Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Febbraio |
Beata Giuseppina Bakhita
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Quali sono i rischi che corre un prete esorcista?

EXORCISM

Shutterstock-itsmejust

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 21/09/18

Aggressioni fisiche, violenza da parte dell'indemoniato? Il quasi centenario Padre Cavallo fa chiarezza su alcuni luoghi comuni

E’ rischioso fare un esorcismo? C’è realmente la possibilità di essere aggrediti fisicamente dall’indemoniato? Padre Francesco Cavallo è un anziano esorcista che vive in provincia di Salerno e dal 1979 pratica il rito di esorcismo sulle persone possedute o vessate.

In “L’esorcista quasi centenario” (edizione Segno), a cura di don Marcello Stanzione, Padre Cavallo racconta quello che gli accade durante gli esorcismi.

La protezione della Madonna

«Più volte – spiega – le persone possedute o vessate dal demonio hanno tentato di aggredirmi, ma non sono mai riuscite a toccarmi. Le loro mani, giunte a pochi centimetri dal mio viso, hanno trovato un invisibile ostacolo. C’è stato chi ha esclamato: “C’è quella lì che ti protegge”. Penso fosse la Madonna. Non ho fatto quindi alcuna esperienza di aggressione fisica su di me, ma numerosissime – direi quotidiane – le aggressioni verbali, gli insulti, le parole sprezzanti (Pretaccio, smettila! Vecchiaccio taci!) a me indirizzate. Ovviamente non vi bado. Chi le pronuncia non è padrone di sé in quei momenti: si contorce, si getta per terra, fa gesti inconsulti».




Leggi anche:
L’esorcismo di Sant’Ignazio che ha liberato quattro donne dal demonio

Leggera e sorridente

Dopo aver pronunciato le formule esorcistiche, il sacerdote esorcista invoca e impartisce la benedizione divina: a quel punto «tutto cambia».

«Desidero sottolineare l’importanza della divina benedizione che pone fine all’esorcismo: è una scudisciata efficacissima inferta allo spirito malefico. La persona da lui molestata – osserva Padre Cavallo – nel giro di pochi minuti secondi, riacquista la serenità, si sente leggera, sorride. È anche vero che talvolta la persona insidiata dal maligno, non abbia alcuna reazione durante la recita delle formule esorcistiche».

Ma questa tranquillità esteriore non è altro che «una furbizia del maligno, che vuole far credere (all’esorcista) che egli non ci sia. La esteriore tranquillità del paziente è però soltanto temporanea, perché il maligno, poco dopo l’esorcismo, scarica la sua rabbia sulla persona da lui vessata».


PANTHEON

Leggi anche:
Quando il Papa fece un esorcismo al Pantheon…




Leggi anche:
L’esorcismo di Sant’Ignazio che ha liberato quattro donne dal demonio

“Se ne stia tranquillo”

L’esorcista che confida unicamente negli interventi del Signore, «ed è convinto di essere soltanto un suo povero strumento, anzi un indegno strumento – sentenzia Padre Cavallo – se ne stia tranquillo. Non corre alcun rischio. È Dio la sua difesa. L’unico rischio sarebbe quello di insuperbirsi, attribuendo a sé un pochino di merito. Che follia!».

EGZORCYZM
Shutterstock

La preghiera del beato Russolillo

In ogni caso, consiglia l’esorcista ai suoi colleghi, «è sommamente raccomandabile» ripetere «ogni mattina» alcuni frasi contenute in una preghiera scritta dal beato Giustino Russolillo, fondatore della Congregazione dei Padri Vocazionisti:

“Signore, sia questo un giorno di liberazione da ogni diritto e da ogni influsso che il nemico possa esercitare su di me. Sia un giorno di redenzione e di espiazione di tutti i miei debiti di pena, in grazia della tua pietà e della mia penitenza. Sia un giorno di crescente unione amorosa con Te, così che divenga veramente il giorno del Signore, un giorno che abbia qualcosa dell’eternità e non sia indegno del cielo”.




Leggi anche:
Un vero esorcismo di padre Gabriele Amorth raccontato in un film

Tranelli e trappole “non violente”

Padre Cavallo rincara la sua tesi: «Sono convinto che il Demonio non possa arrecare alcun danno fisico all’esorcista. Come fa con altre persone, può tendergli tranelli, trappole occasioni di peccato, se Dio glielo permette. Dio è Amore, e altro non vuole che il progresso spirituale del suo strumento (l’esorcista)».

m40yh8yfkngwy6qx3g7q28rnwzue5gletobocklcow5qsltf4ofbgngvcv0msvqnvwlzvg-a98umintg0rjqsmx83ltt.jpg

Progredire nella lotta spirituale

«Tale progresso – conclude l’esorcista – che è crescita nella vita di grazia fino a raggiungere alte vette di santità, avviene soltanto con l’esercizio delle virtù cristiane (l’umiltà, la pazienza, lo spirito di sacrificio, la carità, il perdonare “settanta volte sette”, ecc.)».

Ebbene, chiosa Padre Cavallo, «Dio permette disturbi e tentazioni di vario genere da parte del Demonio allo scopo di indurre l’esorcista a lottare per progredire nella vita spirituale. Il soldato che non combatte non merita alcuna medaglia».


ESORCISMO CROCE

Leggi anche:
Fate attenzione all’esorcismo fai-da-te!

Tags:
esorcismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.