Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un’altra dura prova per mamma Ingrid, dopo aver detto sì alla vita!

Condividi

Dopo il cesareo d'urgenza il peggio sembra passato e Ingrid esce dall'ospedale. A casa trova Luigi, il suo terzo bambino di 20 mesi, con la febbre alta e il fiato corto: polmonite. Ma il coraggio di una madre non conosce ostacoli!

(Terza parte della storia. QUI la prima e QUI la seconda)

Fino a qualche giorno fa vi ho raccontato di Ingrid: tanti bambini, pochi soldi, una situazione disperante. Poi taglio cesareo d’urgenza e sembrava che tutto fosse andato bene. La chiamo oggi per avere notizie delle sue dimissioni.

Sapessi Paola cos’è successo in questa settimana! Luigi, quasi venti mesi, si è ammalato e quando sono tornata a casa due giorni fa l’ho trovato con la febbre e con un respiro molto corto. Lasciando tutto, l’ho portato al pronto soccorso dove l’hanno ricoverato per polmonite. Un polmone funziona male e ha poco ossigeno nel sangue. Naturalmente mi hanno richiesto in modo fermo di restare accanto a lui. Io avevo a casa altri cinque bambini di cui l’ultimo, nove giorni, doveva essere allattato. Mia suocera che fino a un mese fa era con noi, ha trovato un lavoro come badante e quindi a casa non c’è.

Non volevo credere alle mie orecchie e mi domandavo se questa prova fosse proprio necessaria dopo aver detto di sì alla vita. Ingrid però continua:

Mio marito non può più restare a casa nemmeno un giorno, il datore di lavoro gli ha ingiunto di tornare pena licenziamento.

Telefonate e telefonate da parte mia per trovare una persona che, a pagamento, potesse stare con i bambini. Finalmente trovo una nostra ex mamma disponibile e la metto in contatto con Ingrid sperando di rasserenarla.

Subito però ricevo da lei una telefonata:

Paola non ti ho mai detto che mio marito comincia il suo lavoro alle due di notte; come potrebbe fare questa signora a venire a casa mia?

Mi sento precipitare in un canalone di paura e non vedo nessuna possibilità di luce. Ingrid però, donna con il cuore tenero ma con il desiderio di farcela, irriducibile aggiunge:

C’è una signora nella mia casa che abita sopra di me e che scenderebbe a tenere i bambini ma vuole essere pagata e io non ho soldi. Mio marito non ha nemmeno preso lo stipendio di luglio.

Ecco forse la piccola luce che cercavo

Ingrid, dille assolutamente che venga a badare ai bambini e la pagheremo noi.

Naturalmente faceva fatica a crederci e io a rassicurarla. Poi mi viene un lampo nel cervello:

Ma chi allatterà Fabrizio?

No, non ti preoccupare per questo. Io di notte mi tolgo il latte e lo metto nel frigorifero dell’ospedale. Mio marito quando finisce di lavorare alle due di pomeriggio, lo viene a prendere e glielo porta così da fargli fare tutti i pasti.

Lei non lo sa, ma io ho le lacrime agli occhi! Perché ancora e ancora? Ma la madre è la madre e mentre sta con un figlio che fatica a respirare, si toglie il latte per il piccolissimo che sta a casa e lo nutre. Mi mancano le parole, solo il cuore è stretto come in una morsa.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni