Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Vi raccontiamo gli incontri con il diavolo di 5 preti esorcisti

Condividi

Da Don Alfonso Commod a Don Leone Iorio: manifestazioni sataniche avvenute in tutta Italia. Malefici e Massoneria come cause di venuta dei demoni

5) Padre Salvatore Vico

Padre Salvatore Vico, originario dell’isola della Maddalena, in Sardegna, nacque nel 1896. Fu il fondatore delle Suore Figlie di Gesù Crocifisso. Il suo rapporto con il demonio lo ha raccontato pubblicamente in un’intervista concessa ad un altro noto esorcista sardo, don Gianni Sini.

Don Gianni: Ci sono dei segni evidenti oggi, nella società, che il diavolo agisce e lavora per realizzare il male?

Padre Salvatore: «La Massoneria è un segno evidente, perché offre il culto a Satana, attraverso parodie del nostro culto cattolico e cristiano, ha una sua liturgia, un proprio rituale e dei paramenti. In America, addirittura, esistono due sette protestanti che vengono chiamate “I figli del diavolo”».

Don Gianni: Quali sono i gesti o i comportamenti che favoriscono la pre- senza del Maligno?

Padre Salvatore: «I malefici e gli stessi maghi che li confezionano sono al servizio del diavolo. Chi porta il maleficio si pone al servizio del male. C’è un danno fisico perché coloro che sono al servizio del diavolo fanno concretamente il male e, dall’esperienza, sappiamo che nessuno è portato alla violenza, perché essa è contro natura. Quando vengono da me, ossessi o straziati dalla presenza di questi malefici, consiglio, come prima cosa, la distruzione di essi nel fuoco».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni