Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconChiesa
line break icon

Carlo Acutis cosa pensava dell’aldilà? Le sue frasi su paradiso e inferno

Gelsomino Del Guercio - Aleteia

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 09/10/20

Morto a soli 15 anni per una leucemia fulminante, spesso si domandava: "Faccio abbastanza per andare dal Signore?"

Dopo la recente visita di Papa Francesco è tutto pronto ad Assisi per la beatificazione di Carlo Acutis, giovane studente morto a 15 anni nel 2006 per una leucemia e proclamato venerabile da papa Francesco il 5 luglio 2018.

Dopo l’apertura della sua tomba al Santuario della Spogliazione, dove il suo corpo sarà visibile al momento fino al 17 ottobre, Carlo diventerà beato sabato 10 ottobre. A presiedere il rito nella Basilica di San Francesco sarà il cardinale Agostino Vallini, Legato Pontificio per le Basiliche di San Francesco e di Santa Maria degli Angeli (Perugia Today, 9 ottobre).

Paradiso ed eucaristia

La fama di santità di Carlo è raccontata nel libro di Luigi Francesco RuffatoCarlo Acutis – Adolescente innamorato di Dio” (edizioni Messaggero Padova), in cui l’autore rivela alcune pensieri del giovane beato sull’aldilà.

Carlo, già prima della malattia, sognava di ottenere la grazia di andare direttamente in paradiso senza subire il purgatorio. Era convinto di farcela, perché «vanno diritti in paradiso coloro che si accostano tutti i giorni all’eucaristia».

“Questo lo sa solo il Signore”

Discutendo con qualche amico più sensibile e in ricerca, afferma che una cosa è certa: «Il Signore apre le porte del paradiso a tutti». Ma un amico obietta: «Mi hanno insegnato che in paradiso entrano quelli che credono in Gesù. Ma se il Signore vuole tutti gli uomini salvi, dice l’apostolo Paolo, significa che a tutti dona una fede sufficiente per godere il paradiso. Come si concilia con il detto che non tutti vanno in paradiso?».

Carlo è debitamente al corrente di quanto insegna il Catechismo della Chiesa Cattolica e risponde: «Questo lo sa solo il Signore». Tuttavia, abbiamo il dovere di ricordare quanto dice sant’Agostino: «Colui che ha creato te senza di te, non salverà te senza di te».


CARLO ACUTIS

Leggi anche:
Appunti inediti di Carlo Acutis: “Così si ascolta la voce di Dio”

L’esempio di Francesco di Fatima

A volte però, in Carlo salivano dei dubbi. E si chiedeva se era abbastanza quello che faceva per meritarsi il paradiso. «Se Francesco [uno dei pastorelli di Fatima] che era così bravo, così buono e semplice doveva recitare tanti rosari per andare in paradiso [gliel’aveva rivelato la Madonna], come potrò meritarlo anch’io che al suo confronto sono così poco santo?» (Gori, Un genio, p. 148).

Era convinto, poi, che gli animali avessero un’anima vivente, alla quale Dio aveva riservato un posto in paradiso. Non sarebbero finiti nel nulla.


CARLO ACUTIS, CIAŁO

Leggi anche:
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una grazia particolare

“Molte anime vanno all’inferno perchè non c’è chi prega per loro”

Carlo scriveva anche dei pensieri sull’inferno e le anime dannate. Ecco tre riflessioni del giovane beato:

«Se veramente le anime corrono il rischio di dannarsi, come le Scritture affermano, e in modo particolare la Madonna apparendo a Fatima nel 1917 ha confermato, mi chiedo il motivo per cui oggi non si parli quasi mai dell’inferno, perché è una cosa talmente terribile e spaventosa che mi fa paura il solo pensarci» (ivi, p. 137).

«Molte anime vanno all’inferno perché non vi è chi prega e si sacrifica per loro» (ivi, p. 150).

Confidenza con Dio. «Don, mi dica se sbaglio, ma il Signore è l’unico al quale non dobbiamo chiedere udienza con preavviso. A lui posso sempre confidare qualcosa, posso anche lamentarmi, interrogarlo nel suo silenzio e dirgli quello che non capisco. E poi dentro di me trovo una parola che Lui mi manda: un momento del Vangelo che mi avvolge di persuasione e di sicurezza» (ivi, p. 29).

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO.


CARLO ACUTIS

Leggi anche:
La vita mistica di Carlo Acutis: alcuni fatti inediti che lo testimoniano

Tags:
aldilàcarlo acutis
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni