Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 19 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconNews
line break icon

Dipendenza da internet, è emergenza sociale

© Montecruz Foto

Emanuele D'Onofrio - Aleteia - pubblicato il 04/11/14

È in uscita un rapporto che dimostra la gravità di una patologia che le istituzioni finora non hanno considerato come tale.

Il numero dei malati cresce, ed è difficile quantificarlo con precisione. Quello che è certo è che si parla di malati. Questa è la definizione da usare, infatti, per quanto i soggetti stessi rifiutino di considerarsi come tali. Eppure nascono centri medici per trattarla, vengono tracciate grigli e tipologie delle varie forme che essa può assumere, griglie che descrivono sintomi a noi familiari, che facilmente ci hanno sfiorato o hanno sfiorato qualcuno vicino a noi. La dipendenza da internet è favorita da stili di vita personale e professionale (quelle ore ed ore davanti al computer a scivolare tra un’email da scrivere e un like su Facebook da digitare) che ci riguardano tutti. Per questo è bene conoscere di che cosa si tratta, e Internet-Patia, Rapporto sulla dipendenza da web, una ricerca curata dall’AIART con il contributo di medici ed esperti di alto profilo, va in questa direzione. Il documento sarà presentato il prossimo 6 novembre nella Sala Giulio Cesare, in Campidoglio, in una giornata che prevede contributi competenti e prestigiosi, tra i quali quella del Ministro della Salute On. Beatrice Lorenzin e S.E. Mons. Nunzio Galatino, Segretario Nazionale CEI. Aleteia ne ha parlato con il dott. Luca Borgomeo, Presidente Nazionale AIART, Associazione Spettatori Onlus.

Come nasce questa ricerca?
Borgomeo: Sempre di più, da parte di molti ci veniva segnalato che figli, parenti e conoscenti potevano essere diventati internet-dipendenti. I casi crescevano, anche perché non c’è un monitoraggio ufficiale da parte delle autorità. L’internet-dipendenza non è ancora riconosciuta come malattia, mentre lo è la ludopatia, la dipendenza dal gioco. Quella da web riguarda le relazioni virtuali, cioè l’uso esagerato delle chat, di Facebook e così via, la dipendenza dal sesso virtuale, dalla cyber-pornografia, dal gioco d’azzardo patologico (pensiamo al poker online), e perfino la dipendenza da e-commerce compulsivo. C’è anche una dipendenza particolare che è del controllo continuo delle email, con persone che in una giornata guardano la loro posta anche 40-50 volte. E dire che eravamo abituati al postino che passa una volta sola…. Di fronte a questi fenomeni abbiamo riscontrato una scarsa attenzione, mentre considerata la diffusione crescente vediamo che ormai si tratta di una vera e propria emergenza.

Non si sa quanti sono gli internet-dipendenti?
Borgomeo: Non esiste un dato oggettivo di quanti sono perché manca un monitoraggio, e poi soprattutto perché chi è affetto da questa sindrome tende a nasconderla. Così anche i parenti e i conoscenti. È un processo lungo, perché si diventa dipendenti dopo un certo periodo; per questo noi abbiamo nel nostro volume anche alcuni contributi di psicoterapeuti che testimoniano quali siano i primi sintomi di questa malattia. Non è di poca importanza il fatto che il volume che noi presentiamo abbia un’introduzione del Prof. Federico Tonioni, responsabile del primo ambulatorio in Italia per la cura della dipendenza dal web, da lui fondato presso la Facoltà di Medicina e Psichiatria del Policlinico Gemelli a Roma. È un ambulatorio, perché non essendo la dipendenza del web ancora riconosciuta dalle istituzioni mancano strutture sanitaria ad hoc. In generale però noi abbiamo registrato quattro realtà significative in questo campo: oltre alla realtà di Roma ci sono l’Ospedale di Verona, l’Ospedale di Pistoia e l’Ospedale di Bari.

Come lavorano questi centri?
Borgomeo: Per identità di materia hanno collegato la dipendenza del web ad una dipendenza molto simile, quella della droga. Soprattutto, questi centri hanno cominciato a prendere in esame casi clamorosi di dipendenza del web. Nella parte finale del nostro Rapporto abbiamo messo in evidenza che questa non è una battaglia che può essere lasciata combattere solo ai genitori, ai parenti e ai conviventi. Certo, sono le persone più colpite sono loro: quando una ragazza passa 7 o 8 ore al giorno su internet è chiaro che tralascia studio, relazioni, attività fisiche mettendo a repentaglio la propria salute. In questi casi i genitori tentano di arginare il fenomeno ma molte volte non hanno la competenza per farlo, oppure non avvertono la gravità del problema e quando agiscono è tardi. Nella parte finale del libro raccontiamo molte storie di questo tipo, con famiglie distrutte, ragazzi che non finiscono gli studi, persone che perdono il lavoro. È uno spaccato veramente devastante.

  • 1
  • 2
Tags:
internet

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
6
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
7
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni