Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 03 Agosto |
Sant'Aspreno
home iconStile di vita
line break icon

Chi sta usando chi? Alcune domande e diverse risposte sul rischio di dipendenza da connessione

Rawpixel | Shutterstock

Paola Belletti - Aleteia Italia - pubblicato il 28/11/17

Il vero lusso, oggi? Poter disporre, da signori del proprio “castello”, della risorse più rigida, limitata, incerta e preziosa che ci è data: il tempo

Una riflessione che forse in molti facciamo da un po’. Ma tutta la para-libertà, la così decantata “accessibilità” a servizi, informazioni, contenuti, divertimento, scambi di opinioni direttamente su una tavoletta con lo schermo sensibile al nostro tocco, siamo sicuri che non ci stia togliendo qualcosa mentre ci sta dà in un certo senso troppo?

Avere internet in tasca ci assicura uno tsunami di dati. Ci espone all’invadenza nella sfera personale da parte di tutti. Ci rende reperibili, se non diventiamo intelligentemente accorti, a tutte le ore e ovunque. Queste nuove possibilità hanno dilatato forse al di là della reale “prossemica” che siamo in grado di gestire il numero delle relazioni.

E la poco pia illusione del “tanto ci vuole un attimo, lo faccio da smartphone” ci ha sequestrato, qualche manciata di secondi o minuti alla volta, intere ore o giornate. Certo non per tutti è così. Ma, riflettiamo sinceramente…quale tipo di reazione registriamo in noi se smartphone o tablet non sono alla nostra portata? Se ce li rubano? Se dobbiamo portarli a riparare?

Prendo spunto dall’ottimo servizio pubblicato nel numero di dicembre della rivista BenEssere, la salute con l’anima (edita dalla San Paolo).

Alle pagine 100-101 della rivista ho trovato la risposta ad una domanda tutt’altro che leziosa che preme dietro e dentro la mia, forse anche le vostre, vita.

Sono io che uso i vari devices o forse a volte è vero il contrario?

Quanto tempo e attenzione mi prendono? So regolarmi? A cosa è dovuto il disagio che a volte si prova- o magari si infligge –  chiedendo e interpellando i propri contatti a tutte le ore non appena ci sorge l’esigenza di scoprire o fare presente una cosa?

E l’illusione di poter accedere a qualsiasi informazione perché “tanto c’è Google”, non sta incidendo pericolosamente su come leggo? Quello che imparo, come lo memorizzo? Su cosa credo di sapere? Non stiamo facendo una indebita equazione tra esposizione ai dati e conoscenza?

Questo pensiero è su di me, quarantenne, e con una dose maggiore di preoccupazione, sui nostri figli. Loro si formano così. “Vengono su” così, se non siamo attenti e non offriamo loro modelli adeguati.

Ma un modo c’è, per usare e non essere usati. Per godere dei vantaggi senza soccombere sotto gli ingombranti effetti collaterali. E la differenza la facciamo sempre noi e la nostra saggezza.

Dopo una seria e serena analisi del fenomeno il prof. Alessandro Antonietti, docente ordinario di psicologia all’Università Cattolica di Milano suggerisce dei passi:

Il primo, come sempre, è quello di misurare il problema: monitoriamoci, verifichiamo e quantifichiamo il tempo che spendiamo sul web e per quali cose. Una sorta di diario (lo stesso sistema che si usa a volte per rieducare la nostra alimentazione!). A che cosa avremmo potuto rinunciare? Per che cosa siamo stati così a lungo connessi?

In un recente libro, intitolato Irresistible e dedicato alla dipendenza dai social media, Adam Alter riporta che mediamente un lavoratore controlla la sua posta elettronica 36 volte ogni ora e che il 40 per cento della popolazione degli Stati Uniti soffre di qualche forma di Internet addiction. (p.100, BenEssere, dicembre 2017)




Leggi anche:
Il “nudging”: la spinta gentile per mantenere i tuoi buoni propositi

Sono numeri impressionanti e lo sono non solo dal punto di vista della perdita di produttività, (questa, dobbiamo aspettarcelo, è la chiave di lettura privilegiata del mondo economico), ma per l’impoverimento di energie e di serenità che questo comportamento, definibile come compulsivo, provoca nella persona. Sono le persone stesse che lamentano una perdita di benessere. Essere continuamente sollecitati dalla rete senza soluzione di continuità tra lavoro e vita privata è una nuova fonte del caro vecchio stress.

In sintesi se di una cosa non possiamo proprio fare a meno è quella cosa “il boss”, non noi. È quella che possiede noi e non il contrario.

Osserva il professore con pacatezza ed equilibrio che se in USA si stanno già organizzando con corsi e centri detox dall’uso dei social media “senza arrivare a questi estremi, è pur vero che sta emergendo la necessità di educare ed educarsi a un uso corretto della tecnologia”.

  • 1
  • 2
Tags:
dipendenzesocial mediatempo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
2
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
5
MAN, ALZEHIMER, WOMAN
ACI Digital
Cosa accade all’anima di una persona che ha l’Alzheim...
6
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
7
Gelsomino Del Guercio
Paolo Palumbo: la Sla non lo piega. Ora è un “eroe” su Facebook (...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni