Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 07 Dicembre |
Sant'Ambrogio
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Un cristiano cinese sconfigge la dipendenza da internet con la Bibbia

Shutterstock/Francis Wong Chee Yen

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 22/04/16

Li Yinming ha spiegato su We Chat come abbandonerà il mondo virtuale

Un uomo che combatte la dipendenza da internet e dai videogames attraverso la Bibbia e la spiritualità. E’ la storia di un cristiano cinese, Li Yinming, che ha annunciato il desiderio di ricopiare a mano tutto il testo sacro.

PROGETTO SU WE CHAT

Così, come racconta il portale China Christian Daily (18 aprile), Li ha lasciato on line una sorta di “testamento”. Come ultimo gesto “virtuale” ha raccontato il suo progetto su WeChat, popolare sito di microblogging, e poi ha staccato la connessione. Li ha spiegato che il suo non è soltanto un gesto “cristiano”, ma anche un modo per riflettere sul suo stile di vita e sull’organizzazione del suo tempo.

DIGIUNO E PREGHIERA

In precedenza aveva tentato di eludere la dipendenza dal web e i videogames digiunando e pregando. Era il mese di dicembre del 2015. Ma la sua “strategia” non ebbe un buon fine. Digiuno e preghiera non lo aiutarono contro le sue dipendenze e a quel punto penso’ ad una nuova soluzione che, attraverso la spiritualità’, arginasse giochi e internet. Da qui l’idea della trascrizione della Bibbia.

TRE ANNI

L’uomo ha stimato la conclusione dell’intera opera, Antico e Nuovo Testamento, in tre anni. La sua speranza è quella di poter regalare la Bibbia trascritta alla figlia per il suo 18mo compleanno. La sua iniziativa ha raccolto più di 60 aderenti fra Hong Kong e la provincia dell’Hebei e non è detto che il suo esempio non venga seguito da altri e diventi “virale” (Asianews, 19 aprile).

NUOVA EVANGELIZZAZIONE

L’iniziativa di Li non è neppure casuale. Se un tempo i cristiani di Cina e del Sud Est asiatico erano costretti a trascrivere a mano lunghi estratti del libro sacro più diffuso e tradotto al mondo perché era molto difficile trovarne una copia stampata nel Paese comunista, negli ultimi anni sono nati progetti di trascrizione come strumento di apprendimento e evangelizzazione. Nelle Filippine, ad esempio, moltissimi cristiani si sono lanciati nell’impresa per celebrare la Settimana nazionale biblica (In Terris, 20 aprile).

Tags:
bibbiacinadipendenzainternet
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni