Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il sorriso contagioso di nonna Helen che con dieci dollari sfama sette nipoti

ANZIANA, DONNA, AFRICA
Shutterstock
Condividi

Quattro figli morti di AIDS le hanno lasciato in dote otto nipoti, uno morto presto: col cuore ferito, le mani all'opera e l'aiuto delle vicine compie miracoli quotidiani.

Di padre Umberto Davoli, missionario in Zambia

Helen Lunda è una di quelle vecchiette arzille e battagliere che non dovrebbero morire mai! Sprizza simpatia da tutti i pori e sciorina un entusiasmo e un coraggio contagiosi a dispetto dei mille motivi che avrebbe di piangersi addosso dall’alba al tramonto. Mamma di tre figlie e di un figlio, infatti, se li è visti morire uno dopo l’altro di Aids in giovane età, preceduti o seguiti a breve distanza dai tre generi e dalla nuora. Ognuna delle quattro coppie lasciò un paio di orfanelli, per un totale di otto angioletti in cerca di un tetto… e di affetto!

Senza spaventarsi più di tanto, nonna Helen si asciugò le lacrime di nascosto e allargò il cuore come la chioccia gonfia le ali per proteggere i suoi pulcini dal falco e se li prese tutti nella sua catapecchia sgangherata (in affitto a due Dollari al mese!), facendosi in otto – letteralmente! – per mantenere in vita quegli uccellini, tre dei quali già mostravano gravi segni di denutrizione.

Poi il più malnutrito e macilento pensò bene di traslocare dove la fame non ha diritto di cittadinanza, e così restarono in sette. “Una Nonna per sette Fringuelli!“, commentò poi Helen a questo punto il giorno che ebbi il privilegio di conoscerla, cercando di seppellire in una risata forzata la lacrima che le rigava la gota. Capii la battuta poco dopo, quando passando davanti alla sala cinematografica della cittadina ai cui margini abitava, vidi la locandina di un vecchissimo film: “Una Sposa per sette Fratelli”.

BAMBINI, AFRICA, MISSIONE
Shutterstock

Per la verità, il caso di Helen mi era stato segnalato un buon mese prima che il bimbo morisse, da una buonanima di terziaria francescana che più di una volta aveva condiviso con la vecchia nonna la sua già magra razione di cibo, ma io non ero riuscito a visitare la famigliola, un po’ per il lavoro piuttosto assillante, un po’ perché vivo a una ottantina di chilometri da dove abitano… ma soprattutto perché non avevo compreso l’urgenza della situazione. Per cui, quando l’amica di Helen mi venne a dire del decesso del bimbo fui io a sentirmi molto in colpa e corsi immediatamente a far visita alla vecchia.

Fu un’esperienza indimenticabile. Mi narrò una toccante storia di lacrime nascoste e di risate alla luce del sole, volutamente ostentate per tenere alto il morale della nidiata. . . che era lì presente e scalpitante (cinque su sette, per via dei due più grandicelli già piazzati gratuitamente alla ‘Community school’) e pendeva dalle labbra della nonna, sganasciandosi dal ridere ogniqualvolta ella concludeva con una battuta esilarante i momenti più drammatici della sua impari lotta contro la fame, la miseria e la morte.

“Quand’è che te li sei trovati tutti sulla groppa, nonna?”

“Prima, dal 2002, ne ho avuti sei da mantenere; poi, alla morte dell’ultima figlia, nel Giugno dell’anno scorso, si sono aggiunti gli altri due. Mi sembrava proprio di farcela, ma poi ho perduto Remy!”. Ebbe un attimo di scoramento. Chiuse gli occhi e un tremito improvviso le fece vibrare le labbra, quasi stesse per piangere. Povera nonna! Aveva un magone di pena e d’angoscia per quella morte, che doveva sentire come una sconfitta – e forse una colpa – personale. Per riportarla a una valutazione più positiva della realtà le chiesi subito come aveva fatto a mantenere tutta quella brigata per tanto tempo.

BAMBINI, AFRICA, FAME
Shutterstock

Merito delle mie vicine di casa. Più di due anni fa si organizzarono e, dopo essersi tassate esse stesse per iniziare il fondo, andarono a parlare del mio caso alle fitente della parrocchia (le piccole comunità di base). Così sono riuscite a mettere insieme un bel gruzzolo, come capitale perché partissi col mio commercio!”

Non credevo alle mie orecchie. “E quanto misero insieme come capitale iniziale?”

“Cinquantamila Kwacha! Sono state bravissime!”

“Cinquantamila? Accipicchia!”. Non c’era bisogno di calcolatore: col Dollaro a cinquemila Kwacha, facevano dieci Dollari tutti interi! “E tu mi dici che con cinquantamila Kwacha sei riuscita a mantenere ‘una nonna e sette fringuelli’ per due o tre anni?!”

“Beh, mantenere mica tanto, per la verità! Erano otto. . . e uno m’è volato via!” (Che sbadato! Perché mai ricordarle il numero dei suoi uccellini? Evidentemente, quello assente le premeva sul cuore più dei sette presenti). Le misi una mano sulla spalla e con tutta la tenerezza di cui ero capace la rassicurai che nessuno avrebbe potuto fare di più e che anzi ero curioso di sapere come c’era riuscita con un capitale di quelle dimensioni. 

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.