Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
News

A Milano la prima "clinica" per curare chi è dipendente da internet e smartphone

SMARTPHONES

Dmytro Zinkevych - Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 29/06/19

Dalla paura di rimanere senza connessione mobile, a quella di essere tagliati fuori dai social network: psicologi a lavoro per la riabilitazione

Le malattie da rete sono sempre più diffuse. C’è la paura di rimanere senza connessione mobile, quella di essere tagliati fuori dalle reti social, oppure la tendenza a stare tutta la notte in chat. Il 60% degli italiani usa lo smartphone a letto e il 23% dice di sentirsi dipendente.

Per arginare queste vere e proprie patologie, è nato “Digital life coaching” ed è il primo servizio in Italia di disintossicazione da computer e smartphone. L’obiettivo è uno solo: imparare a gestire correttamente la tecnologia.

WOMAN APP
Di ImYanis - Shutterstock




Leggi anche:
Chi sta usando chi? Alcune domande e diverse risposte sul rischio di dipendenza da connessione

“Ecco come trattiamo il problema”

A lanciare il servizio dalla sede di Milano è Cerba Healt Care, gruppo internazionale dedicato alla diagnostica ambulatoriale. «A noi si rivolgono persone di ogni età», spiega la psicologa MariaRosaria Montemurro.

La guarigione è possibile: «Usiamo le psicoterapie che si incentrano sulla desensibilizzazione del sintomo – prosegue Montemurro – e poi ci concentriamo sull’ansia, sulle problematiche relative al sonno. Facciamo un lavoro di rete anche con gli altri medici: laddove si manifestano problemi di altro genere c’è l’invio ai medici del caso» (Il Fatto Quotidiano, 28 giugno).




Leggi anche:
Dipendenza da internet, è emergenza sociale

La lista delle malattie e i loro nomi

Le malattie da Rete sono ormai tra le più svariate: sindrome da iperconnessione; no mobile fobia (paura di rimanere senza connessione mobile), Fomo (“fear of missing out”, cioè di essere tagliati fuori dalle reti social), vamping (stare tutta la notte in chat), hikikomori (uso esagerato della rete che porta a condotte di ritiro sociale). E ancora, cyberbullismo, sexting e sextortion, gioco d’azzardo online compulsivo, narcisismo digitale e phubbing (tendenza a ignorare gli altri perché immersi nel proprio cellulare).

RODZIC, NASTOLATEK, SMARTFON
Shutterstock

“Servizio nuovo e accessibile”

«Non esistevano prima di oggi in Italia centri medici di prossimità attrezzati ad affrontare i problemi legati all’uso non corretto di internet, smartphone e social network – spiega il CEO di Cerba HC Italia Stefano Massaro – Con questa iniziativa portiamo sul territorio un servizio nuovo e accessibile: chi frequenta i nostri centri medici per analisi e visite di ogni tipo potrà così avvicinarsi al concetto di digital life coaching ed essere sensibilizzato sul tema. Chi sente di avere un problema collegato con l’abuso della rete, o vuole chiedere consiglio per un proprio familiare, potrà parlare con personale qualificato e fare un primo screening di valutazione generale assieme agli psicologi, sulla base del quale costruire percorsi personalizzati».




Leggi anche:
Un cristiano cinese sconfigge la dipendenza da internet con la Bibbia

L’esperimento del “Gemelli”

Pionieri in Italia nella lotta alla dipendenza da smartphone, con uno sguardo rivolto, però, solo ai più giovani, sono stati l’Università “Cattolica” di Roma e il Policlinico “Agostino Gemelli“.

Per aiutare giovani e giovanissimi spesso preda di un uso eccessivo e scorretto delle nuove tecnologie – da smartphone a tablet e pc – con conseguenti rischi sul fronte dello sviluppo cognitivo, della salute psichica, ma anche del comportamento e di tipo più prettamente fisico (soprattutto problemi ortopedici e di vista), nel 2016 è nato dalla collaborazione “Gemelli” e Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università “Cattolica” il “Centro Pediatrico Interdipartimentale per la Psicopatologia da web”.

La prima volta è stata in Brasile

A livello mondiale, invece, nel 2017, è stata inaugurata in Brasile la prima clinica per la disintossicazione digitale. All’Istituto Delete, a Rio de Janeiro, si sono presentate persone di tutte le età, molte delle quali sono tuttora in terapia (today.it, 2017).


CHILD USING LAPTOP

Leggi anche:
Uso problematico di internet: un adolescente su 5 ha problemi

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
dipendenzainternet
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni