Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 26 Settembre |
Santi Cosma e Damiano
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

“Ave Maria”: sapete che questa preghiera non dovrebbe iniziare così?

shutterstock_75257152.jpg

Di thaagoon|Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 16/01/21

La più recente traduzione italiana della Bibbia (2008), superando tutte le versioni precedenti inizia con "Rallegrati, piena di grazia". Il liturgista chiarisce

«Perché nella preghiera alla Madonna non si è messo “Rallegrati Maria” al posto di “Ave Maria“?». Il liturgista don Silvano Sirboni lo ha spiegato su Famiglia Cristiana (7 gennaio).

L’annuncio dei profeti

«La più recente traduzione italiana della Bibbia (2008), superando tutte le versioni precedenti (ave, salve, ti saluto…) – spiega Sirboni – ha reso finalmente giustizia all’originale greco (= kàire) traducendo «Rallegrati, piena di grazia» (Lc 1, 28). Si tratta, infatti, di un preciso invito alla gioia con il quale i profeti avevano annunciato quella salvezza messianica che in Maria trova compimento (cfr. Sof 3, 14-15)».

VALLECAS
Cortesía



Leggi anche:
C’è una preghiera nascosta nella richiesta finale dell’Ave Maria

Ecco perché “Ave Maria” non è cambiata

«Né in passato, né ora – prosegue il liturgista – si è ritenuto opportuno cambiare la formula del saluto angelico che da secoli, riprendendo la versione latina (che tale rimane!) risuona sulle labbra dei cristiani fin da piccoli e che ha dato vita a tante altre espressioni di preghiera mariana, anche in canto».

Quindi, la nuova traduzione, usata a partire dalla prima domenica di Avvento 2007 e divenuta obbligatoria nel 2010, riguarda il passo evangelico citato sopra, non la preghiera. Che continua a essere recitata con la formula Ave Maria, ormai entrata nella tradizione cattolica.


VIRGIN

Leggi anche:
Conoscete il significato dell’Ave Maria?

La differenza tra “Ave Maria” e “Padre Nostro”

Diverso, conclude Sirboni, «è il caso del Padre Nostro, la cui traduzione letterale del testo latino in italiano conduceva sovente a una scorretta interpretazione sull’agire di Dio».

L’esempio di “non ci indurre in tentazione”

La traduzione classica fu “non ci indurre in tentazione”. Nel 2000 una commissione ristretta di 5 vescovi esperti della Bibbia incaricati di mettere a punto una traduzione nuova in italiano concluse che la traduzione più fedele del passo del Padre nostro fosse “non abbandonarci” alla tentazione.


MODLITWA

Leggi anche:
Nel Padre Nostro si parla dei «nostri debiti». Di quali debiti si tratta?

Tags:
ave maria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni