Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconChiesa
line break icon

Accusa il Papa di eresia: il prete gli nega la Comunione

EUCARISTIA, COMUNIONE, SAN FILIPPO NERI

St Joseph CC

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 29/10/19

Il sacerdote che è al corrente della colpa (in questo caso un'accusa infamante pubblica, quindi manifesta, contro il Successore di Pietro e massima autorità della Chiesa) può avvertire genericamente tutti in pubblico di non accostarsi alla mensa del Signore prima di essersi pentiti dei propri peccati e riconciliati con la Chiesa

«Papa Francesco è un eretico». Una voce squillante si è levata domenica 27 ottobre, durante l’omelia di don Davide Smiderle, sacerdote di una parrocchia di Chivasso (Torino), lasciando tutti attoniti.

A pronunciare la frase è stato un uomo anziano, seduto nel settimo banco della navata centrale del Duomo di Santa Maria Assunta, affollato per la Santa Messa delle 10,30. Il parroco ha proseguito senza scomporsi. Ma quando quel fedele si è presentato di fronte all’altare per farsi consegnare l’ostia consacrata, don Davide si è rifiutato di dargliela (La Stampa, 28 ottobre).

Hanzi-mor/Shutterstock

La contestazione sul Sinodo

Le parole pronunciate dal parroco durante l’omelia devono aver innervosito non poco il pensionato, probabilmente contrario all’apertura della Chiesa su temi quali i “preti sposati” e il “ruolo femminile”; Don Davide stava invitando i fedeli presenti a pregare per la Chiesa e per Papa Francesco, impegnato nel delicato confronto durante il Sinodo per l’Amazzonia.

“Chi contesta il Papa, deve prima…”

L’aver negato l’Eucarestia ha però turbato Don Davide profondamente: in 18 anni di sacerdozio non aveva mai impedito a un fedele di ricevere l’ostia consacrata. Ha preso questa decisione perchè chi contesta il Papa – peraltro con un’accusa molto grave e infamante – deve prima conciliarsi con la Chiesa, parole che ha usato anche domenica al termine della messa.

Dopo la decisione del parroco, molti fedeli gli hanno tributato un lungo applauso (Quotidiano Canavese, 28 ottobre).




Leggi anche:
I preti possono negare la comunione ai politici pro-aborto?

Sacramenti e peccati gravi

La decisione del parroco è stata corretta? L’aver accusato di eresia il Papa giustifica il diniego del sacerdote? Si legge su Aleteia (settembre 2013):

I sacramenti possono essere profanati quando sono esposti del tutto all’infruttuosità e la loro amministrazione generasse scandalo nella comunità.

Questo avviene nei confronti di coloro che vivono in una situazione oggettiva di peccato grave. Permanendo in questa situazione non possono ricevere l’assoluzione dei peccati che richiede il proposito di cambiare vita e di evitare le occasioni prossime di peccato.

Coloro che si trovano in questa situazione possono essere peccatori occulti oppure notori (manifesti).

Allora il comportamento del sacerdote sarà diversificato. Scrive San Tommaso: “Riguardo ai peccatori bisogna distinguere. Alcuni sono occulti; altri manifesti o per l’evidenza dei fatti, come i pubblici usurai e i rapinatori; oppure per la sentenza di un tribunale ecclesiastico o civile. Ebbene, ai peccatori manifesti non si deve dare la santa comunione, neanche se la chiedono”.


EUCHARYSTIA

Leggi anche:
Un prete può rifiutarsi di dare la comunione ai fedeli arrivati tardi a messa?

Invece se i peccatori non sono notori ma occulti, non si può negare la santa comunione quando la chiedono. Perché, essendo ogni cristiano ammesso alla mensa del Signore per il fatto che è battezzato, non gli si può togliere il suo diritto se non per una ragione manifesta. Per questo, commentando le parole di S. Paolo, “Se uno tra voi, chiamandosi fratello, ecc.” (1 Cor 5,11), S. Agostino afferma: “Noi non possiamo escludere nessuno dalla comunione, se non nel caso che abbia spontaneamente confessato la sua colpa, o sia stato processato e condannato da un tribunale ecclesiastico o civile” (Glossa di Pietro Lombardo).Nondimeno il sacerdote che è al corrente della colpa, può ammonire privatamente il peccatore occulto, oppure avvertire genericamente tutti in pubblico di non accostarsi alla mensa del Signore prima di essersi pentiti dei propri peccati e riconciliati con la Chiesa. Poiché dopo il pentimento e la riconciliazione, non si può negare la comunione neppure ai peccatori pubblici, specialmente in punto di morte (San Tommaso, Somma teologica, III, 80, 6).




Leggi anche:
I politici a favore dell’aborto possono ricevere la Comunione?

Tags:
comunionepeccatopeccato mortalepeccatore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni