Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Le notti di Padre Bergoglio a confessare i fedeli nel santuario della Madonna di Lujan

OUR LADY OF LUJAN,POPE FRANCIS
Condividi

L'allora vescovo di Buenos Aires aveva notato che c'era qualcosa di mistico nell'atmosfera di Lujan: era un luogo dove avvenivano conversioni straordinarie

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Nel santuario mariano di Lujan, in Argentina si venera una piccola immagine della Madonna che però ha un grande mantello. E’ una statua della Vergine molto tenera, che dà l’idea di protezione e aiuto. Ad essa si rivolgono sopratutto i fedeli che vi giungono in pellegrinaggio per espiare i propri peccati e ritrovare il feeling perduto con Dio.

Il futuro Papa Francesco, da vescovo di Buenos Aires, era solito venire a Lujan in pellegrinaggio, insieme ai fedeli e restare parte del weekend a santuario per confessare le tante persone che vi giungono.   

I miracoli di Lujan

Bergoglio racconta questo episodio, molto importante per la sua devozione alla Madonna, a Padre Alexandre Awi Mello, autore del libro “E’ mia madre – Incontri con Maria” (Città Nuova).

Francesco nella conversazione con Padre Mello, gli espone alcune delle sue esperienze personali vissute a Luján, che spiegano perché questo luogo mariano possiede un misticismo profondo.

«Mi dedicai sempre di più ai pellegrinaggi e scoprii cosa sono i miracoli della Madonna, cosa fa la Madonna». Invece di descrivere miracoli fisici, guarigioni straordinarie, il primo tipo di miracolo che Bergoglio evidenzia è quello spirituale, cioè le conversioni: «Lei scuote le coscienze Occhio! In senso buono, però, cioè è la madre che ti sistema le cose».

60 chilometri a piedi

La presenza materna di Maria, sperimentata dai fedeli nel santuario, li porta a un profondo esame di coscienza che li aiuta a mettere un po’ di “ordine” nelle proprie vite. Bergoglio porta alcuni esempi che permettono di capire meglio la sua teoria. E parla, quindi, delle sue esperienze con le confessioni a Luján.

Dopo aver percorso quei 60 chilometri a piedi con i suoi fedeli fino al santuario, monsignor Jorge Bergoglio si occupava di ascoltare i fedeli bisognosi dell’esperienza del perdono e della riconciliazione con Dio, con il prossimo e con sé stessi.

Le confessioni notturne di Bergoglio

Tutti i santuari, secondo il Codice di diritto canonico, fa notare Padre Mello, sono di fatto luoghi dove si devono offrire più in abbondanza i mezzi di salvezza, specialmente i sacramenti della riconciliazione e dell’eucaristia (cf. can. 1234 § 1).

A Luján la situazione non era diversa e il futuro pontefice, insieme a decine di altri sacerdoti, durante il pellegrinaggio si occupava, instancabilmente, di questo prezioso ministero:

«Restavo a confessare. Normalmente mi sedevo dalle sei del pomeriggio del sabato fino alle dieci di sera. Dieci, dieci e un quarto. Poi andavo a mangiare un panino e dormivo fino all’una di notte. All’una e mezza circa tornavo e restavo fino alle sei passate, perché poi alle sette c’era la Messa. Quindi, coprivo il turno di tutta la notte…».

“A destra…”

Papa Francesco evidenzia un aspetto fondamentale delle confessioni. «Quando si entra in basilica, la gente entra a sinistra, vede la Madonna ed esce a destra. Ho confessato sia a sinistra che a destra».

Mentre i fedeli fanno la fila per passare davanti all’immagine di Nostra Signore di Luján, che si trova sopra l’altare maggiore della basilica, dunque, i sacerdoti restano a disposizione dei fedeli dentro alla basilica, sia nel lato destro che in quello sinistro della navata centrale, sia sui banchi che nei confessionali.

Bergoglio ricorda che, quando confessava sul lato sinistro della basilica, nelle confessioni normalmente non appariva nessuna cosa strana, erano confessioni normali. «Ma a destra…».

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.