Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quali sono i rischi che corre un prete esorcista?

EXORCISM
Shutterstock-itsmejust
Condividi

Aggressioni fisiche, violenza da parte dell'indemoniato? Il quasi centenario Padre Cavallo fa chiarezza su alcuni luoghi comuni

E’ rischioso fare un esorcismo? C’è realmente la possibilità di essere aggrediti fisicamente dall’indemoniato? Padre Francesco Cavallo è un anziano esorcista che vive in provincia di Salerno e dal 1979 pratica il rito di esorcismo sulle persone possedute o vessate.

In “L’esorcista quasi centenario” (edizione Segno), a cura di don Marcello Stanzione, Padre Cavallo racconta quello che gli accade durante gli esorcismi.

La protezione della Madonna

«Più volte – spiega – le persone possedute o vessate dal demonio hanno tentato di aggredirmi, ma non sono mai riuscite a toccarmi. Le loro mani, giunte a pochi centimetri dal mio viso, hanno trovato un invisibile ostacolo. C’è stato chi ha esclamato: “C’è quella lì che ti protegge”. Penso fosse la Madonna. Non ho fatto quindi alcuna esperienza di aggressione fisica su di me, ma numerosissime – direi quotidiane – le aggressioni verbali, gli insulti, le parole sprezzanti (Pretaccio, smettila! Vecchiaccio taci!) a me indirizzate. Ovviamente non vi bado. Chi le pronuncia non è padrone di sé in quei momenti: si contorce, si getta per terra, fa gesti inconsulti».

Leggera e sorridente

Dopo aver pronunciato le formule esorcistiche, il sacerdote esorcista invoca e impartisce la benedizione divina: a quel punto «tutto cambia».

«Desidero sottolineare l’importanza della divina benedizione che pone fine all’esorcismo: è una scudisciata efficacissima inferta allo spirito malefico. La persona da lui molestata – osserva Padre Cavallo – nel giro di pochi minuti secondi, riacquista la serenità, si sente leggera, sorride. È anche vero che talvolta la persona insidiata dal maligno, non abbia alcuna reazione durante la recita delle formule esorcistiche».

Pagine: 1 2

Tags:
esorcismo
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni