Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 18 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconSpiritualità
line break icon

L’immaginifico linguaggio dei Padri del deserto: la mola da grani (4/6)

Evan Lorne I Shutterstock

Mathilde De Robien - pubblicato il 03/09/20

Benché ritirati dal mondo, i progenitori della vita monastica cristiana hanno trasmesso i loro insegnamenti attraverso numerosi discepoli che andavano a rendere loro visita: ne sono risultate delle memorabili raccolte di aneddoti e di apoftegmi. La loro strategia comunicativa? Impiegare un linguaggio assai evocativo sul piano dell’immaginazione: cosa che rende il loro messaggio accessibile e tuttora attualissimo.

Quali sono i nostri primi pensieri al mattino? Sul versante propositivo ci sono senza dubbio le faccende da sbrigare, gli appuntamenti da non mancare e gli obiettivi da centrare. Il diario da firmare, la sacca da palestra da non dimenticare, la merenda da preparare (quando si è genitori di figli in età scolastica). La mail da inviare, il profilo da aggiornare, l’evento da creare (quando si è iper-connessi). E allora quando si è un padre o una madre iperconnesso/a e che lavora si rischia il burn-out già prima di mettere piede sullo scendiletto. A meno che… la spiritualità dei Padri del deserto non ci inviti a mettere Dio al primo posto. Il nostro primo pensiero, al mattino, deve essere per Lui.

La tua bocca renda omaggio a Dio fin dal tuo risveglio, offrendogli cantici o salmi, perché la prima occupazione – sia essa buona o cattiva – a cui lo spirito si lega fin dal mattino sarà macinata nel corso della giornata. E allora semina ogni giorno tu per primo il buon grano, prima che il nemico ti invada con la zizzania.




Leggi anche:
L’immaginifico linguaggio dei Padri del monachesimo: la nave della vita (1/6)


WOMAN MEDITATION

Leggi anche:
L’immaginifico linguaggio dei Padri del monachesimo: la custodia del cuore (2/6)

L’esempio della mola da grani

Se si pensa a Dio fin dal risveglio, allora lo si mette al centro della nostra vita per tutta la giornata. I Padri del deserto utilizzato la metafora della mola da grani: un mulino macina per tutto il giorno il grano di cui viene caricato al mattino. Se con la preghiera indirizziamo a Dio i nostri primi pensieri, allora la nostra giornata ne risulterà abbellita e la nostra anima rinvigorita.

Il monaco Anselm Grün, commentando questo apoftegma nelle sue Histoires de moines pour bien vivre (Salvator), spinge ancora più in là questa metafora:

Se al mattino diamo al nostro mulino del buon grano, dei buoni pensieri da macinare, alla sera ne verrà fuori una buona farina che potremo trasformare in un pane che ci nutrirà e ci darà forza. Al contrario se gli daremo dei pensieri cattivi – della zizzania – alla sera ne risulterà una specie di caos che non potrà saziarci e di cui anzi faremo pure fatica a disfarci.

«Cantici e salmi»

L’autore dell’apoftegma esorta a recitare cantici e salmi. Si può anche pronunciare, interiormente o ad alta voce, una parola biblica che si ama particolarmente. Alcuni canteranno il ritornello di un canto di lode; altri adotteranno gesti quali le mani alzate per benedire la giornata o ringraziare di questo nuovo giorno che spunta. Ogni rituale è personale, ma «siamo responsabili – ci dice Anselm Grün – della maniera in cui avviamo la nostra giornata».




Leggi anche:
L’immaginifico linguaggio dei Padri del monachesimo: i mercanti d’oro (3/6)

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
meditazionepadri del desertopadri della chiesapreghieraspiritualità

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni