Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

L’esorcismo di Sant’Ignazio che ha liberato quattro donne dal demonio

Condividi

A Modena un quadro che rappresenta il fondatore dei Gesuiti e una sua reliquia avrebbero allontanato una schiera di spiriti maligni. Ecco il documento che racconta l'episodio

Quattro nobildonne liberate dai demoni grazie a Sant’Ignazio di Loyola. Nelle fonti ignaziane, un documento riportato alla luce dallo storico gesuita padre Daniello Bartoli racconta un episodio accaduto a Modena.

Era il 1598 quando Luisa Fontana, Francesca Brancolini e Anna Brancolini, e la giovanissima Livia Fontana vennero dichiarato possedute.

Luisa era sposata con Paolo Guidoni, Anna era rimasta nubile, Francesca e Livia erano religiose orsoline. La loro era una famiglia virtuosa, racconta don Marcello Stanzione in “Papa Francesco fra angeli e diavoli” (edizioni Segno), e molto invidiata a Modena. E sopratutto era una famiglia felice fino a quando alcuni strani sintomi colpirono le quattro donne.

Strane malattie

I primi effetti che sentirono, furono strane malattie che le costrinsero a fare frequenti e costose visite presso i medici più qualificati. Tutto invano, perché queste sfortunate passavano da un male a un altro completamente opposto, così improvvisamente che del primo non restava alcuna traccia, proprio come nessun sintomo precedeva il secondo: un giorno erano in piena salute, il giorno dopo, all’estremo opposto.

Le urla in Chiesa

Quando si ricorreva a oggetti benedetti, il male cedeva nel punto in cui erano applicate, ma riappariva altrove, cambiava soltanto il posto. Oltre alle sofferenze corporali, queste dame erano afflitte da un tormento di gran lunga superiore a quello fisico: diventavano violente verso gli altri, imprecavano in modo odioso e quando entravano in Chiesa erano incontenibili: urlavano, sbraitavano, inveivano contro il Signore.

Il tentativo di suicidio

In una circostanza una delle quattro donne tentò addirittura il suicidio e fu salvata dal marito prima che si lanciasse da uno strapiombo.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni