Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 13 Giugno |
Cuore Immacolato
home iconFor Her
line break icon

A Nairobi in missione per portare la compagnia di Gesù in ogni casa

BAMBINI, KENIA, AFRICA

Shutterstock

Missionarie di San Carlo - pubblicato il 21/11/18

Ogni settimana le suore vanno a trovare le famiglie dei bambini disabili che curano, e si ripete la speranza che Gesù portò a Zaccheo dicendogli: "oggi voglio venire a casa tua".

di Suor Monica Noce

Ogni settimana, dopo l’incontro dell’Ujiachilie, il gruppo di bambini e ragazzi disabili che seguiamo in parrocchia, insieme ad alcuni dei nostri collaboratori andiamo a trovare i loro genitori e trascorriamo un po’ di tempo con loro. È un momento bello e prezioso, sempre ricco di sorprese e provocazioni. È un gesto semplice ma carico di significato che ci permette di conoscere i nostri bambini e le loro famiglie, dove e come vivono, qualcosa in più della loro storia e della loro quotidianità. Soprattutto, intende essere espressione dell’amore e dell’interesse che portiamo alla loro persona e alla loro vita.


TANZANIA PLAYGROUND

Leggi anche:
In Tanzania il primo parco giochi per disabili ha un cuore tutto italiano (VIDEO)

Seguiamo mamme e bambini per le vie dissestate che conducono alle case dove vivono mentre, con orgoglio, ci fanno strada e ci mostrano i luoghi della loro quotidianità, la scuola dei figli, l’appartamento della vicina di casa. Avere un ospite è sempre prezioso qui, una benedizione di Dio, perciò ci accolgono con calore. È difficile andare via senza avere ricevuto almeno una tazza di tè, anche quando la situazione economica della famiglia è particolarmente difficile.
Seduti sul divano o su qualche appoggio di fortuna, si dialoga.

WYJAZD NA MADAGASKAR
Archiwum prywatne

Spesso le persone che andiamo a trovare si sentono libere di raccontare di loro, della malattia dei loro bambini, delle vicissitudini degli altri figli. Mostrando qualche foto, ci parlano delle famiglie da cui provengono e dei rapporti con esse, talvolta segnati da abbandoni o incomprensioni. Ciò che colpisce molto le mamme è vederci coccolare i loro bambini, senza paura di guardarli e toccarli. Scopriamo storie di grande sofferenza e tanti miracoli d’amore, spesso nascosti agli occhi del mondo.
Le situazioni più difficili sono anche quelle in cui emerge con maggiore evidenza il significato più profondo della nostra visita.


ANZIANA, DONNA, AFRICA

Leggi anche:
Il sorriso contagioso di nonna Helen che con dieci dollari sfama sette nipoti

Così è accaduto qualche settimana fa quando siamo andati a casa di D., dopo avere saputo della morte dell’ultimo nato, avvenuta durante il parto, il terzo dei loro bimbi chiamato al cielo. La famiglia era chiusa in un muro di silenzio che tradiva un dolore rassegnato e triste, indifferente anche al pregare insieme. La nostra inadeguatezza ha fatto emergere con più evidenza il significato vero del nostro essere lì: la possibilità che Cristo usasse della nostra presenza, dei nostri gesti goffi, delle parole, per raggiungere questi amici. È Lui la cosa più preziosa che possiamo offrire agli uomini cui siamo mandati. Il Signore ha detto a Zaccheo: “Oggi voglio venire a casa tua”. Lo ripete a questa gente anche attraverso di noi, facendoci indegni strumenti del suo amore.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
africafamigliamissione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni