Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

È una casa sull’albero, il progetto di Renzo Piano per l’Hospice Pediatrico di Bologna

RENZO PIANO, HOSPICE, BOLOGNA
Condividi

Posata la prima pietra, sorgerà accanto al Bellaria: immerso in un bosco e sopraelevato, l'Hospice accoglierà 14 bambini e le loro famiglie. Un luogo in cui il dolore vissuto può essere alleviato e accompagnato al cielo.

A due giorni dall’incendio disastroso di Notre Dame Renzo Piano era a Bologna a posare la prima pietra di un ospedale; accadeva ieri. Deve essergli sembrato un gesto non solo formale, lui stesso ha connesso i due eventi; agli occhi di un architetto (ma Piano è un archistar, così si chiamano le eccellenze mondiali nel suo ambito) la distruzione di una cattedrale e la costruzione di un ospedale hanno in comune il limite, il limite di ogni costruzione umana e della vita stessa.

Non è un ospedale comune quello che è stato chiesto di progettare all’archistar e al suo team, si tratta di un Hospice pediatrico che sorgerà accanto al Bellaria:

L’Hospice, uno dei pochi in Italia e l’unico in Emilia Romagna, sarà un centro di riferimento regionale per l’erogazione dei servizi di cure palliative pediatriche: 14 camere per i piccoli pazienti affetti da gravi malattie, stanze con oblò sopra il letto, “per far vedere il cielo”, e pareti che sono vetrate che affacciano sul verde, spiega nei dettagli l’architetto Stefano Russo. Insomma, una casa sospesa tra gli alberi come il sogno di ogni bambino. Un progetto da oltre 20 milioni di euro, interamente finanziato dalla fondazione Seragnoli, che prevede anche alloggi per le famiglie, ambulatori e spazi per le terapie. (da Repubblica)

È un pensiero da cui la mente si ritrae, la malattia incurabile dei bambini e poi l’idea di accompagnarli alla morte. Pensare a un progetto medico e abitativo che ospiti famiglie provate dal dolore di perdere un figlio è quasi un paradosso. Legno, vetro e tutto il resto possono contenere e dare forma all’ipotesi di un abbraccio di compassione?

Alleviare

L’intuizione di Renzo Piano parte da un’etimologia, non da fredde nozioni di ingegneria. Sul sito del suo studio di architettura si legge che l’intero progetto del Hospice pediatrico di Bologna nasce dalla parola “alleviare” la cui etilomogia la avvicina a “levitare”, essere sollevato.

Sollevare il peso del dolore. Essenzialmente è questo il motivo e il potere della pietas umana dentro un hospice: alleviare la sofferenza di chi ci abita. Vivere in mezzo agli alberi è strettamente collegato ai giochi e sogni dei bambini, le case sull’albero sono un’idea potente di libertà creativa in mezzo alla natura. (da RPBW)

L’intera struttura sarà un complesso di più edifici sollevati da terra; l’idea dell’alleviare abbraccia la fantasia infantile della casa sull’albero. L’impressione che ne ho personalmente avuto, complice la mia devianza dantesca, è stata quella di un inizio di accompagnamento al cielo, simile a una scalata purgatoriale: il destino di tutte le piccole anime che passeranno di lì non è il basso, ma l’alto. Idelamente, i familiari compiono insieme al malato l’inizio di un’ascesa. Le camere dei bimbi avranno finestre sul soffitto per vedere il cielo, la meta. Ed è altrettanto vero e drammatico pensare a quanto sia fisicamente forte la parola “sospesi”, per chi resta.

Nel sito della Fondazione Hospice MT Chiantore Seragnoli, che è il cuore pulsante di quest’impresa, è possibile confrontarsi con le molte testimonianze di chi è passato da un hospice per accompagnare alla morte un proprio caro. Sono parole che aiutano a guardare cose da cui istintivamente ci sottrarremmo, eppure non sono solo occasioni di dolore tragico. Scrive M. Losi:

Entrare all’Hospice ha voluto dire vivere un’altra dimensione: la “patologia” non è più stata al centro, ha ceduto il posto alla persona […]. La calma e la serenità che avvolgono pazienti e familiari offrono una dimensione di tempo disteso, ove si può trovar spazio per ogni cosa, ogni ansia trova le parole per essere detta e accettata[…].
Vi ringrazio per come lo avete reso felice nel farlo sentire ancora autonomo nel camminare […]
Vi ringrazio per la qualità delle cure: avete tenuto a bada la malattia e il dolore che lo devastavano e lo atterrivano.
Vi ringrazio per i sorrisi aperti, per gli abbracci e le strette di mano calorose.
Scalda il cuore e rende più lieve la vita sapere che c’è un posto dove uomini e donne speciali riescono a rendere la vita, a qualsiasi livello essa si palesi, degna di essere vissuta fino all’ultimo. (da Fondazione Hospice MT Chiantore Seragnoli)

Come tradurre questo bagaglio emotivo profondo e complesso in una struttura architettonica?

Il progetto

Il 26 giugno 2017 l’architetto Renzo Piano ha presentato al pubblico il progetto dell’Hospice Pediatrico che verrà costruito in un’area adiacente all’Ospedale Bellaria; ieri la prima pietra è stata posata e l’opera dovrebbe essere ultimata nel 2021. La superficie totale di intervento è di dodicimila metri quadrati e ospiterà 14 bimbi per cure palliative, per malattie incurabili e rare; ci saranno aree di condivisione con cucine e sale studio, in futuro anche uno spazio di formazione sulle cure palliative.

Lo studio RPBW (Renzo Piano Building Workshop – NdR) ha sviluppato un progetto che coniuga l’approccio che ha sempre contraddistinto l’agire della Fondazione Hospice, ossia associare la funzionalità e l’alta qualità di servizio alla nobiltà della bellezza, con i tratti caratteristici dell’architetto: il suo coraggio per la modernità, la sua forza inventiva, il suo rispetto per la tradizione, la sua sensibilità per la sofferenza umana, la sua attenzione all’ecosostenibilità e all’impatto ambientale. L’edificio è stato progettato e pensato per rispondere a un bisogno finora insoddisfatto e con il fine di migliorare la qualità della vita di bambini e adolescenti e delle loro famiglie, assistendoli non solo con efficienza, ma con il rispetto del particolare umano, in un luogo dedicato e ideato per l’età evolutiva. (Fondazione Hospice MT Chiantore Seragnoli)

Entrando più nel dettaglio, l’hospice avrà un corpo centrale a cui saranno collegati da corridoi sospesi altri padiglioni, che ospiteranno, da una parte gli appartamenti per le famiglie dei pazienti, e dall’altra luoghi di meditazione o preghiera e l’obitorio.

Tutti i volumi si sviluppano al primo piano, cioé sollevati da terra, in modo che dalle finestre i bambini possano sentirsi all’altezza delle chiome degli alberi. Attorno, infatti sorgerà un grande bosco, e l’attenzione alle piante scelte è precisa: alberi autoctoni, sia sempreverdi che a foglia caduca. Gli aceri e le robinie, perdendo le foglie in inverno, lasciano infatti filtrare la luce del sole verso l’edificio e permettono al prato e al sottobosco di crescere; ci saranno 390 alberi e 5 mila piante di arbusti.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.