Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 30 Novembre |
Sant'Andrea
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Un’altra dura prova per mamma Ingrid, dopo aver detto sì alla vita!

pexels-photo-1370719

Pexels

Paola Bonzi - pubblicato il 24/01/19

Dopo il cesareo d'urgenza il peggio sembra passato e Ingrid esce dall'ospedale. A casa trova Luigi, il suo terzo bambino di 20 mesi, con la febbre alta e il fiato corto: polmonite. Ma il coraggio di una madre non conosce ostacoli!

(Terza parte della storia. QUI la prima e QUI la seconda)

Fino a qualche giorno fa vi ho raccontato di Ingrid: tanti bambini, pochi soldi, una situazione disperante. Poi taglio cesareo d’urgenza e sembrava che tutto fosse andato bene. La chiamo oggi per avere notizie delle sue dimissioni.

Sapessi Paola cos’è successo in questa settimana! Luigi, quasi venti mesi, si è ammalato e quando sono tornata a casa due giorni fa l’ho trovato con la febbre e con un respiro molto corto. Lasciando tutto, l’ho portato al pronto soccorso dove l’hanno ricoverato per polmonite. Un polmone funziona male e ha poco ossigeno nel sangue. Naturalmente mi hanno richiesto in modo fermo di restare accanto a lui. Io avevo a casa altri cinque bambini di cui l’ultimo, nove giorni, doveva essere allattato. Mia suocera che fino a un mese fa era con noi, ha trovato un lavoro come badante e quindi a casa non c’è.

Non volevo credere alle mie orecchie e mi domandavo se questa prova fosse proprio necessaria dopo aver detto di sì alla vita. Ingrid però continua:

Mio marito non può più restare a casa nemmeno un giorno, il datore di lavoro gli ha ingiunto di tornare pena licenziamento.

Telefonate e telefonate da parte mia per trovare una persona che, a pagamento, potesse stare con i bambini. Finalmente trovo una nostra ex mamma disponibile e la metto in contatto con Ingrid sperando di rasserenarla.

Subito però ricevo da lei una telefonata:

Paola non ti ho mai detto che mio marito comincia il suo lavoro alle due di notte; come potrebbe fare questa signora a venire a casa mia?



Leggi anche:
La storia di Ingrid: dono prezioso per i 4 figli e le 2 nipotine rimaste orfane

Mi sento precipitare in un canalone di paura e non vedo nessuna possibilità di luce. Ingrid però, donna con il cuore tenero ma con il desiderio di farcela, irriducibile aggiunge:

C’è una signora nella mia casa che abita sopra di me e che scenderebbe a tenere i bambini ma vuole essere pagata e io non ho soldi. Mio marito non ha nemmeno preso lo stipendio di luglio.

Ecco forse la piccola luce che cercavo

Ingrid, dille assolutamente che venga a badare ai bambini e la pagheremo noi.

Naturalmente faceva fatica a crederci e io a rassicurarla. Poi mi viene un lampo nel cervello:

Ma chi allatterà Fabrizio? No, non ti preoccupare per questo. Io di notte mi tolgo il latte e lo metto nel frigorifero dell’ospedale. Mio marito quando finisce di lavorare alle due di pomeriggio, lo viene a prendere e glielo porta così da fargli fare tutti i pasti.

Lei non lo sa, ma io ho le lacrime agli occhi! Perché ancora e ancora? Ma la madre è la madre e mentre sta con un figlio che fatica a respirare, si toglie il latte per il piccolissimo che sta a casa e lo nutre. Mi mancano le parole, solo il cuore è stretto come in una morsa.

(Ultima parte)

Sabato pomeriggio verso sera, ho chiamato Ingrid per sapere di Luigi. Risposta:

Sono felicissima!

Sorridendo dentro di me ho chiesto:

Ingrid dove sei? Sono a casa, Paola, proprio a casa. Per tutto il giorno Luigi non ha avuto bisogno dell’ossigeno e allora parlando con due o tre medici sono riuscita a farlo dimettere. Ho preso così la metropolitana e sono tornata da tutti gli altri.

Sono rimasta un po’ stralunata! Con un bambino di venti mesi appena dimesso dall’ospedale, prendere la metropolitana? E gli spifferi? E l’aria condizionata? Luigi è reduce da una polmonite di tutto rilievo e la cosa mi ha un po’ impressionato.

No, no, guarda che sta andando bene. Ho tutto scritto ciò che hanno detto i medici e seguirò ogni cosa alla lettera.

CESAREO NEWBORN

Leggi anche:
Cesareo d’urgenza e Fabrizio è nato. Brava Ingrid! Sei una forza della natura

Non sentivo nessuna voce di bimbi e allora chiedo:

Ma i bambini dove sono? Stanno giocando ma i miei sono bravi, solo Luigi è un po’ birichino.

Mi viene da ridere. Ecco perché si è ripreso così in fretta!

Poi Ingrid soggiunge:

Paola mi hai detto che tante persone stanno pregando per noi; vedi che cosa mancava? Era proprio questo chiedere al Signore che facesse andare un po’ meglio le cose della nostra famiglia.

Che cosa dire di fronte a questa forza incrollabile?

Ingrid hai proprio ragione! Andiamo avanti così.

Quante cose ci insegnano queste donne coraggiose che incontriamo! Come spesso dico è molto di più ciò che riceviamo che neanche quel poco che tentiamo di dare!

_________________________________________

QUI I LINK AGLI ARTICOLI ORIGINALI:

POST 1

POST 2

Tags:
coraggiofiglimammamaternitàtestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni