamente nel bel mezzo della preghiera mi uscì un grido ed io chiamai: Dinocrate. (…) Vedevo Dinocrate uscir fuori da un luogo buio – durante la notte in visione – dove c’erano tante persone riarse e assetate con i vestiti sporchi e pallidissimi, con una ferita sul volto, come egli aveva quando morì». Dinocrate, infatti, morì a causa di un cancro al volto.




Leggi anche:
Carlo Acutis cosa pensava dell’aldilà? Le sue frasi su paradiso e inferno

Mistiche dei nostri giorni

Le ultime testimonianze, in ordine di tempo, riguardano mistiche che si sono incamminate verso gli altari, ma che non sono ancora beate o sante. Stiamo parlando dell’austriaca Maria Simma (morta nel 2004) e della calabrese Natuzza Evolo (morta nel 2009). Entrambe hanno dettagliato i loro presunti contatti con le anime dei morti, che però sono da verificare (nel caso della Simma non è stato aperto ancora il processo di beatificazione, in quello di Natuzza l’apertura è avvenuta nel 2019).


OUIJA

Leggi anche:
E’ lecito evocare le anime dei morti con una seduta spiritica?

Tags:
animedefunti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni